Leonia Coccia: “Il GF9 ha paura di me”

Leonia Coccia si lamenta della scarsa visibilità concessale dal Grande Fratello 9: neanche i best moments all'uscita e neanche una domanda da quando è uscota dalla casa, lo scorso 2 febbraio

da , il

    Leonia Coccia, ex concorrente del Grande Fratello 9, accusa il reality di averla messa da parte e di non averle concesso il ‘minimo sindacale’ di visibilità dovuta in quanto ex inquilina. “Contro di me c’è un muro” dice Leonia che accusa il GF9 di ‘complottare’ ai suoi danni. In alto un omaggio a Leonia fatto da Mai Dire Grande Fratello.

    Se il Grande Fratello non concede a Leonia Coccia il giusto tributo mediatico ci pensa lei stessa a procacciarsi articoli di giornale e visibilità sulla stampa. Leonia, soprannominata La Tigre, è entrata al Grande Fratello a una settimana dall’inizio del reality dopo un rapido passaggio dal Gran Hermano, la versione spagnola del GF, grazie ad un televoto che l’ha preferita alla ‘collega’ Doroti Polito. Il suo ingresso nella casa di Cinecittà è stato accompagnato da uno ‘scoop’ sulla sua sessualità: apparsa in una docufiction in cui recitava la parte dell’amante della protagonista, è stato facile (più o meno) dedurre che fosse gay. ‘Sospetto’ che l’ha fatta balzare – a sua insaputa – sulle pagine dei maggiori quotidiani italiani.

    Quel po’ di visibilità conquistata la deve, quindi, proprio alla docufiction La Sfortuna mi fa Capoccella, incentrata sulla vita da tossica ed ex carcerata dell’amica Caterina D’Agostino, di cui interpretava, appunto, la fedele compagna di quattro anni di vita.

    Uscita dalla Casa il 2 febbraio scorso, dopo due sole settimane di permanenza, Leonia ha annunciato di voler far causa alla D’Agostino, rea di aver ‘speculato’ su quella comune esperienza fictional per ottenere un po’ di notorietà di ‘riflesso’.

    Il problema vero è che questa notorietà è rapidamente sfumata: dopo un’apparizione a PomeriggioCinque, che aveva già accolto la madre di Leonia mentre era ancora in casa, per smentire la sua omosessualità, Leonia è un puro elemento scenografico nello studio del GF9. E lei non ci sta.

    Hanno paura di mandarmi in video – dice ora Leonia riferendosi evidentemente agli autori del GF9 – non me la stanno facendo pulita. Quando sono uscita non è stata fatta vedere la pagella dei risultati e nemmeno il filmato dei miei ricordi. Volevo 5 minuti e me li hanno negati”. Certo, è stata privata di un diritto inalienabile del concorrente da reality. Ma va ricordato anche che è stata eliminata nel giorno in cui Daniela Martani ha lasciato la casa per difendere il suo posto di hostess all’Alitalia. Ovvio che la Vertenza Martani le abbia ‘rubato’ spazio.

    Ma Leonia, furiosa e sospettosa, aggiunge: “Mi avrebbero potuto far intervenire, ma contro di me c’è un muro. Non avere lo spazio che merito non mi sta bene. Stanno girando voci che ledono la mia immagine. Credo che qualcuno abbia paura a mandarmi in televisione. Di mio credo di essere gradita al pubblico. Tanta gente mi ferma per strada e mi chiede se sono omosessuale, mi esprime solidarietà, mi fa gli auguri”.

    Siamo contenti che il pubblico partecipi in maniera così decisa alle vicende di una presunta lesbica, ma la domanda nasce spontanea: perché, di grazia, il GF9 dovrebbe avere ‘paura’ di Leonia Coccia?