La Tribù-Missione India, i lavoratori Triangle in stato d’agitazione

La Tribù-Missione India, i lavoratori Triangle in stato d’agitazione

I dipendenti della Triangle, la società di produzione dell'ormai annullato reality La Tribù-Missione India, sono in stato d'agistazione da questa mattina

    Il logo della Triangle Production

    I dipendenti della Triangle, la società di produzione dell’ormai annullato reality La Tribù-Missione India, sono in stato d’agistazione da questa mattina. Temono di non essere pagati e di restare senza lavoro.

    Le conseguenze della cancellazione de La Tribù-Missione India si fanno sentire: al di là delle denunce minacciate vicendevolmente da Mediaset, editore del programma, e Triangle, società ‘indipendente’ (come ha più volte specificato il Biscione) incaricata di produrre il reality, i dipendenti e i collaboratori della Triangle sono scesi in piazza per protestare nel timore di non essere pagati per il lavoro fin qui svolto e di perdere il posto.

    Sit-in questa mattina davanti agli uffici della produzione: questa la prima decisione presa dopo una riunione sindacale svoltasi nella prima mattinata. I lavoratori protestano non solo per la cancellazione del reality, ma anche perché non sono ancora riusciti ad avere in incontro con Silvio Testi, cui fa capo la società, e non riescono ad ottenere una copia dei contratti già stipulati ma ancora in attesa di formalizzazione. La paura, come immaginabile, è quella di non riuscire a percepire nessun compenso e di perdere il lavoro.


    Siamo ovviamente solidali con loro: sarà fondamentale capire di chi è davvero la colpa di questa incredibile vicenda. Silvio Testi continua a rimandare indoetro le accuse lanciategli da Mediaset, rivelando che il progetto de La Tribù-Missione India è partito solo a giugno, dopo un iniziale accordo su una quarta stagione de La Talpa di cui però non si sapeva il periodo di messa in onda (autunno o promavera). Di fronte a un budget ritenuto troppo alto da Mediaset, l’azienda ha quindi richiesto un format nuovo di zecca per il quale però la stessa Mediaset si sarebbe occupata del casting Vip. Casting chiuso in ritardo, accusa ancora Testi: da qui le conseguenti difficoltà per i visti che ha quanto pare ha determinato la soppressione del programma. La questione è decisamente spinosa: l’autunno di Mediaset appare davvero caldo.

    413