La telerissa tra Enrico Varriale e Walter Zenga

il video del litigio avvenuto ieri in diretta televisiva a stadio sprint tra il giornalista enrico varriale e l'allenatore del catania walter zenga

da , il

    Dopo due settimane di forfait l’allenatore del Catania Walter Zenga torna davanti alle telecamere e ai microfoni di Stadio Sprint ma litiga in diretta con il giornalista Enrico Varriale. Per il tecnico è in arrivo una multa dalla sua società.

    “È cortesia se sono tornato, non sapevo di avere un procuratore in diretta. Quando si dicono le cose bisognerebbe farlo quando sono presenti le persone”. È iniziato così l’acceso diverbio in diretta tv tra Walter Zenga, tecnico del Catania, ed Enrico Varriale, conduttore di Stadio Sprint, la trasmissione di Rai Due in onda subito dopo Quelli che il calcio che propone i commenti a caldo del dopo-partita. L’atmosfera tra i due si è fatta subito incandescente.

    Al termine di Catania-Torino (per la cronaca finita 3-2) un sorridente Zenga ha preferito affrontare una questione rimasta in sospeso con Varriale piuttosto che parlare della vittoria della sua squadra.

    “Avrei preferito non avesse fatto apprezzamenti sul mio conto, sulla mia vita privata e sul mio passato di allenatore” ha detto l’allenatore riferendosi al commento espresso dal giornalista una settimana fa quando per la seconda volta consecutiva non si è presentato ai microfoni di Rai Sport. “Zenga, non ti dimenticare che la Rai ti ha tirato fuori da un certo dimenticatoio e ti ha proposto come apprezzato opinionista”, aveva detto Varriale domenica scorsa. Questa la frase che ha scatenato il putiferio televisivo e la replica stizzita di ieri pomeriggio.

    Anche il conduttore napoletano però ha voluto togliersi qualche sassolino dalla scarpa e ha risposto: “La sua è un’uscita sbagliata, lei da giocatore ha fatto poche uscite a vuoto, anche se una ce la ricordiamo tutti purtroppo”, facendo riferimento alla semifinale contro l’Argentina che ci costò il Mondiale del ’90.

    A questo punto gli animi si sono surriscaldati ulteriormente e con un sorrisetto sprezzante l’ex portierone della Nazionale ha insinuato che il giornalista non fosse lì (in Rai) per merito, invitandolo a parlare di calcio e a farsi gli affari propri sulla carriera degli allenatori. “Lei mi sta minacciando, stia attento a quello che dice”, ha replicato un Varriale sempre più innervosito, che comunque tra un botta e risposta e l’altro ha cercato di far valere le sue ragioni, spiegando il comportamento da maleducato tenuto da Zenga nei confronti di un inviato di Stadio Sprint e invitandolo infine a commentare la partita. “Varriale preferisco fare uscite a vuoto piuttosto che parlare con lei”, è stata la risposta secca del c.t del Catania.

    Anche Bruno Gentili, presente in studio, ha tentato in qualche modo di mettere fine alla penosa discussione sottolineando come si stesse mancando di rispetto ai telespettatori. Ma non è servito a nulla, del match Catania-Torino e dell’ottima prova degli uomini di Zenga non si è riuscito a parlare.

    Sulla telerissa è intervenuto poi il direttore di Rai Sport Massimo De Luca che ha difeso l’operato del suo giornalista e accusato Zenga di aver fatto “insinuazioni inaccettabili”, auspicandosi comunque un “chiarimento per affrontare e risolvere il problema da gentiluomini”, ed evitare ulteriori tensioni. Sicuramente si arriverà presto a una tregua, chissà magari anche alle scuse reciproche, ma intanto l’amministratore delegato del Catania, Pietro Lo Monaco, ha annunciato che Walter Zenga sarà sanzionato con una multa per l’atteggiamento “deprecabile” di ieri.

    E voi cosa ne pensate?