Le papera non fa l’eco, per Vladimir Luxuria operazione ascelle in diretta TV

La papera non fa l'eco: Vladimir Luxuria annusa ascelle maleodoranti in video a Rai 2

da , il

    Luxuria annusa un'ascella

    A La papera non fa l’eco, per Vladimir Luxuria operazione ascelle in diretta TV: video-sorpresa inaspettata su Rai 2 nel nuovo programma del lunedì sera condotto da Max Giusti. Ospite ieri sera 17 novembre 2014 sul secondo canale, la showgirl ha annusato le ascelle maleodoranti di sei uomini. Obiettivo? Verificare l’ipotesi definita scientifica ‘due gemelli hanno lo stesso odore’, tra gli esperimenti previsti dal nuovo format che si occupa di testare e verificare credenze con filmati e prove in studio.

    Diciamolo pure, a giudicare dal numero di ascelle propinatole in diretta tv, Vladimir Luxuria ha preso la situazione sotto gamba, anzi sotto braccio. Tra le prove – concept del programma tv sbarcato in Italia sulla Rai – proprio la missione di verificare singolari ipotesi con degli esperimenti cosiddetti scientifici. Esperimento, tra gli altri, più che riuscito, visto che alla fine dell’annuso record Vlady è riuscita ad individuare i due gemelli ugualmente puzzolenti.

    Da paladina dei diritti lgbt con annessa polemica per l’assenza a TV2000, a regina del nuovo fronte dell’intrattenimento per la rete giovane della TV pubblica: se sul piccolo schermo, pochi vescovi, anzi nessuno, avrebbe voluto che Vlady mettesse il naso…sulle notizie del giorno, a Rai 2 sono avanti – si fa per dire. Quindi, non solo c’ha messo il naso, ma ha anche rischiato di perderlo, a giudicare dalla puzza insopportabile che emanavano – a suo dire – quei fiori di signori.

    In certe circostanze, per cui è sembrato che Vlady fosse vittima e allo stesso tempo carnefice di menti passeggere nel lunedì sera di Rai 2, si sa, l’unica cosa che si può utilizzare come exit strategy è la carta della franchezza, prima, la battuta pronta, poi, per ovviare a momenti di percepito imbarazzo: «Lo sto facendo per sputt@narmi, altro che per la scienza», ha commentato Vlady in prima battuta, per poi aggiungere una serie di freddure a cascata: «non aprite quell’ascella», «sembra un film horror», e, rivolgendosi ad uno degli uomini annusati: «questo è in decomposizione».

    Un momento apice per il programma, perché ha portato ‘movimento’ e curiosità là dove fino ad un attimo prima regnava vestigia di noia (si tratta peraltro di un debutto), ma, allo stesso tempo pedice, data la qualità dell’esperimento, che sembra voler scrivere a tutti i costi e in termini anticipatori un destino a sua volta già scritto: talvolta due lunedì di seguito sono troppi, anche per la tv. E pensare che non troppo tempo fa Vladi così diceva in una campagna anti-pellicce: «il pelo non fa donna», ed è vero, ma, cara Vladi, nemmeno il pelo delle ascelle. Che si sappia.