Le Iene, quinta puntata 15 ottobre 2014 diretta live: la malattia di Claudia e il virus ebola

Le Iene show, anticipazioni e live puntata del 15 ottobre 2014: Nadia Toffa e il virus Ebola, Filippo Roma torna da Matteo Renzi per la Sla

da , il

    Le Iene show torna questa sera su Italia 1 alle 21.10 con Ilary Blasi e Teo Mammucari: nell’attesa della diretta live della quinta puntata, Televisionando vi offre le anticipazioni per i servizi del 15 ottobre 2014. Grande attenzione al tema della salute pubblica, con Filippo Roma che tornerà ad occuparsi dell’assistenza ai disabili e a distanza di venti giorni dal primo incontro, così come promesso nel precedente servizio, intervisterà nuovamente il Premier Matteo Renzi in merito al mancato aggiornamento del nomenclatore tariffario.

    Qualche settimana fa, Roma, dopo aver intervistato Marco Gentili, affetto dalla Sla, aveva fatto promettere al premier Matteo Renzi di occuparsi dell’avvio delle procedure per l’aggiornamento del “nomenclatore tariffario”, un documento del Ministero della Salute che consiste nell’elenco dei dispositivi medici e delle protesi che le Asl forniscono gratuitamente ai disabili, introdotto nel 1999 e mai aggiornato. Le anticipazioni per la quinta puntata de Le Iene del 15 ottobre 2014, dicono che Matteo Renzi avrebbe contattato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin: “Ho parlato con Beatrice Lorenzin a lungo su questa cosa. Loro hanno preso l’impegno di farlo entro dicembre. È troppo in là perché dopo 15 anni è vero che uno potrebbe dire che ci sono ancora due mesi e bisogna stringere. Spero di riuscire ad anticipare, anzi sono certo che riusciamo ad anticipare”, ha risposto il premier.

    La iena Nadia Toffa si occupa poi del virus ebola. Come si viene contagiati? Quali sono i sintomi? Anche in Italia esiste il rischio di contrarre il virus? Toffa intervista sulla questione alcuni esperti, tra cui il Professor Massimo Galli (direttore della Terza Divisione di Malattie Infettive all’ospedale Luigi Sacco di Milano) e Livia Tampellini (Medici Senza Frontiere). Matteo Viviani si occuperà invece di quanto accaduto a Villabate, un comune in provincia di Palermo, dove 4 mesi fa si è svolto il sorteggio degli scrutatori dei seggi elettorali per le elezioni europee. Sorteggio che, a detta di qualcuno, avrebbe presentato presunte irregolarità. La Iena cerca di far chiarezza sulla vicenda intervistando alcuni testimoni.

    Finiscono qui le anticipazioni per la quinta puntata de Le Iene del 15 ottobre 2014: appuntamento come sempre alle 21.10 su Televisionando per il live della puntata.

    Ore 21.10 Si parte in orario, ma è subito pubblicità.

    Il virus ebola: storia e diffusione

    21.14: E si torna in studio con l’ebola. La iena Nadia Toffa si occupa poi del virus ebola. Come si viene contagiati? Quali sono i sintomi? Anche in Italia esiste il rischio di contrarre il virus? Toffa intervista sulla questione alcuni esperti, tra cui il Professor Massimo Galli (direttore della Terza Divisione di Malattie Infettive all’ospedale Luigi Sacco di Milano) e Livia Tampellini (Medici Senza Frontiere).

    Improbabile l’arrivo di ebola in Italia, quantomeno scientemente. Ah che fortuna. E i gruppi terroristici? L’esperto dice che è poco maneggevole, meglio virus che si trasmettano per aria e acqua.

    Il contagio è una cosa complicata, ma lavatevi le mani“, dice la Tampellini. Lavarsi le mani almeno dieci-quindici secondi

    Le Iene fanno esperimenti: ma anche se uno tossisce, in pochi si spostano. In Spagna e America il protocollo non è stato rispettato, di qui il contagio.

    Ma in Italia sarebbe meglio fare qualcosa sul fronte prevenzione, nonostante le promesse del ministro della Salute.

    21.27 Ritorno in studio. Ma Ilary? #mygod

    Luigi Pelazza e il resort evasore totale

    Luigi Pelazza si occupa di un castello da favola, risalente all’Ottocento ma perfettamente ristrutturato, con suite, piscina, campo da golf. L’immobile e l’attività sono rimasti per cinque anni completamente sconosciuto al Fisco e alla previdenza sociale. Camerieri, cuochi, giardinieri non avevano contratto e anche i clienti, per lo più stranieri, non venivano registrati. Ma il sindaco ciurla nel manico.

    Questo sarebbe l’evasore, Jonas di Stoccolma, che in Svezia paga regolarmente le tasse.

    E Pelazza lo ferma, ma lui gli dice di non avere soldi neanche per mantenere la casa.

    E’ colpa dell’italiano (eh beh!)

    E alla fine… si becca pure del paraculo.

    21.35 Si torna in studio, parlando del matrimonio di Michelle Hunziker.

    21.38 Pubblicità

    Elezioni europee in Sicilia

    21.43 Matteo Viviani si occuperà invece di quanto accaduto a Villabate, un comune in provincia di Palermo, dove 4 mesi fa si è svolto il sorteggio degli scrutatori dei seggi elettorali per le elezioni europee. Sorteggio che, a detta di qualcuno, avrebbe presentato presunte irregolarità. La Iena cerca di far chiarezza sulla vicenda intervistando alcuni testimoni.

    Tra le altre irregolarità, era assente il vicesegretario/verbalizzatore/controllore. Dieci o dodici persone non corrispondevano, dice il consigliere Corrao. Ovviamente tutti parenti di

    Questo è il giornalista

    che ha registrato un consigliere…

    fare dichiarazioni compromettenti. Il caso finisce pure su Telejato, celebre tv siciliana.

    E ovviamente il consigliere ciurla nel manico. E nonostante le prese di distanza, anche del Pd, tutti sono ancora lì.

    L’assessore rivela anche che Ismaele è il primo dei non eletti, ma il giovane promette che non farà il consigliere a Villabate.

    22.00 ritorno in studio. E Ilary dice che la giunta di Villabate ha dato le dimissioni irrevocabili.

    22.03 E pubblicità

    22.08 E ritorno in studio. Con Luxuria, Berlusconi e Dudu.

    Matteo Renzi e il nomenclatore tariffario

    21.11 Filippo Roma torna ad occuparsi dell’assistenza ai disabili e a distanza di venti giorni dal primo incontro, così come promesso nel precedente servizio, intervisterà nuovamente il Premier Matteo Renzi in merito al mancato aggiornamento del nomenclatore tariffario. A che punto sono le procedure per l’avvio dell’aggiornamento del “nomenclatore tariffario”, un documento del Ministero della Salute che consiste nell’elenco dei dispositivi medici e delle protesi che le Asl forniscono gratuitamente ai disabili, introdotto nel 1999 e mai aggiornato? L’inizio del servizio non promette bene…

    E Roma rivela che lo Stato paga più di un privato proprio in virtù del mancato aggiornamento…

    Ad esempio una carrozzina costa…

    molto meno al privato che allo stato.

    In alcuni casi MOLTO meno.

    E alla fine Renzi dice che il nomenclatore sarà aggiornato entro dicembre… o meglio, entro novembre.

    Paga la Asl? Costa il triplo

    22.19 Giulio Golia riprende alcuni temi dell’altro servizio: la sanità allo Stato costa più che al privato.

    Il plantare ha una differenza di 100 euro tra pagamento del privato e dello Stato.

    Il titolare della sanitaria giustifica quello al privato come un trattamento di favore. Ma il protagonista del servizio smentisce di aver richiesto trattamenti di favore.

    E viene intervistato anche il direttore della Asl..

    Che ovviamente deve fare delle verifiche… salvo poi ammettere di aver ricevuto la segnalazione di Fabio. E la vigilanza do’ sta?

    22.25 Ritorno in studio.

    22.28 E pubblicità.

    22.33 E ritorno in studio

    Il truffatore dell’Enel

    22.34 Andrea Agresti torna a parlare del truffatore dell’Enel… che ha truffato un sacco di gente, pretendendo soldi tra i due e i tremila euro.

    Sempre lui, quello della settimana scorsa: però si chiamava Pino. Ma aveva un compare di nome Salvatore…

    Che ha detto di avere un tumore e di fare la dialisi…

    Ma Salvatore sta molto bene… e si dichiara innocente…

    Ed ecco il celebre Salvatore… munito di catetere e stampella… “Quello è un paraculo”, certificano i vicini.

    22.42 Pubblicità, previa marketta per Zelig, cui domani sera parteciperà la Gialappa’s

    22.47 Ritorno in studio

    Lello, l’amico dei calciatori

    22.48 Torna Lello, l’amico dei calciatori. Star del pallone ‘costrette’ a doppiare video equivoci…

    Muntari non la prende bene, per la cronaca…

    La malattia senza nome di Claudia

    22.53 Nina si occupa del caso di Gaetano Digregorio e sua figlia Claudia, trattato da Repubblica. Fino a due anni fa Claudia era una bambina che respirava, camminava, giocava, andava a scuola. Lo fa anche oggi, ma si sposta su una sedia a rotelle e respira con una valvola tracheostomica. Il giorno degli esami di scuola media la ragazzina ha avuto una forte crisi respiratoria, per due settimane non si è risvegliata e le conseguenze sono state gravi e ancora inspiegate. Di quale malattia soffre? Non si sa: si sa solo che è neurodegenerativa.

    Gaetano prima faceva il meccanico nella sua officina di Santeramo di Bari, ora tutti i giorni, dalle 8 alle 13.30, resta in auto nel cortile della scuola che frequenta Claudia pur di starle vicino. “Lei è lì dentro che studia, fa quello che devono fare le ragazzine della sua età. E io l’aspetto qui fuori. Se ha bisogno di qualcosa ci sono“, spiegava. E l’obiettivo de Le Iene è quello di trovare un nome alla malattia di Claudia.

    Claudia si racconta: sa cucinare, le piace cantare (soprattutto Eros Ramazzotti) e vorrebbe tanto i capelli lisci. Ha anche un ragazzino che le piace, ma è più piccolo di lei.

    Link al video da far condividere e mail dove scrivere: https://www.facebook.com/leiene/posts/10152848243745530

    Disturbatori televisivi

    23.09 Questo è il nuovo Paolini… e si racconta ad Enrico Lucci. Ma perché?

    E poi si scopre che sono due. MA PERCHE’?

    A quello giovane piace mangiare. Quello vecchio si prostituisce oralmente. AGAIN: ma perché?

    23.18 Pubblicità dopo tre ore di fuffa sul punto g. Ma scegliere meglio argomenti e servizi da far seguire a quelli seri, no?

    Giulio Golia

    22.24 Giulio Golia ci racconta la morte di Stefano Siringo e Iendi Iannelli, a Kabul per il ministero degli esteri. Un duplice omicidio trasformato da morte per overdose. E l’assicurazione Lloyds non paga, nonostante una sentenza.

    La Iena Cisco – vuoi fare l’amore con me

    22.34 Cisco ci prova con tante ragazze, senza tanti preliminari. E senza successo, se non all’ultimo.

    Sabrina Nobile e la burocrazia

    Luana ha un servizio dell’apecalessino elettrico, ma i vigili urbani hanno messo i bastoni tra le ruote all’azienda, scambiata per una ditta di taxi. Zingaretti e Marino promettono interventi. Finora mai realizzati.

    23.46 Pubblicità

    Mauro Casciari e lo strabismo

    23.50 La Iena perugina parla di un problema che lo riguarda da vicino…

    O meglio, si parla di un concorso pubblico truccato: un vincitore assicurato, visto che il concorso è stato partecipato da un solo concorrente.

    Il figlio del dottore.

    Enrico Lucci e

    23.54 Un servizio che promette di non finire bene… e infatti. Luca – intervistato da Lucci tre anni fa – è morto. E la famiglia ne approfitta per lanciare un appello alla legalità.

    Musulmani d’Italia

    00.05 Italiani e musulmani. Tutto in uno. Bel servizio.

    Paolo Calabresi e le barriere architettoniche

    00.12 Paolo Calabresi torna ad occuparsi del caso di Luca, che l’anno scorso ha mangiato da solo in classe perché non c’era un ascensore e un elevatore per farlo arrivare a mensa. Due rampe di scale aka le barriere architettoniche inamovibile.

    Per fortuna loro: che con tremila euro risolvono l’inghippo.

    E meno male, visto che trovati i soldi, ci vorranno ancora mesi…

    La Iena Dino e il Pd

    00.18 In occasione del compleanno del Pd, la iena Dino fa le pulci alla vecchia guardia democratica, tra cui D’Alema e Bersani. Francesco Nicodemo, fino a pochi giorni fa responsabile comunicazione PD, sul suo blog, a proposito della sua collega di partito Marianna Madia quando ancora non era Ministro, dichiarava: “Rischiamo che nel prossimo Parlamento gente come Madia invece di diminuire, aumenterà e sarà sempre più libera di sparare caz***e”. Non mancano i ministri, come Andrea Orlando, ma anche Pina Picierno, capolista alle europee del PD per il Sud Italia, oggi difende in tv le scelte di Renzi. Qualche tempo fa, però, ha scritto tweet anti renziani (ndr: “qualcuno dica a Renzi che l’ONU ha appena sancito, e con un voto storico, che deve studià!“). Ma come mai i tweet contro Renzi sono stati cancellati?

    Nadia Toffa e l’ebola

    00.25 Ritorna in onda il primo servizio della serata. “A grande richiesta“, dicono Blasi e Mammucari. E basta allarmismi, twittano le Iene

    00.45 E anche per stasera è finita, buonanotte!