Le Casalinghe Disperate come Lost?

Le Casalinghe Disperate come Lost?

Il finale della quarta stagione delle Casalinghe Disperate è balzato in avanti di cinque anni, cosa che ha portato molti fan a chiedersi se, hai visto mai, le nostre ‘Desperate’ preferite diventeranno una sorta di Lost versione casalinga

da in ABC, Desperate Housewives, Interviste, Serie Tv, Serie TV Americane, Spoiler
Ultimo aggiornamento:

    Il finale della quarta stagione delle Casalinghe Disperate è balzato in avanti di cinque anni, cosa che ha portato molti fan a chiedersi se, hai visto mai, le nostre ‘Disperate’ preferite diventeranno una sorta di Lost versione ‘casalinga’. Dubbi che uno dei produttori, tale Jeff Greenstein, smentisce, spiegando che “ci saranno alcuni flashback, ma non diventeremo Lost!“. (Seguono spoiler; innocui se avete visto il finale della quarta stagione).

    Come abbiamo ripetuto più volte, Susan bacia un nuovo, misterioso, uomo, Bree riesce a diventare una Martha Stewart ‘de noantri’, Lynette è alle prese con i suoi figli ‘delinquenti’ e Gabby…è diventata molto poco glamour. Più volte gli sceneggiatori ci hanno spiegato che il salto in avanti verrà spiegato con dei flashback, cosa che ha causato qualche batticuore di troppo nei fan americani, alle prese con un grande dilemma: le Casalinghe diventeranno come Lost?

    Come dicevamo ad inizio post, Jeff Greenstein, uno dei consulting producer, ha anticipato che sì, “vedremo dei flashback“, ma non troppi: “Non diventeremo Lost, ha spiegato il produttore, e ci saranno ovviamente delle cose che dovremmo spiegare, che magari non spiegheremo troppo presto. Ma no, non diventeremo Lost, non saremo schiavi dei flashback“.

    Secondo Greenstein, il flashforward ha aggiunto ‘energia creativa’ al team degli sceneggiatori, che ora hanno un quinquennio intero su cui lavorare: “Dopo quattro anni, non volevamo aspettare che Gabrielle avesse dei figli, che Bree sfondasse nel business e cose così, per questo abbiamo deciso di fare un salto in avanti.

    Vedremo cosa attende Lynnette con due figli sedicenni, e il salto ci ha permesso di mostrare cose che altrimenti non avremmo potuto mostrare se non alla decima stagione“.

    Il salto in avanti, inoltre, ha giovato anche agli attori: come diceva la Longoria, infatti, “per truccarmi mi ci vuole meno tempo“, senza considerare che – rimanendo in tema di Gabby – “per Eva avere due figlie non attraenti è una sfida. Lavorare in una serie tv, ha concluso Greenstein, è come scrivere un romanzo russo, visto che alla fine ti ritrovi con personaggi e situazioni diversi da quelli che avevi pensato all’inizio“.

    486

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ABCDesperate HousewivesIntervisteSerie TvSerie TV AmericaneSpoiler