Le Iene, puntata 26 marzo 2014 live: indipendentisti, funerali e baci ‘sconosciuti’

Le Iene, puntata 26 marzo 2014 live: indipendentisti, funerali e baci ‘sconosciuti’

da , il

    Le Iene show torna questa sera su Italia 1 alle 21.10: nell’attesa del live della puntata, Televisionando vi offre le anticipazioni per i servizi di questa sera per un nuovo appuntamento condotto da Ilary Blasi e Teo Mammucari, accompagnati dalla voce fuori campo della Gialappa’s Band (Giorgio Gherarducci, Marco Santin e Carlo Taranto): non è detto – come abbiamo scoperto nel corso delle puntate precedenti – che tutti i servizi proposti finiscano effettivamente in scaletta.

    In un servizio di poco più di due anni fa, Giulio Golia mise in evidenza come organizzare un funerale nel comune di Casoria costasse più del doppio rispetto alla confinante Napoli, e alcuni titolari delle pompe funebri del capoluogo campano affermavano peraltro che nel territorio di Casoria non gli era possibile esercitare il proprio lavoro. In seguito al servizio alle Iene, pochi mesi fa, quattro persone sono state tratte in arresto. Le cose saranno cambiate?

    Dopo il referendum online per l’indipendenza del Veneto dall’Italia, Enrico Lucci si è recato presso alcune delle feste organizzate per l’occasione per comprenderne gli umori reali e raccogliere le testimonianze di coloro che sono favorevoli al distacco dal resto della Penisola.

    Una donna di nome Rosaria racconta a Filippo Roma di aver affittato, dal 2008 al 2013, un immobile di sua appartenenza all’Italia Dei Valori, che lo ha utilizzato come sede provinciale di Catania. Rosaria sostiene, però, di essere ancora in attesa di ricevere le 5.360 euro che il partito le dovrebbe come da contratto. Filippo Roma decide di recarsi in Molise e di chiedere spiegazioni in merito al Presidente dell’IDV, Antonio Di Pietro, che stacca un assegno personale con l’autorizzazione ad incassarlo qualora entro pochi giorni l’Idv non saldi.

    Si torna poi a parlare dell’uomo malato di tumore da diversi anni, che qualche puntata fa ha raccontato di come la sua vita fosse cambiata in meglio e di come la malattia sarebbe regredita cambiando completamente la propria alimentazione e seguendo una dieta vegana. Il servizio ha suscitato reazioni differenti e nella redazione delle Iene sono arrivate moltissime lettere. Matteo Viviani dà voce alle diverse opinioni e raccoglie le testimonianze di alcuni medici, tra cui uno dei massimi esperti in materia, il Prof. Franco Berrino.

    Ha fatto il giro del mondo il video che ritraeva alcuni sconosciuti alle prese con il loro primo bacio con persone mai viste prima. Si è poi scoperto che si trattava di una campagna pubblicitaria e che i protagonisti erano degli attori. Nina Palmieri decide di ripetere l’esperimento e di vedere come persone qualsiasi fermate per strada reagiscano alla provocazione di baciare qualcuno mai conosciuto prima. Molte le reazioni inaspettate.

    Ore 21.12: E si inizia! Dubitiamo che le battute a doppio senso sulla cucina servano ad introdurre l’intervista ai tre cuochi/giudici… o forse sì?

    Il truffatore

    Matteo Viviani parla di un truffatore che aveva promesso di cambiare vita. Mattia Griggio aveva anche promesso di rimborsare i truffati, e invece continua invece a rovinarla a tutti… molte le testimonianze, ma l’uomo smentisce.

    Ma ovviamente la storia è ben diversa, e tra i truffati ci sono anche i pensionati. Ma Griggio scappa e la iena lo insegue… “Basta dai, per cortesia“. Si scopre che Griggio è finito pure sui giornali e sarebbe responsabile del suicidio di un uomo, pagato con un assegno scoperto.

    Finirà diversamente col ristorante?

    Sgamato dalle Iene! E di nuovo, alla lista di persone cui deve soldi, Griggio smentisce.

    E prova quasi ad aggredire la Iena ricordando che è stato condannato “in primo grado, non in terzo“.

    Si chiude con un’amorevole telefonata.

    21.37 Si parla di Gerry Scotti e della rinuncia al vitalizio. Pubblicità!

    21.43 Ritorno in studio.

    La truffa dello specchietto

    Serata di truffe: Filippo Roma parla con l’inventore della truffa, “diciamo Gabriele”.

    Truffa dello specchietto for dummies con il truffatore pentito per amore.

    Ma comunque ricco…

    E le Iene mettono in atto la truffa…avvisando poi lo sventurato.

    Giulio Golia e le pompe funebri

    In un servizio di poco più di due anni fa, Giulio Golia mise in evidenza come organizzare un funerale nel comune di Casoria costasse più del doppio rispetto alla confinante Napoli. Alcuni titolari delle pompe funebri del capoluogo campano affermavano, inoltre, che nel territorio di Casoria non gli era possibile esercitare il proprio lavoro. In seguito al servizio alle Iene, pochi mesi fa, quattro persone sono state tratte in arresto per aver stabilito il monopolio nel settore delle onoranze funebri; questi ultimi imponevano ai cittadini di Casoria tariffe più alte rispetto a quelle dei paesi limitrofi. Golia torna nel napoletano per verificare come le cose siano effettivamente cambiate dopo i quattro arresti.

    Per la cronaca: durante il servizio, il titolare delle pompe funebri ‘scostumato’ fa pure rubare la telecamera e si finge sorpreso.

    E dopo l’arresto dei ‘cattivoni’…

    …le cose sono cambiate (e anche i prezzi)…

    …o no?

    Malasanità – L’ospedale ti rovina la vita e non ti paga

    22.00 Servizio di Pablo Trincia sulla malasanità: mentre il dottore mangia arance e sigarette, l’ostetrica infila nella bocca della partoriente le immagini sante…e la bambina nasce con emorragia cerebrale e asfissia prenatale.

    Dopo crisi epilettiche e cure, Maria Pia sta un po’ meglio, ma servono ancora le cure. E 480 euro di invalidità non bastano. Il padre è anche malato e non può lavorare, ha una pensione di soli 200 euro. La mamma raccoglie peperoni, uno dei figli ha due bimbi e fa il salumiere, l’altro è studente, il terzo disoccupato. La famiglia guadagna neanche 700 euro, che non bastano.

    Sentenza di condanna – da un milione e passa euro – nel 2011. Mai arrivati ‘sti soldi.

    La direttrice dell’Asp definisce “inaccettabile” la situazione, ma aggiunge che la famiglia, dopo aver aspettato mesi, poteva aspettare altri 15 giorni. Entro febbraio la situazione si sbloccherà… promette. E mantiene? Figurati: ad aprile non è ancora arrivato niente, e la dottoressa si è pure dimessa. Pubblicità!

    Enrico Lucci e la scala

    22.20 Direttamente da … dicembre? L’apertura della Scala!

    22.27 nuovo stacco pubblicitario!

    22.32 Ritorno in studio.

    Depressione e psichiatra porcone

    Giulio Golia racconta la storia di uno psichiatra sfruttatore. Da brividi. Maria soffre di depressione post partum e va da uno psichiatra 60enne che la convince a fare sesso. Alla faccia dell’aiuto.

    La donna racconta tutto alle Iene e poi torna per un’ultima volta dallo strizzacervelli.

    Lo psichiatra zozzone rischia la radiazione.

    E il marito dice che la situazione non migliora.

    Contattato dalle Iene, ovviamente il nostro smentisce.

    L’uomo si definisce una vittima e minaccia pure di chiamare l’avvocato.

    Baci tra sconosciuti

    22.46 Ritorno in studio con la moda del momento. Sconosciuti che si baciano! Servizio di XLove.

    E ci scappa pure il bacio gay -e una possibile coppia. Ma saranno tutti sconosciuti? Anche no.

    22.51 Ritorno in studio, con bacio.

    22.57 Pubblicità. E dopo Ilary promette che bacerà Damiano.

    23.03 Damiano è svenuto. Per par condicio salta un servizio di Nadia Toffa, ma è stato messo su Twitter.

    Angelo Duro

    23.03 Angelo Duro sogna di essere una persona precisa.

    23.07 Pubblicità

    23.12 Ritorno in studio con l’hashtag della serata dopo il successo delle corna di Ilary.

    La storia di Antonio e il tumore scomparso

    Qualche settimana fa è andato in onda il servizio di un uomo malato di tumore da diversi anni, che ha raccontato di come la sua vita fosse cambiata in meglio e di come la malattia sarebbe regredita cambiando completamente la propria alimentazione e seguendo una dieta vegana. Il servizio ha suscitato reazioni differenti e nella redazione delle Iene sono arrivate moltissime lettere. Matteo Viviani dà voce alle diverse opinioni e raccoglie le testimonianze di alcuni medici nell’ambito del dibattito sul fatto che mangiare alimenti di origine vegetale possa aiutare o meno a prevenire l’insorgenza di un tumore o a curarlo. La Iena intervista anche uno dei massimi esperti in materia, il Prof. Franco Berrino.

    Le reazioni non sono state tutte positive.

    Nel pezzo non viene citato, ma è circolata voce che la dottoressa succitata sia stata licenziata. In merito a quanto erroneamente pubblicato su alcuni siti di informazione online, l’Ospedale San Raffaele di Milano precisa che la dottoressa Michela de Petris non è una dipendente dell’Ospedale, ma intrattiene con lo stesso un contratto di consulenza per prestazioni mediche libero professionali da svolgersi in ambulatorio; detto contratto è tuttora in corso, e non vi è mai stato alcun “licenziamento in tronco” della dottoressa; l’attività ambulatoriale si svolge per un pomeriggio ogni due settimane.

    L’oncologo Diego Continovis è l’autore della lettera, che spiega il merito della terapia.

    Si ritira fuori (in maniera un po’ distorta, crediamo) pure Veronesi.

    Si intervista Berrino, che conferma come entrambe le cose abbiano contribuito e si dice d’accordo all’uso del cibo come elemento terapeutico.

    “Sono indizi per ora, non prove solide”, dice il professore a proposito dell’alimentazione che aiuta a sconfiggere i tumori. Ma la Iena continua a sostenere la tesi che l’alimentazione sia fondamentale, nonostante più volte il professore abbia ribadito l’importanza della chemio-terapia. Berrino punta il dito sul business della sanità: “Se ci ammaliamo, aumenta il Pil, diminuisce lo spread. La sanità è una grande industria, non ci sono interessi economici nella prevenzione”.

    Indipendentisti veneti

    22.30 Altro servizio folkloristico di Enrico Lucci, che si finge un romano pigro che campa alle spalle dei veneti.

    Il blitz anti-independentista non funziona.

    Sei ridicolo, cerca di fare il giornalista, non il pagliaccio“, dice uno a Lucci.

    Lucci diventa indipendente. Però il servizio è doppiato in romanesco.

    24.40 Ritorno in studio con l’ospite Pierluigi Pardo, conduttore di Tiki Taka

    Twerkatore

    Tra le vittime, la sorella di Belen, la Gabanelli, il papà di dj Francesco, Silvio Orlando, la Corvaglia, Daria Bignardi, Fazio.

    23.44 Pubblicità!

    Un altro truffatore

    23.47 Ritorno in studio col servizio sul truffatore.

    Matteo Trombetta ‘sgama’ altri truffatori. Sulla falsariga del finto sceicco.

    Luigi Pelazza e i testimoni di Geova

    Nuova intervista, a due giovani dei testimoni di Geova. Il racconto è raccapricciante.

    Anche i bambini vengono indottrinati, con un cartone animato in cui si invitano tra l’altro a buttare via i giochi impuri.

    Questa ragazza non vede i parenti da anni. Loro sono testimoni, lei no.

    Si conclude con l’invito a guardare online il servizio con le interviste ai politici sul tema.

    Senza tetto

    00.18 Andrea Agresti

    E quando prova a riallacciare i rapporti…

    Ma il responsabile ciurla nel manico.

    Altro caso: quest’uomo ha tentato il suicidio.

    Idem lui, omosessuale.

    Lei sarebbe morta se non fosse stata maggiorenne.

    Nadia Toffa e il gioco d’azzardo

    00.06 Nadia Toffa vs il gioco d’azzardo, con un matematico e un fisico.

    Non giocate più.

    I gratta e vinci messi insieme fanno questo giro. I vincenti? 20 biglietti.

    Il sogno di una casa

    Andrea Agresti racconta la storia di una coppia senza casa. E di una famiglia sfrattata.

    Wainer Molteni – della a Onlus Clochard alla Riscossa – ha deciso che occuperà un palazzo con uffici – vuoto – per dare una casa a chi non ce l’ha.

    Lui ha dovuto dire che beveva per ottenere l’alloggio in un’associazione per ubriachi e chi fa uso di sostanze stupefacenti. Occupare lo stabile è un reato, ma la gente è disperata ed è disposta a farlo.

    Molteni racconta di aver dormito per anni sullo zerbino della Moratti. Ora ha un lavoro ma non si dimentica dei meno fortunati.

    C’è chi ha già arredato…

    Purtroppo si conclude con uno sgombero.

    00.32 Ritorno in studio con Sim Sala Teo.

    00.38 Nuovo stacco pubblicitario. E poi saluti?

    00.45 e buonanotte a tutti.

    00.44 Ritorno in studio. Con balletto e messaggio promozional/sociale.