Lele Mora scende in politica e svela l’identikit della donna di Berlusconi

Lele Mora scende in politica

da , il

    lele mora partito

    C’era d’aspettarselo e l’aveva detto… Lele Mora scenderà presto in politica. L’agente delle dive, coinvolto nel caso Ruby, ha detto le sue intenzioni durante un’intervista al programma radiofonico Un giorno da pecora, in onda su Radio2. Mora è deciso: “Voglio fare un partito mio che coinvolga tutte le persone che ingiustamente hanno avuto problemi di giustizia, nel 2013 vorrei diventare senatore“. Non solo, a Radio 2 Mora ha anche svelato qualche dettaglio in più sulla fidanzata di Silvio Berlusconi.

    Dunque Lele Mora è pronto a entrare in politica, ma non vuole entrare nel Pdl (come precedentemente dichiarato): Si, nel 2013″. Voglio fare un partito di popolo, semmai mi potrei associare al Pdl. Come si chiamerà il nome del partito dell’uomo che fino a qualche anno fa si faceva fotografare mentre si faceva massaggiare i piedi da Costantino Vitaliano e da Daniele Interrante? “No, l’idea è ancora in fase embrionale. Lo fonderò con alcuni miei amici“, ha spiegato Mora che ha aggiunto che ancora non ne ha parlato con Silvio Berlusconi. L’agente delle star è stato coinvolto nello scandalo Ruby ed era infatti lui a procurare – secondo l’accusa – i nomi delle ragazze che partecipavano ai festini di Arcore.

    Una cosa è certa Lele Mora nion si schiererà con il Pd: “Non sono fascista, sono mussoliniano, a casa ho 30 busti di Mussolini“, ha detto a Radio 2 l’agente aggiungendo di essere “contrario alla guerra, sono sempre per la pace, non sarei andato in Libia e se fossi stato senatore avrei votato contro l’intervento“. Non solo, Lele Mora sembra aver studiato e interrogato su un altro dei temi caldi di questi giorni dice di essere “contrario al nucleare“.

    Altro capitolo riguarda l’immigrazione, qui Lele Mora sembra molto più vicino al Carroccio: “Sarei come Bossi, manderei gli immigrati tutti a casa loro, qui siamo già troppi. Noi non abbiamo niente e loro hanno il petrolio“. A Radio 2 Mora ha anche detto al sua sul testamento biologico:Lascerei che decidano i familiari“. Curioso che Mora, che subito dopo si dichiara bisex, sia contrario al matrimonio fra omosessuali: “No, marito e moglie devono fare i figli, i gay che si amino fuori dai matrimoni, ci si può amare lo stesso senza sposarsi. Sono bisex e ho anche dei figli. Poi se succedono delle altre cose a casa mia sono affari miei, non le metto in piazza“.

    Durante l’intervista, non ha solo presentato il suo programma politico, Lele Mora ha anche fornito qualche dettaglio in più sulla misteriosa fidanzata del premier: sarda, giovane, laureanda per la seconda volta. Questo è l’identikit, ma Mora non svela il suo nome: “Sarà lui a decidere se e quando dire chi è”. Non solo, la ragazza è “bionda naturale. Tra i 25 e i 28 anni. Italianissima”. Al momento non lavora ed è laureanda: “Si sta laureando, ha già una laurea e ne sta prendendo una seconda“. Berlusconi la frequenta da “due anni” ed è “sarda“, a questo punto il giornalista gli chiede se si tratta della cantante Francesca Ravot e lui risponde: “Non dico niente“, che come al solito… chi tace acconsente?