Le Iene: la puntata di martedì 23 febbraio 2016 [DIRETTA LIVE]

Le Iene: la puntata di martedì 23 febbraio 2016 [DIRETTA LIVE]

Televisionando segue l'ottavo appuntamento minuto per minuto | FOTO e DIRETTA

    Televisionando segue in diretta live l’ottava puntata de Le Iene, in onda su Italia 1 martedì 23 febbraio 2016 e visibile anche in streaming, sul Web, collegandosi al sito ufficiale della rete www.mediaset.it/italia1. Si tratta del quarto appuntamento condotto da Geppi Cucciari, Pif e Nadia Toffa, i nuovi presentatori voluti da Davide Parenti per rinnovare la conduzione del programma, come sempre tra inchieste e servizi costruiti ad hoc per il pubblico ‘giovane’ della rete diretta da Laura Casarotto.

    Alcuni dei servizi che vedremo nella puntata de Le Iene di martedì 23 febbraio 2016?

    - Terra dei Fuochi: è cambiato qualcosa negli ultimi 3 anni? (Nadia Toffa)
    - Il professore che va in classe con gonna e tacchi (Enrico Lucci)
    - Scampia non è solo camorra (Giulio Golia)

    Ore 00:20 – In studio si omaggia Umberto Eco e si scherza su un’altra morte, quella di Mr. Bialetti, le cui ceneri sono state messe in una moka in suo onore. Pif rassicura: ‘Non è stato macinato, ma cremato’. Pubblicità. Si torna in diretta per il finale di puntata. A domenica!

    La storia di Silvio commuove a Le Iene

    Ore 00:10 – Dalla Terra dei Fuochi alla storia di Silvio, raccontata da Luigi Pelazza. Silvio viene da una delle zone più povere della Romania, è stato sposato, anche se adesso sua moglie si è messa con un italiano, e il suo gran rimpianto è di non avere abbastanza denaro per aiutare anche suo figlio. Silvio vive alla giornata come tanti altri e se la cava anche grazie a chi gli offre un caffè o gli è in qualche modo solidale. Un avvocato ha deciso di donargli un camper…e finalmente Silvio trova lavoro come lava-piatti per circa 800 euro al mese (fino a ieri solo un sogno).

    Terra dei fuochi, la presenza dello Stato sui territori

    Ore 00:05 – Segnalazioni infinite e denunce da parte di associazioni ed enti preposti, ma la musica è sempre la stessa. Nadia Toffa becca guardie forestali e addetti Arpac direttamente ‘sul campo’, ma nessuno sembra disposto a denunciare (nonostante pare sia una loro competenza specifica). Nonostante il divieto di coltivazione, una coltivatrice difende la sua posizione dicendo che la verdura raccolta viene poi analizzata: se è ok si vende, se no si butta. La iena va da chi dovrebbe far rispettare le ordinanze, ma il livello di vigilanza appare davvero pieno zeppo di criticità.

    Terra dei fuochi, le parole di Don Patriciello

    Ore 23:55 – Ad oggi, sempre secondo quanto riferito dall’intervistato, nessuna aria sarebbe stata bonificata, nonostante i vari accertamenti fatti negli ultimi anni. Fino ad oggi davvero poco è cambiato e c’è il rischio che anche i lavori di bonifica finiscano nelle mani della camorra. Un decreto pare sia stato fatto (ma l’eco delle promesse della politica è sempre lì), ma è cambiato il metodo di sversamento dei rifiuti, sempre più programmati nelle ore serali.

    Nadia Toffa torna a parlare di Terra dei Fuochi

    Ore 23:50 – Inizia la seconda parte del servizio di Nadia Toffa dedicato alla Terra dei Fuochi: ‘Tutti sapevamo, ma nessuno ha fatto niente’. La iena intervista Roberto Mancini, che ha fatto indagini, ma che ‘magicamente’ sono sparite. I colpevoli? ‘Colletti bianchi’ che hanno ‘rapporti con il nord’, comprese varie aziende ‘ancora sul mercato’, ma per le quali non è mai partita un’inchiesta.

    Terra dei fuochi, la reazione delle Forze dell'Ordine

    Ore 23:40 – Rivediamo la reazione incomprensibile delle Forze dell’Ordine: la discarica brucia, ma i carabinieri dicono di non sapere. Un sotto-pancia annuncia la fine della prima parte del servizio. Servizio di qualità, ma perché – rispetto a quanto annunciato dagli addetti ai lavori – la puntata de Le Iene si è allungata di nuovo? Pubblicità.

    Non si può coltivare, ma vendono comunque

    Ore 23:30 – Non si può stare tranquilli nemmeno per quanto riguarda alcuni terreni giudicati non coltivabili perché intossicati o a rischio. La iene scopre che pomodori e altre verdure coltivate in zone interdette potrebbero essere vendute tranquillamente alle aziende e mangiate da tutti noi. Piombo, cadmio, manganese e altri metalli pesanti ritrovati in gran quantità nel pomodoro analizzato. E se qualcuno prova a denunciare, da quello che dice un uomo del posto, ti pagano per stare zitto. C’è chi racconta anche di agnelli nati malformi, con due teste o un occhio solo.

    Terra dei fuochi, ragazza morta dopo intervista Nadia Toffa

    Ore 23:25‘Ormai non si dice più ‘com’è morto’, ma ‘dove aveva il tumore’, afferma qualcuno. Secondo un medico napoletano, sversare indisturbati rifiuti tossici sarebbe possibile grazie alla corruzione dei custodi delle discariche ‘regolari’ (che però a questo punto non lo sono più). Tutto questo, secondo quanto ricostruito dal servizio, avrebbe portato ad un incremento dei tumori. Anche la giovane Filomena oggi non c’è più: intervistata tempo fa da Nadia Toffa, è morta a soli 26 anni, come altre 6 persone residenti nel palazzo in cui viveva. E purtroppo ‘la malattia’, come la chiamano gli abitanti, colpisce anche i bambini del luogo.

    Nadia Toffa, Terra dei Fuochi

    Ore 23:15 – Di nuovo in diretta con omaggio dei conduttori a Roberto Mancini, agente coraggio della Terra dei Fuochi di recente impersonato su Rai 1 da Beppe Fiorello. La iena Nadia Toffa raccoglie varie testimonianze nel ‘triangolo della morte’, i territori tra Napoli e Caserta ritenuti altamente pericolosi per la salute degli abitanti. Parte del servizio è un recap delle dichiarazioni di Carmine Schiavone.

    Ore 23:05 – Pif rifiuta di farselo misurare in diretta…Pubblicità.

    Valerio Scanu e le misure del suo pene

    Ore 23:03 – Anche Paolo Conticini e Luca Ward commentano la misura (più o meno) ideale, tra imbarazzo generale del primo e aneddoti adolescenziali del secondo. Ma la vera sorpresa è Valerio Scanu, al quale viene consegnato un foglietto con scritta la dimensione 9,51 cm: ‘Uno alla fine si deve pure accontentare’, anche perché, dice il cantante, ‘sono sardo, quindi è già un bigliettino da visita non indifferente. Neanche il mio cagnolino ce l’ha così piccolo. Vuoi la verità? Mi devo spogliare. Sono 2 i-phone 5s meno un centimetro’. All’incirca 22 cm. Dice lui.

    Stash dei Kolors 'vittima' di Cisco

    Ore 23:00 – Dopo il servizio sul sistema metrico-genitale (come conoscere le dimensioni del pene di una persona senza guardare nella puntate), la iena Cisco torna sull’argomento, stavolta coinvolgendo I Kolors, ignari dell’argomento: ‘Siete veramente degli str*nzi di m*rda’. Ma Stash usa il metodo napoletano. Sarebbe? Comunque sia sembra dipenda dal ciuffo e dallo spruzzo di lacca!

    Dino Giarrusso, armi italiane vendute per bombardarmenti stranieri

    Ore 22:50Dino Giarrusso si occupa di un servizio ‘esplosivo’, nel vero senso della parola. Alcuni filmati datati ottobre-novembre 2015, infatti, testimonierebbero che dall’Italia partono aerei carichi di armi, vendute a chissà quali Paesi. Dopo alcune ricerche, sembra che l’inviato della trasmissione ha scoperto che le munizioni servono per la guerra nello Yemen. L’Italia ha le mani sporche di sangue?

    Giulio Golia intervista il titolare della palestra Maddaloni

    Ore 22:43 – Giulio Golia si reca a casa di un allievo della palestra Maddaloni, ma vista l’ora (le 22.00 circa di sera) gli abitanti della zona temono per la presenza delle telecamere. Il papà del 14enne Antonio è in carcere per spaccio e proprio per questo Antonio è stato ‘affidato al mister, come se fosse il mio secondo padre’. Su 600 persone, a pagare l’iscrizione ne sono solo 200, ‘solo quelli che possono pagare’ ed ‘è dura’. Così dice il titolare della palestra-coraggio Pino. C’è pure una bolletta da pagare, ma mancano i soldi, quindi diamo anche noi un contributo: scriviamo a giannimaddaloni@live.it (anche perché la quota è di soli 20 euro). Pubblicità.

    Giulio Golia, Scampia non è solo camorra

    Ore 22:35Giulio Golia si occupa della palestra Maddaloni di Scampia, attenta non solo alle attività sportive, ma anche a togliere i ragazzi dalla strada.

    L’inviato intervista un ex tossicodipendente ai servizi sociali nella palestra; come lui ‘fuori’ ce ne sono tanti per via del decreto svuota-carceri. C’è anche un ragazzo di soli 15 anni: ‘nella vita ho già sbagliato per tentato omicidio’.

    Enrico Lucci intervista Michele, prof. uomo vestito da donna

    Ore 22:30 – La iene segue Michele anche a lavoro, chiedendo anche ai suoi allievi cosa ne pensano: ‘E’ una situazione curiosa, ma non negativa’, dice qualcuno. Anche il preside sostiene di aver temuto inizialmente per la cosa, ma poi spiega che l’imbarazzo iniziale è stato superato: a volte basta semplicemente spiegare il perché ai ragazzi.

    Enrico Lucci, prof. uomo va in classe vestito da donna

    Ore 22:25 – ‘Guadagna così poco che a fine mese chiedono alla moglie i vestiti’. Il commento di Pif sul professore uomo che va in classe vestito da donna. Geppi Cucciari ironizza su Conte, primo a lavorare con la parrucca. E’ l’introduzione in studio per lanciare il servizio di Enrico Lucci, che, curioso, intervista Michele, uomo che si veste da donna, e sua moglie, che per la prima volta (e tramite le telecamere) svela il tutto ai suoi genitori.

    In 40 mq non ci si sta

    Ore 22:15 – Nina Palmieri è ospite della famiglia e evidentemente la casa di soli 40 metri quadrati non riesce a contenere tutti. Anche i denti si lavano a turno e in cucina, perché in bagno non c’è il lavandino. E pure dare un bacio della buonanotte può risultare complicato. Comunque sia, se c’è qualcuno che vuole prestare aiuto, può scrivere a: unaffittinoperangelico@gmail.com. Pubblicità.

    Nina Palmieri, ore 22.05

    Ore 22:06 – Il piccolo Angelico ha scritto una lettera-denuncia alla iene e Nina Palmieri si è fatta viva dopo sole 48 ore. Il contenuto della lettera? Il problema è serio: c’è una grande famiglia che vive in una casa troppo piccola. Le telecamere documentano spazi davvero stretti che non riescono a contenere neppure i tanti libri del papà-scrittore. 12 anni fa hanno fatto richiesta per avere una casa popolare, ma per lo Stato c’è chi ha più bisogno.

    Nina Palmieri e il papà scrittore che aspetta una casa popolare da 12 anni

    Ore 22:03 – Morale della favola? Dal servizio di Pecoraro, si intuisce che il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini avrebbe scelto di nominare all’Anvur il prof. del copia-incolla Paolo Miccoli, ma di non tenere conto ‘come si deve’ della ricercatrice Roberta. Anche questa è l’Italia?

    Nina Palmieri, la lettera di Angelico

    Ore 22:00 – Novità sulla vicenda del prof. ‘copione’ di Messina. Grazie ad un’associazione, Pecoraro scopre che anche un membro della commissione, Paolo Miccoli, tra i vertici di chi valuta ciò che succede nelle Università, avrebbe copiato dei testi. Inoltre, l’informazione sul suo conto sarebbe stata diffusa prima che venisse fatta la sua nomina all’Anvur. Ce ne parla lo stesso Miccoli, nominato dal Presidente della Repubblica e da ‘una serie di organi abbastanza rilevanti’.

    Anvur, Gaetano Pecoraro sulle tracce del 'copione' Paolo Miccoli

    Ore 21:52Le Iene tornano sul caso del professore ‘copione’ di Messina. Pif dice che il caso è stato esaminato da chi di dovere e che il risultato è che il prof. resta al suo posto (ironizza o è vero?). Vediamo il servizio di Gaetano Pecoraro, che intervista Roberta, il ‘cervello in fuga’ che ha risposto al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, ‘rea’ di essersi vantata della Ricerca italiana, anche se ‘per gente come lei non c’è posto’ in Italia (mentre per il il prof. ‘copione’ Tomasello sì).

    Ironia in studio sul caso Rizzi Maroni

    Ore 21:42 – Ironia in studio sul caso Rizzi, braccio destro di Maroni, e la notizia dei soldi ritrovati nel frigorifero. Pubblicità.

    Sardegna, l'uomo avrebbe truffato 8 ragazze

    Ore 21:40 – L’uomo accetta di parlare con l’inviato e smentisce che la cifra dovuta a Equitalia sia di 4 milioni e mezzo. L’uomo sostiene anche di aver stipulato un documento di programmazione con l’ente per restituire il dovuto. Ma cerca e ricerca, ‘il piano di rientro con Equitalia non esiste’. Allora chi ha ritirato i soldi del finanziamento? Pensate che pure la cognata dell’uomo sostiene che ‘la valigetta con i soldi…li ha presi lui’. Viviani riesce ad ottenere qualcosa: l’uomo scrive di suo pugno una dichiarazione con cui si assume la responsabilità dei debiti.

    Il presunto raggiro di mister Salvatore

    Ore 21:30 – Si va in Sardegna perché Matteo Viviani racconta la storia di ‘ragazze raggirate per milioni di euro’. Tutte e 8 le ragazze intervistate, infatti, sarebbero state truffate da un certo mister di nome Salvatore. L’uomo avrebbe incassato il denaro di alcuni investimenti destinati alla realizzazioni di progetti sociale, ma il finale è amaro…C’è da pagare un sacco di soldi.

    Giorgia Meloni intimorita dal Sergente Hartman

    Ore 21:25 – Primo servizio firmato da Andrea Agresti. Il Sergente Hartman spaventa Giorgia Meloni prima, poi cerca di mettere paura al senatore Antonio Razzi. Seguono le insidie per Laura Ravetto, che subito promette di tornare a lavoro, e per Scilipoti, che fa finta di niente continuando a parlare al telefono.

    Pif e il cartello con la scritta Open

    Ore 21:20 – Le Iene del martedì? ‘Siamo seduti, attaccati alla poltrona’ come tanti politici italiani. Pif si alza in piedi e mostra a tutti un cartello ‘elettronico’ con scritto ‘open’. Poi dà della ‘arrotina’ a Geppi Cucciari. A sua volta la comica presenta così la ‘centrale’ Nadia Toffa: ‘E’ la Fantaghirò delle Iene’.

    Primi minuti Le Iene 23 febbraio 2016

    Ore 21:15 – Ci siamo. Si dà inizio all’ottava puntata de Le Iene Show. C’è l’anteprima con Geppi Cucciari, Pif e Nadia Toffa: ‘Tra un minuto’. E chi si muove.

    3047

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI