La7: Casaleggio del M5S querela Servizio Pubblico e il direttore di rete [VIDEO]

La7: Casaleggio del M5S querela Servizio Pubblico e il direttore di rete [VIDEO]

Gianroberto Casaleggio querela La7 e il suo diretto, Paolo Ruffini, a causa di un'intervista andata in onda la settimana scorsa a 'Servizio Pubblico' di Michele Santoro

    La7: Casaleggio querela Servizio Pubblico e il direttore di rete

    Il Movimento 5 Stelle contro Servizio Pubblico. La trasmissione di La7 condotta da Michele Santoro ha scatenato l’ira funesta del gruppo politico fondato da Beppe Grillo o, per la precisione, di Gianroberto Casaleggio. Il guru del movimento, co-fondatore di esso insieme allo stesso Grillo, non ha affatto gradito un servizio mandato in onda la scorsa settimana.

    La pietra dello scandalo è un servizio realizzato da Giulia Innocenzi, avente ad oggetto le parlamentarie, ovvero le primarie del Movimento 5 Stelle.
    La Innocenzi ha cercato di contattare Casaleggio e intervistarlo in proposito, con riguardo al profilo della trasparenza e regolarità della procedura. Durante il filmato viene infatti sollevato il dubbio che le cose non si stiano svolgendo in assoluta chiarezza e democrazia.
    L’accusa proviene da tre militanti del partito, che sostengono di essere stati esclusi ingiustamente dalle candidature online. I soggetti in questione affermano infatti di essere stati tagliati fuori nonostante avessero tutti i requisiti per partecipare.
    Ivano Mazzacurati, uno dei tre in questione, si è spinto però ben oltre. Nell’intervista dichiara addirittura che Gianroberto Casaleggio si impossesserà dei fondi destinati gruppi parlamentari del Movimento 5 Stelle.

    La replica del diretto interessato è giunta poco fa, con una secca dichiarazione sul proprio blog:

    ‘In un’intervista trasmessa da Servizio Pubblico la scorsa settimana, Ivano Mazzacurati ha affermato che Casaleggio prenderà i soldi destinati ai gruppi parlamentari del Movimento 5 Stelle. La notizia è falsa ed offensiva. Ho dato disposizioni ai miei legali per querelare Ivano Mazzacurati e il direttore di rete de La7.’

    Bisognerà vedere ora le reazioni da parte della rete e delle varie persone coinvolte.

    Bizzarra comunque l’intenzione di querelare il direttore di rete, Paolo Ruffini. Il coinvolgimento di quest’ultimo, come anche quello della trasmissione in sè, è relativo. Nel servizio ci si limita a raccogliere la testimonianza di una persona, come del resto si voleva fare con Casaleggio stesso, se non si fosse negato ai microfoni della Innocenzi. L’affermazione incriminata non è stata riportata dall’autrice del servizio quale fatto o presunto tale, ma come dichiarazione spontanea di un terzo. La responsabilità di quest’ultimo è indubbia, ma quella della trasmissione e del direttore di rete è tutta da verificarsi.

    Ad ogni modo, non dubitiamo che la faccenda sia destinata a fare rumore e senz’altro non si chiuderà qui. Restiamo ovviamente in attesa di ulteriori sviluppi.

    439

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN La 7Servizio Pubblico

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI