Le Iene, prima puntata 17 settembre 2014 live: il ritorno di Ilary Blasi e Teo Mammucari

Le Iene, il live della prima puntata del 17 settembre 2014

da , il

    Le Iene show torna questa sera su Italia 1 alle 21.10 con Ilary Blasi e Teo Mammucari: nell’attesa del live della puntata, Televisionando vi offre le anticipazioni per i servizi della puntata del 17 settembre 2014 che segna il ritorno dei due conduttori, accompagnati dalla voce fuori campo della Gialappa’s Band (Giorgio Gherarducci, Marco Santin e Carlo Taranto): non è detto – come abbiamo scoperto nel corso delle puntate precedenti – che tutti i servizi proposti finiscano effettivamente in scaletta, ma questo è quello che ci dicono le anticipazioni.

    Le Iene nella prima puntata del 17 settembre 2014 intervistano un reduce della guerra civile siriana, Ammar Bacha, cittadino siriano di 37 anni che vive in Italia da 13 anni. Nel 2012 Ammar è partito per la Siria per combattere contro il regime di Assad, ma nel 2013 è stato costretto a tornare in Italia, a Cologno Monzese, perché ferito ad una gamba da una mitragliatrice. Su segnalazione dell’Antiterrorismo, ad Ammar sono stati ritirati i documenti, in quanto potenziale reclutatore di guerriglieri da avviare alla jihad e all’islamismo violento. Ammar racconta alle Iene il perché della sua partenza per la Siria, le nefandezze della guerra, le sue posizioni sull’ Isis.

    Isis anche nel servizio dedicato all’informativa del Ministro degli Interni Angelino Alfano, che alla Camera dei Deputati ha posto l’accento sulla minaccia rappresentata dal “reducismo”, ossia gli jihadisti che tornano nei territori di provenienza dopo avere preso parte alle attività belliche per conto dell’ ISIS o alla guerra civile siriana. Previsto anche un reportage esclusivo di Giovanna “Nina” Palmieri che viene accolta e ospitata per una settimana da una famiglia palestinese che vive nella Striscia di Gaza. Nina condivide la loro casa, trascorre con loro ogni minuto della sua giornata e, in un filmato assolutamente inedito, documenta le difficoltà, i rischi, la precarietà che caratterizzano la vita quotidiana di questa famiglia di 11 persone che, recentemente, ha visto morire un familiare sotto i bombardamenti.

    Si passa poi ai siti internet di previsioni meteo: Mauro Casciari ha monitorato per alcuni giorni, su un campione di 3 città (Milano, Roma, Palermo), i sette siti più consultati, esaminati su previsioni a breve e lungo termine. Chi vincerà il “campionato del meteo”? E i siti, saranno veramente attendibili?

    21.10 E si riparte, dopo quattro mesi…

    Le Iene e Papa Francesco

    21.15: Il primo servizio è dedicato a Papa Francesco. O così annunciano conduttori e Gialappa’s. Si parla di un provino delle Iene, dove il potenziale nuovo inviato importuna Belen e Gigi D’Alessio.

    Licenziato da Le Iene, prova a rifarsi comprando una papalina e va a piazza San Pietro, lo scorso 4 giugno 2014.

    Dopo cinque ore di attesa notturna, il Papa arriva in Piazza San Pietro. Sembra bypassare Damiano, ma poi… si ferma, prende la papalina di Damiano e gli dà la sua.

    Si chiude con intervista a Daniele, che mostra la papalina di Francesco. Ma Le Iene lo invitano a fare beneficenza piuttosto che tenersi la papalina, per una suora, suor Marie (suor Maria Concetta), che aiuta i poveri bambini africani. Ne ha fatti nascere 20.000.

    E la papalina finisce all’asta. Senza www, mi raccomando. Appuntamento dalle 21.30, asta mondiale.

    21.23 si torna in studio, con Damiano.

    L’hashtag è #astapapalina. E pubblicità.

    Andrea Agresti e la truffa di Dubai

    21.30: si ritorna in studio, con la Gialappa’s che sfotte Ilary e Teo per il balletto. Poi Andrea Agresti racconta la storia di Ottavia, che ha comprato un appartamento a Dubai. Peccato che i lavori … non ci siano mai stati. Ma la donna ha perso i risparmi di una vita. 500.000 euro, i risparmi di una vita, in fumo. Il venditore propone uno scambio, con sovrapprezzo. Ma non ci casca.

    Il complesso di Dubai si chiama Dolce Vita e il truffatore ha ingannato molte altre persone.

    Le Iene vanno a trovare il presunto truffatore, che per 315.000 euro (215.000 di acconto) offre un appartamento ammobiliato nella Dolce Vita. Si ritorna poi da Ottavia, con Andrea Agresti che si propone di andare a Dubai a recuperare i soldi della signora.

    E a Dubai, a parte un gran caldo e le meraviglie locali… il Dolce Vita è fermo al decimo piano e i lavori sono fermi da mesi.

    Al catasto di Dubai si scopre che… i lavori sono fermi perché il progetto è stato ritirato. Nel palazzo del progetto alternativo, invece, l’appartamento proposto dal truffatore è già occupato da un italiano!

    Agresti affronta il truffatore. Che ovviamente smentisce la truffa. “Mi sto facendo il c** a quattro per il Dolce Vita. Per tutti i ritardi che ci sono stati ho bisogno (incapibile)“, dice tra le altre cose. Non si capisce se i compratori avranno il loro appartamento.

    21.44 Ritorno in studio. Si ricorda l’#astapapalina.

    Nadia Toffa e la sindacalista truffaldina

    21.46 Nadia Toffa racconta la storia di un’insegnante e sindacalista. Truffaldina, nel secondo caso? Rimbalzando di sede in sede del sindacato, la signora non è conosciuta da nessuno. Le Iene ‘bippano’ il nome e cognome della truffaldina, che nel corso del servizio si scopre essere moglie di un vertice dello Snals – il sindacato dove avrebbe lavorato insieme anche al cognato.

    La donna è residente a Brescia, ma non risulta aver mai lavorato nel sindacato. Ma intanto prende la pensione integrativa.

    Toffa allora affronta la truffaldina, che non risponde alle domande… ma la donna afferma di aver lavorato allo Snals di Roma, dove però non la conoscono.

    Per un anno da sindacalista, la donna prenderà a VITA 1.500 euro di pensione integrativa. Una pensione assurda (senza dimenticare che la donna non è stata sindacalista).

    L’uomo – tale Nigi – che ha firmato per la mega pensione è questo. E anche lui prenderà una pensione d’oro ‘relazionata’ all’ultimo stipendio. Intervistato da Le Iene, Nigi conferma che la donna ha lavorato lì, nonostante nessuno la conosca. “Non ha lavorato alla sede provinciale, ma nazionale. Quando, da chi?“, chiede incalzato dalle Iene. E poi viene fuori che ha lavorato alla Consal.

    Ma il portiere della Consal non la conosce.

    La Toffa torna da Nigi che la chiude in un ufficio. “Si parla di soldi pubblici“, dice Toffa. “Non è una doppia pensione, è una pensione personale integrata come i parlamentari“, afferma Nigi, che poi aggiunge: “E’ la sua pensione, che viene integrata“. E viene fuori che Nigi si ‘pappa’ una pensione da 8.000 euro al mese. Ma lui nega. La conversazione assume toni surreali, con tanto di bilanci diversi. E alla fine Nagi insulta… “Ciao bella signora”, il saluto finale.

    22.03 Ritorno in studio.

    Filippo Roma e Matteo Renzi: la sfida del Nomenclatore da aggiornare

    22.04 Servizio di Filippo Roma su Matteo Renzi e l’Ice Bucket Challenge. Ma non l’aveva sfidato Fiorello? Sì, e infatti Le Iene vogliono sensibilizzare il premier sul caso di due fratelli, Marco e Carlo, malati di Sla 2.

    Il tariffario – nomenclatore – non è aggiornato dal 1999, lo stato non passa cose come iPad e iPhone…. o il puntatore oculare.

    Matteo Renzi, c’è un messaggio per te…

    E c’è anche il messaggio di Marco

    Ce la fareste a vivere con un cellulare del 1999? #secciao

    La caccia a Renzi prosegue: finalmente a Roma, Filippo Roma riporta il messaggio di Marco Gentili sul Nomenclatore, che non è aggiornato dal 1999. Il premier promette che verificherà. Ma non accetta il telefonino del ’99. Tra venti giorni Le Iene torneranno da Renzi

    22.14: ritorno in studio. E pubblicità

    22.21 ritorno in studio.

    Mauro Casciari e le previsioni del tempo

    Mauro Casciari ha monitorato per alcuni giorni, su un campione di 3 città (Milano, Roma, Palermo), i sette siti più consultati, esaminati su previsioni a breve e lungo termine. Chi vincerà il “campionato del meteo”? E i siti, saranno veramente attendibili?

    Sul sito de Le Iene e i risultati. Ultimo ilmeteo-it, poi 3bmeteo.com, e poi meteogiornale, tempoitalia e meteo.it

    Segue intervista doppia a due metereologi.

    Segue cazzeggio sul tempo che farà la prima serata de Le Iene.

    22.29 ritorno in studio. Si va a verificare, con annessa doccia gelata di Casciari. E pubblicità!

    22.38 Ritorno in studio.

    Le conseguenze violente di una separazione

    22.40Giulio Golia e le conseguenze violente di una separazione: la protagonista è finita più volte all’ospedale causa dell’ex marito che fa danni. Quindici denunce a suo carico, ma niente è stato fatto. Una vita terribile per la donna, costretta suo malgrado a vivere senza luce, acqua e tv. Le telecamere nascoste del programma riprendono scene agghiaccianti, e alla fine la Iena affronta l’ex marito. La vicenda sembra concludersi bene: il figlio dell’ex marito promette che suo padre verrà ‘contenuto’.

    Attacchi informatici

    22.53 Cosa fareste se le vostre foto private finissero online? Una minaccia concreta, come dimostra il recente caso delle star di Hollywood.

    Ecco quante foto di voi esistono nella nuvola. Uno scatto diventa … uno e trino.

    Certo, se le star stessero zitte…

    Ilary e Belen vengono testate… le foto che cancellate dai vostri cellulari si cancellano veramente?

    No, e infatti quando Belen e Ilary aprono l’iCloud… ritrovano tutte le foto che hanno cancellato. Le magie della sincronizzazione. Come ci si può difendere? Spegnere il computer è la soluzione estrema, per tutto il resto, utilizzare una password sicura alfanumerica, caratteri speciali, avere pw differenti e i sistemi di doppia autenticazione.

    22.59 Ritorno in studio. Si parla della querelle Ilary e Belen per la conduzione de Le Iene. E poi di nuovo pubblicità.

    Enrico Lucci e la crociera per single

    23.10 Enrico Lucci va in crociera per single. Si parla di amore, conoscenze, amicizie e… trombatine.

    23.20 ritorno in studio. E poi pausa pubblicitaria dopo le punzecchiature di Teo e Ilary.

    23.27 Fine blocco pubblicitario.

    Lazarat, il paese della marijuana

    22.33 Lazarat è un paese fortino dove la marijuana si coltiva in ogni dove. Ma giustamente spacciatori e coltivatori hanno qualche problema di fiducia. Ma ecco il trafficante, che pare paghi poliziotti albanesi e greci per chiudere un occhio.

    La marijuana è venduta a 500 euro al kg. Venduta al dettaglio in Italia rende 20 volte tanto. E ci sono anche ‘pacchetti’ da 900 euro al kg, che garantiscono controlli free in Italia e Grecia/Albania.

    La gita a Lazarat e relative piantagioni prende però una piega imprevista… ma i ‘soccorsi’ salvano la Iena e la sua collaboratrice.

    Ed ecco il sindaco del paese di Lazarat. Che ovviamente non sa niente… Per fortuna, comunque, non è così in tutta l’Albania.

    Cinquanta milioni di euro in fumo

    Il ministro dell’interno auspica che il sindaco faccia il suo dovere. “Una soluzione per Lazarat è vicina“, assicura.

    Pelazza rivela che due giorni dopo l’intervista, i poliziotti – ottocento – hanno messo a ferro e a fuoco la città.

    23.45 Ritorno in studio.

    23.46 nuovo servizio

    Angelo Duro

    Angelo Duro in versione farabutto rompe le scatole alla gente. Finché non diventa una…ballerina!

    23.53 E via la pubblicità!

    23.58 E ritorno in studio!

    Nina Palmieri nella Striscia di Gaza

    Reportage esclusivo di Giovanna “Nina” Palmieri che viene accolta e ospitata per una settimana da una famiglia palestinese che vive nella Striscia di Gaza. Nina condivide la loro casa, trascorre con loro ogni minuto della sua giornata e, in un filmato assolutamente inedito, documenta le difficoltà, i rischi, la precarietà che caratterizzano la vita quotidiana di questa famiglia di 11 persone che, recentemente, ha visto morire un familiare sotto i bombardamenti.

    L’acqua calda è un bene di lusso, l’elettricità invece pure, visto che va e viene, anche per colpa dei bombardamenti. E a prescindere da come la si pensi, la testimonianza di Lamia è toccante. E la casa distrutta – che una volta era una mezza reggia…. parla da sola. Per non dimenticare l’odore, “un misto di cadavere e macerie”, certifica la Iena.

    Uno dei fratelli di Lamia è stato colpito da proiettili, e i soldati – che hanno lasciato la loro firma sui muri – lo hanno preso, curato e interrogato per 12 giorni, credendolo di Hamas. Prima di lasciare la casa, l’hanno distrutta.

    Che altro aggiungere?

    Segue una breve ricostruzione della storia di Palestina e Israele.

    A farne le spese, anche i bambini. Bambini che giocavano in spiaggia o andavano a scuola.

    In 50 giorni di guerra, oltre 2000 e settanta israeliani morti.

    Munita di velo, Nina continua il suo viaggio…

    L’amore ai tempi della guerra…

    E va in scena la sfida culinaria… ma secondo le ospitanti, Palestina vince 2-0.

    Molti palestinesi non hanno mai lasciato la Striscia.

    00.24 ritorno in studio. E lancio servizio di Sabrina Nobile.

    Sabrina Nobile, le ministre donne e Rosy Bindi

    Sabrina Nobile intervista Rosy Bindi che ha definito le ministre scelte perché belle. Ma l’ex ministro si difende e spiega di aver voluto fare un complimento.

    E poi la Nobile le fa dare i voti ai parlamentari…. Mr Parlamento, per la Bindi, è Fico (che lei chiama Figo) del M5S.

    00.30 Ritorno in studio con la papalina. E poi lancio servizio di Matteo Viviani su Miss Italia.

    Matteo Viviani e Miss Italia

    Orrore di italiano. E Matteo Viviani interroga Clarissa Marchese, Miss Italia 2014. Coniugazione dei verbi, declinazione di parole strane… Benino… più o meno. La Miss si dà 5-. Viviani arriva a 5

    00.33 Pubblicità.

    00.38 Ritorno in studio con balletto. Basta servizi però, eh. Infatti: saluti con#astapapalina e il memento per denunciare ingiustizie sui social de Le Iene. E buonanotte.