Le Iene, affondo sui plagi di Daniele Luttazzi

Le Iene tornano sul caso Daniele Luttazzi con un servizio circostanziato sulla sua tendenza a 'citare' materiale di altri comici, soprattutto americani: un brutto colpo alla sua immagine di comico scomodo e ficcante

da , il

    Le Iene son tornate e a tremare (forse giusto un po’) ieri sera è stato Daniele Luttazzi, protagonista di uno dei casi più ‘eclatanti’ dell’estate 2010: diversi fans, infatti, hanno fatto circolare sul web tutte le battute che il comico epurato dalla Rai ha copiato negli anni a colleghi americani. Ammonterebbero a circa 500 gli sketch e i monologhi spacciati come originali, anche se poi Luttazzi, sommerso dalle polemiche, ha rigirato il fatto come una consapevole ‘caccia al tesoro’ per il pubblico più preparato: tutte le ‘citazioni’ sarebbero state piazzate volutamente per stimolare i fans a capirne la fonte. Una giustificazione che ha retto poco e le Iene non hanno esitato a risollevare il caso: rivedere il confronto tra la copia e l’originale è davvero inquietante.

    Daniele Luttazzi sperava forse che le accuse di plagio che lo hanno colpito nei mesi scorsi fossero cadute nel dimenticatoio: speranza fondata, visto che l’estate è stata costellata di fatti ben più importanti del caso Luttazzi, ma a stimolare la memoria del pubblico ci hanno pensato Le Iene, che ieri sera hanno trasmesso un preciso e circostanziato servizio con alcune delle battute copiate dal comico nostrano ai colleghi Usa, corredato anche dei pistolotti rivolti da Luttazzi agli pseudo-colleghi italiani rei di aver preso materiale a sbafo dal suo repertorio.

    Un brutto colpo all’immagine di Luttazzi, che negli anni si è guadagnato la fama di comico irriverente, fuori dagli schemi, scomodo, talmente scomodo da essere epurato dalla Rai (con il famoso editto bulgaro di Berlusconi) e financo da La7. Certo, non tutto il suo repertorio è da archiviare come ‘copiato’, la gran parte sarà farina del suo sacco. Quel che disturba, magari, è l’atteggiamento ‘moralizzatore’ che però ‘nasconde’ un’ottima capacità di predica a fronte di un pessimo ‘razzolamento’.

    Raggiunto dalle Iene, Luttazzi ha preferito non rispondere, sfuggendo all’inviata Elena di Cioccio e ribadendo di essersi già spiegato a mezzo stampa: ma la giustificazione vi convince?