Le 10 migliori serie TV per l’AFI: Breaking Bad e Game of Thrones tra i nominati [FOTO]

Afi Awards 2013, le dieci migliori serie tv secondo l'American Film Institute

da , il

    Otto serie drammatiche e due comedy (di cui una dark), con quattro new entry: l’American Film Institute (AFI) ha diffuso ieri le sue ‘nomination’ agli AFI Awards 2013, ovvero i dieci migliori film e le dieci migliori serie tv dell’ultimo anno: oltre a serie consolidate – si pensi a Breaking Bad o The Good Wife – ci sono quattro new entry, nella fattispecie The Americans (FX) e Masters of Sex (Showtime) e due produzioni originali di Netflix quali House of cards (un immenso Kevin Spacey racconta gli intrighi politici di Washington) ed Orange Is The New Black (che racconta la vita di un gruppo di galeotte all’interno di una prigione).

    Oltre alle serie succitate troviamo altri prodotti via cavo come Game of Thrones (premiato dalla critica e dagli ascolti), Mad Men (la cui settima stagione ed ultima stagione verrà trasmessa divisa in due, una parte nel 2014 e una nel 2015), Breaking Bad, chiusosi poche settimane fa riscuotendo un massiccio successo di pubblica e critica, Veep, lo show HBO con protagonista Julia Louis-Dreyfus nel ruolo di Selina Meyer, vicepresidente (pasticciona) degli Stati Uniti, recentemente premiata con due Emmy Awards.

    Due i prodotti dei grandi network – ma che sono molto ‘cable’ nella produzione – Scandal, la serie ‘politica’ di Shonda Rhimes che, allontanatasi dalle corsie ospedaliere, racconta della fixer Olivia Pope, interpretata da Kerry Washington; e The Good Wife, lo show con protagonista ‎Julianna Margulies che ha festeggiato da poco il raggiungimento del centesimo episodio. Nella pagina successiva, la classifca completa.

    Tutte le serie nominate dall’AFI

    Ricapitolando, ecco quali sono le migliori dieci serie tv del 2013 secondo l’American Film Institute:

    The Americans

    Breaking Bad

    Game of Thrones

    The Good Wife

    House of Cards

    Mad Men

    Masters of sex

    Orange Is The New Black

    Scandal

    Veep

    The Americans

    Ideata da Joe Weisberg, la serie segue le vicende di una coppia (sposata) di agenti del direttorato sovietico, Phillip ed Elizabeth Jennings (Keri Russell e Matthew Rhys), operante all’interno degli Stati Uniti negli anni ottanta, durante la Guerra Fredda.

    Breaking Bad

    Creata da Vince Gilligan, Breaking Bad racconta la storia di Walter White (Bryan Cranston), cui un giorno viene diagnosticato un cancro ai polmoni; per non lasciare la famiglia – moglie e figlio affetto da handicap – sul lastrico, insieme al suo ex studente (e piccolo spacciatore) Jesse Pinkman (Aaron Paul) decide di cucinare metanfetamina.

    Game of Thrones

    Trasposizione televisiva del ciclo di romanzi Cronache del ghiaccio e del fuoco di George R. R. Martin, Game of Thrones racconta la lotta per la conquista del Trono di Spade, che porta le più grandi famiglie del continente a scontrarsi o allearsi tra loro in un contorto (e continuo) gioco del potere.

    The Good Wife

    Creata da Michelle e Robert King, la serie segue le vicende di Alicia Florrick (Julianna Margulies) che decide di esercitare, a quindici anni dall’ultima volta, la professione di avvocato, quando suo marito Peter (Chris Noth), ex procuratore di Stato, viene coinvolto in uno scandalo sessuale e accusato di corruzione.

    House of Cards

    Creata da Beau Willimon per il servizio di streaming Netflix, House of Cards racconta le vicende di Frank Underwood (Kevin Spacey), politico senza scrupoli che, ‘tradito’ dal presidente degli Stati Uniti che gli aveva promesso l’incarico di Segretario di Stato, trama per vendicarsi.

    Mad Men

    Ideata da Matthew Weiner, Mad Men usa il mondo pubblicitario di New York degli anni ’60 per raccontare i grandi cambiamenti avvenuti nella società americana; protagonista è il talentuoso Don Draper (Jon Hamm), pubblicitario di punta della Sterling Cooper.

    Masters of Sex

    La serie creata da Michelle Ashford con protagonisti Michael Sheen e Lizzy Caplan nei ruoli di William Masters e Virginia Johnson, sessuologo e psicologa americani che negli anni ’60 condussero una serie di studi sulla sessualità umana (considerati ‘scabrosi’ per l’epoca) arrivando da un anonimo ospedale di St. Lous sulla copertina del Time e in televisione.

    Orange Is The New Black

    Altro prodotto Netflix, Orange Is The New Black è la nuova serie di Jenji Kohan ambientata in un carcere femminile, dove finisce Piper (Taylor Schilling), per un reato commesso dieci anni prima per aiutare Alex Vause (Laura Prepon), sua ex fidanzata spacciatrice.

    Scandal

    In Scandal Kerry Washington interpreta Olivia Pope, ex direttore delle comunicazioni del presidente degli Stati Uniti d’America che abbandona il suo lavoro alla Casa Bianca per iniziare una carriera da ‘fixer’ professionista, la donna che può risolvere, o quantomeno sistemare, gli scandali (la figura della protagonista è ispirata a quella di Judy Smith, che tra i suoi clienti include Michael Vick e Monica Lewinsky).

    Veep

    Creata da Armando Iannucci [già dietro alla comedy british The Thick of It che usa lo stesso concept di satira politica], Veep vede Julia Louis-Dreyfus protagonista nel ruolo di Selina Meyer, senatrice degli Stati Uniti che, diventata vicepresidente, scopre che il lavoro dei suoi sogni non è poi così facile come lo immaginava.