Lite Staffelli-Del Noce, richiesta condanna per entrambi

al processo in corso per la lite tra valerio staffelli e fabrizio del noce, in cui i due sono entrambi imputati e parte lesa, l'accusa ha chiesta una condanna a 4 mesi di reclusione per staffelli e 400 euro di multa per del noce

da , il

    Al processo per l’ormai storica lite tra Fabrizio Del Noce e Valerio Staffelli, che vede i due protagonisti nella duplice condizione di imputati e parte lesa, l’accusa ha chiesto una condanna per entrambi. Martedì 22 settembre la replica degli avvocati difensori. In alto il video del servizio di Striscia la notizia “finito male”.

    Quattro mesi di reclusione per Valerio Staffelli, imputato per violenza privata nei confronti di Fabrizio Del Noce, e quattrocento euro di multa al direttore di Rai Fiction imputato di lesioni. Queste le richieste di condanna del pubblico ministero al processo in cui entrambi sono contemporaneamente imputati e parte lesa per la lite avvenuta tra i due il 30 novembre del 2007 al ristorante Il Bolognese di Roma.

    In particolare Del Noce è accusato di aver colpito Staffelli al naso con il microfono che gli strappò di mano: secondo alcune perizie presentate alla Corte presieduta dal giudice Paola Della Monica, la lesione provocata dalla microfonata avrebbe fatto perdere l’olfatto all’inviato di Striscia La Notizia.

    Staffelli invece deve rispondere di violenza privata per il pressing su Del Noce al quale avrebbe impedito di allontanarsi dal locale dopo aver tentato invano di ottenere un’intervista e consegnare il tapiro d’oro.

    I difensori del giornalista del tg satirico di Canale 5, Andrea Righi e Salvatore Pino, hanno chiesto l’assoluzione da questa accusa e un risarcimento danni di 200mila euro: “la violenza privata non esiste, non possiamo impedire a un giornalista di fare il suo mestiere” hanno sostenuto.

    Allo stesso modo anche gli avvocati dell’ex direttore di Rai Uno, Giuseppe Benedetto e Giandomenico Caiazza, hanno chiesto l’assoluzione per il loro assistito “perché ha agito per legittima difesa. È stato assediato da Staffelli che era con due cameramen. Mortificato, umiliato, ridicolizzato e offeso”.

    L’udienza è stata rinviata dal giudice al 22 settembre quando toccherà alle repliche degli avvocati.