Le Iene, intervista a Roberto Benigni: la Costituzione e il referendum

Le Iene, intervista a Roberto Benigni: la Costituzione e il referendum

Dino Giarrusso incontra l'attore fiorentino: la versione integrale sui social dopo la messa in onda

    L’inviato de Le Iene, Dino Giarrusso, ha intervistato Roberto Benigni interrogandolo sulla Costituzione Italiana e il referendum del 4 dicembre 2016. L’incontro, andato in onda durante la puntata del 4 ottobre, è stato trasmesso in modo parziale per rispettare le leggi che vietano ad un programma di intrattenimento di affrontare un tema politico. Chi, se non Roberto Benigni, che ha sempre definito la Costituzione Italiana la più bella del mondo, poteva intervenire sul referendum che prevede una modifica della stessa? La versione integrale dell’intervista è stata pubblicata sul sito de Le Iene e sulla pagina Facebook dopo la messa in onda.

    Roberto Benigni ha incontrato Le Iene per un’intervista sul cambiamento della Costituzione Italiana che potrebbe avvenire con il referendum del 4 dicembre.

    La Iena Dino Giarrusso ha avuto modo di confrontarsi con l’attore fiorentino provando a capire il suo punto di vista sulla decisione del governo Renzi: se vincerà il sì, la nostra Costituzione sarà sempre la più bella del mondo? Tra una risata e una parola in più non detta, Roberto Benigni ha reso noto il suo parere dimostrandosi a favore del sì e, dunque, della modifica della seconda parte della Costituzione.

    Proprio lui che si è sempre dichiarato ‘innamorato della Costituzione’ e che è stato protagonista di una serata evento su Rai 1 in suo onore, La più bella del mondo, conferma la necessità di attuare alcune modifiche: ‘C’era bisogno di cambiarla, ma non i dodici principi intoccabili’ – ha dichiarato ai microfoni di Dino Giarrusso, inviato in giacca nera dello show di Davide Parenti – ‘E’ indispensabile che vinca il sì, il no è immorale’. Il referendum previsto per il 4 dicembre, nel caso di vittoria del sì, infatti, propone il cambiamento di alcuni punti della Carta come la composizione del Senato, l’elezione del Presidente della Repubblica, e l’eliminazione delle provincie e di altri enti statali.

    Roberto Benigni, sempre originale, ha avuto modo di spiegare, seppur in modo velato, il suo punto di vista parlando della Costituzione Italiana e tracciando un breve percorso dalla sua nascita fino ai giorni nostri, senza nascondere un pò di ironia su chi vorrebbe cambiare il verso ed il significato storico di uno dei capisaldi della nostra Repubblica.

    464

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI