L’AFTRA ottimista su un possibile accordo con l’AMPTP

L’AFTRA ottimista su un possibile accordo con l’AMPTP

Continuano le trattative tra l’AFTRA e le majors, con il sindacato degli artisti di radio e tv che nei giorni scorsi si è detto “ottimista” riguardo ad un possibile accordo tra le due parti

    roberta reardon

    Continuano le trattative tra l’AFTRA e le majors, con il sindacato degli artisti di radio e tv che nei giorni scorsi si è detto “ottimista” riguardo ad un possibile accordo tra le due parti.

    Secondo ‘AFTRA, le trattative sono state “abbastanza produttive” da poter andare avanti anche nel corso dello scorso weekend (ottavo giorno consecutivo) e, come ha spiegato Roberta Reardon sabato, “il nostro scopo è quello di raggiungere un accordo giusto per noi e per l’AMPTP.

    Siamo pronti a trattare per tutto il tempo necessario, incluso il weekend Memorial Day (ieri, ndr)”. L’AMPTP, come di consueto, non ha commentato, ma la Reardon si è detta fiduciosa di poter raggiungere presto “un accordo che ancora una volta porti dei benefici ai lavoratori“. Che nell’aria spiri ottimismo è comunque assodato, visto che la Reardon ha mandato due lettere aperte nel giro di una settimana (anche se la prima defininiva “problematiche” le trattative sull’uso di clip senza il permesso degli attori interessati, con le parti che cercavano una comune soluzione”: “Come ho scritto negli aggiornamenti precedenti, oltre ad un aumento dei compensi, delle polizze sulla salute e sulla pensione, ci stiamo confrontando sui cambiamenti dei nuovi media: poiché è una realtà mai esplorata nelle trattative precedenti, stiamo cercando di pensare fuori dagli schemi per raggiungere soluzioni pragmatiche”. Ancora una volta, concludiamo ricordando che sia il contratto dell’AFTRA che quello della SAG scadranno il 30 giugno, e che Hollywood è in attesa di sapere se gli attori di tv e cinema, che non hanno raggiunto un accordo, entreranno in sciopero.

    326