La Torre Nera, la Universal affossa il progetto (che potrebbe essere salvato da Warner Bros)

La Torre Nera, la Universal affossa il progetto (che potrebbe essere salvato da Warner Bros)

Universal affossa i tre film e la serie tv tratti da La Torre Nera, il progetto è troppo costoso ma potrebbe essere salvato da Warner Bros)

    dark tower movie canceled

    La Torre Nera in versione tre film e due stagioni di serie tv con protagonista Javier Bardem non si farà: il progetto, secondo quanto riportato da The Wrap, è stato accantonato da Universal perché troppo impegnativo e troppo a rischio fallimento, le stesse motivazioni che erano emerse nel maggio scorso, quando però si parlava di generico stop ai lavori in attesa di capire come contenere i costi di produzione. A salvare capra e cavoli potrebbe essere Warner Bros, ma è solo un rumors senza troppe conferme

    Dallo stop temporaneo allo stop definitivo: brutte notizie per i fan della Torre Nera, ambizioso mega progetto definitivamente affossato da Universal che valutando pro e contro ha deciso di non volersi impegnare troppo per una cosa in cui il confine tra grande successo e mega fallimento era troppo sottile. Lo studio voleva dare disco verde solo alla realizzazione del primo film, idea non piaciuta ai produttori (tra gli altri Ron Howard e Akiva Goldsman) che volevano lavorare su un progetto di ampio respiro, una trilogia di film più una serie tv ‘griffati’ “The Dark Tower” da trasmettere su NBC.

    E così dopo lo stop temporaneo di maggio dovuto ad un tentativo di contenere i costi che aveva fatto slittare le riprese dall’estate a data da destinarsi, si è passati allo stop definitivo di questa settimana, per motivi che lo studio ha rifiutato di commentare: secondo un insider, il motivo sarebbe che The Dark Tower – tre film e due stagioni di serie tv con Javier Bardem nel ruolo di Roland – è troppo costoso e troppo rischioso, non un qualcosa in cui Universal, che ha già tagliato diversi progetti ad alto budget, sentiva di potersi impegnare senza avere dei ripensamenti.


    Risparmiare sulla Torre, però, potrebbe non portare bene alla Universal, visto che la decisione potrebbe far girare le scatole alla Imagine Entertainment di Ron Howard e Brian Grazer, che ha portato alla Universal soldi e gloria con pellicole come “American Gangster” e “A Beautiful Mind”: non che alla Imagine manchino altri progetti con altri partner, ma certo rinunciare a un progetto come la Torre non è un colpo facile da assorbire. Si parla comunque di un potenziale interesse di Warner Bros, anche se non è chiaro quanto questo rumors sia fondato: ora come ora, da fan di King, il nostro odio va tutto alla Universal!

    447

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI