Lamberto Sposini, parla l’ex moglie Sabina Donadio: ‘lo hanno lasciato solo’

Lamberto Sposini, parla l’ex moglie Sabina Donadio: ‘lo hanno lasciato solo’

L’ex compagna del giornalista di Rai 1 parla delle sue attuali condizioni di salute

    Di Lamberto Sposini, dopo il malore di quattro anni fa, parla l’ex moglie Sabina Donadio: ‘lo hanno lasciato solo’. Passati ormai diversi anni dal momento in cui il giornalista veniva colpito da un emorragia cerebrale prima della trasmissione La Vita in Diretta, il programma che allora conduceva su Rai 1 insieme alla collega Mara Venier, a rompere il silenzio, è ora l’ex compagna Sabina Donadio, madre di sua figlia Matilde, che, nel corso di un’intervista, ha raccontato, per la prima volta, le attuali condizioni di salute di Lamberto Sposini.

    Lo hanno lasciato solo’. Queste le dure parole di Sabina Donadio, ex moglie di Lamberto Sposini, che, per la prima volta dopo quattro anni di distanza dal tragico malore, ha raccontato al settimanale Vanity Fair le attuali condizioni di salute del giornalista di Rai 1.

    Come dichiarato nell’intervista, Sabina Donadio, racconta che inizialmente le condizioni di Lamberto Sposini erano apparse da subito molto critiche, ‘era praticamente morto: i medici mi dissero che il coma era irreversibile, che non c’era più nulla da fare’, ma, fortunatamente, grazie all’intervento del Professor Maira, uno dei migliori neurochirurghi d’Italia, il giornalista è riuscito a salvarsi anche se, il ritardo nei soccorsi gli ha causato ugualmente gravi conseguenze. Attualmente, infatti, Lamberto Sposini, non parla più e non riesce più ad esprimersi nemmeno con la scrittura e questo perché sull’emorragia cerebrale che lo ha colpito non si è intervenuti subito: ‘un ritardo imperdonabile’ che ha inevitabilmente procurato gravi danni e motivo per il quale la famiglia del giornalista ha intentato una causa di risarcimento contro Rai.

    L’ex moglie ha poi parlato del futuro di Lamberto Sposini e del suo possibile ritorno in televisione, una possibilità che, nonostante le dichiarate intenzioni dell’amica e collega Mara Venier, la donna ha chiaramente negato sostenendo che l’ex compagno non tornerà mai più in televisione. Infine, Sabina Donadio, ha voluto sottolineare che, in seguito alla malattia, Lamberto Sposini si è ritrovato da solo, abbandonato dai pochi amici che aveva ma anche dal mondo del giornalismo e della televisione: ‘non si è fatto vivo quasi nessuno dopo il primo periodo. Chi continua a scrivergli e a seguirlo su Instagram sono le persone normali. Il suo pubblico’.

    Aggiornamento del 23 dicembre 2015 a cura di Manuela Nolli

    Lamberto Sposini moglie
    Lamberto Sposini resta stabile e persiste così il clima di ‘cauto ottimismo’ dei medici che ieri non hanno diffuso alcun bollettino, ma che forse già oggi potrebbero ridurre ulteriormente il coma farmacologico indotto dopo l’intervento al cervello di venerdì scorso, seguito all’emorragia cerebrale che ha colpito Sposini il 29 aprile. Esce, intanto, dal riserbo la moglie di Lamberto Sposini, Sabina Donadio, che ha scritto una lettera aperta alla figlia Matilde, 9 anni, pubblicata da Vanity Fair. Un modo per raccontare ai lettori che padre straordinario sia Lamberto. E per farsi coraggio.

    La vita privata di Lamberto Sposini non è mai stata oggetto di particolari gossip (fatte salve le voci di una relazione ‘parigina’ con la collega Cristina Parodi) e soprattutto in questi giorni di preoccupazione per le condizioni di salute del giornalista – colpito da emorragia cerebrale venerdì 29 aprile prima de La Vita in Diretta – la famiglia ha mentenuto il più stretto riserbo, non rilasciando dichiarazioni ai tanti colleghi che sono andati, per ‘lavoro’ o per ‘affetto’, al capezzale di Sposini.

    Ora però la moglie di Sposini, la giornalista Sabina Donadio, ha rotto il silenzio pubblicando su Vanity Fair una lettera indirizzata alla figlia Matilde (ricordiamo che Sposini ha anche una figlia di 39 anni, Francesca, che l’ha reso nonno già due volte) nella quale racconta soprattutto ai lettori del settimanale che tipo di padre sia Lamberto.

    Cara Matilde, [...] tu dormi serena nel tuo letto e vorrei che tu potessi dormire ancora fino al bacio del tuo principe. Il principe Lamberto. Il tuo eroe, il tuo adorato papà. Non so dirti quando arriverà per stringerti fra le sue grandi braccia, ma voglio garantirti che sta facendo di tutto per tornare da te il prima possibile.

    Per darti quel bacio d’amore che da quando sei nata non ti ha fatto mai mancare. Ricorda quei baci [...] in questi giorni in cui non ti può chiamare perché, come ti abbiamo spiegato sta in ospedale e non si può muovere e non ti può parlare. Pensa alle tante cose speciale che ti ha insegnato a fare. [...] Tu sai distinguere il nome di ogni albero fin da quando hai tre anni. Sai cogliere gli asparagi selvatici [...], conosci il profumo del basilico e dell’alloro. [...] E sai soprattutto che nella vita ci vuole fiducia, speranza. Quando ti ha insegnato ad andare in bicicletta [...] tu cadevi spesso, [...] volevi rinunciare. Ma lui, passo dopo passo,[...] ti ha convinto che potevi farcela a stare in equilibrio. Questa è stata la forza di Lamberto: il suo equilibrio. Insieme alla sua tenacia. Tu sei il ritratto di tuo padre, fisicamente e caratterialmente. Ora devi solo avere pazienza, essere tenace come lui. [...] Di una cosa devi essere certa, piccola mia: lui sta lottando per tornare da te. Da te che sei la luce dei suoi occhi. I suoi occhi identici ai tuoi“.

    1008

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI