La Scelta di Laura, medical d’estate per Canale 5

La Scelta di Laura, medical d’estate per Canale 5

Parte in pieno periodo estivo La Scelta di Laura, serie medical in 12 puntate da 50 minuti realizzata da TaoDue per Canale 5 con Giulia Michelini e Giorgio Pasotti

    Parte stasera su Canale 5 La Scelta di Laura, altra serie medical di TaoDue che doveva esordire lo scorso autunno. Ma dopo il flop di Crimini Bianchi, sospeso e ora recuperato su Joi, Mediaset ha pensato bene di non rischiare e di programmarlo fuori dal periodo di garanzia. Nel cast Giulia Michelini e Giorgio Pasotti, già insieme in Distretto di Polizia.

    Che le serie medical italiane non abbiano fortuna ormai è un dato di fatto. Più di una volta abbiamo affrontato l’argomento, soprattutto nel 2008: tra la sospensione di Medicina Generale, Terapia d’Urgenza (entrambi Rai) e la cancellazione di Medici Miei (Italia1) e di Crimini Bianchi (Canale 5), il genere continua a soffrire di un male evidentemente congenito, che non ha salvato in passato altri tentativi, come Camici Bianchi o Nati Ieri, giusto per fare un altro paio di titoli.

    Per evitare di lasciare in magazzino un titolo comunque costoso, prodotto dalla TaoDue, Canale 5 ha pensato bene di giocarsi la carta della programmazione estiva di questa prima tv: strategia già adottata in passato per titoli anche meno rischiosi come E poi c’è Filippo o Sei Forte Maestro. Non solo, ma per limitare l’effetto medical, la serie ha anche cambiato titolo: era stata infatti presentata ormai più di un anno fa come Chirurgia d’Urgenza, ma dato il pessimo stato di salute del genere hospital in Italia si è preferito optare per un tono ‘melò’ e una focalizazione sulla protagonista femminile e sulla sua antagonista.

    Ecco quindi sbarcare nel prime time dell’ammiraglia del Biscione La Scelta di Laura, 12 puntate da 50 minuti per sei settimane di programmazione, con la regia di Alessandro Piva e con Giulia Michelini nel camice della specializzanda Laura, peraltro di umili orgini (perfetta quindi per una drammatizzazione melodrammatica), che si contrappone all’immancabile raccomandata (ovviamente privilegiata) Rebecca Ricciardi (interpretata da Camilla Filippi). Al centro Giorgio Pasotti, nel ruolo di Fabio Moreno, l’uomo per il quale Laura sceglie di lavorare nell’ospedale perugino che fa da cornice narrativa.

    Per meglio comprendere la svolta romantica della serie rispetto alle iniziali intenzioni, basta leggere le prime righe della presentazione della fiction diffusa da Mediaset: “La serie rappresenta l’incontro tra il medical classico sullo stile E.R. e la modernità di Grey’s Anatomy focalizzando il gioco tra i personaggi. Si intrecciano con profondo equilibrio, nell’arena del reparto di Emergenza di un ospedale di medie dimensioni, le vicende umane e professionali di un cast di medici. Ma soprattutto, la malattia e l’impatto emotivo delle vite dei malati sono visti attraverso lo sguardo puro e in divenire delle due protagoniste femminili, Laura e Rebecca. Veloce, dinamica, moderna, questa serie vuole raccontare il lavoro del medico, nella trincea del Pronto Soccorso ma non solo, soprattutto intende focalizzare l’attenzione sul tema dell’essere donne (e uomini) oltre ogni compito ufficiale o istituzionale“.

    Insomma tutto guardato attraverso gli occhi delle donne, un po’ come accaduto alla Mafia declinata in rosa di Squadra Antimafia Palermo Oggi, anch’essa incentrata sulla dicotomia di una coppia di protagoniste, con Giulia Michelini già in prima linea.

    La chiave melò riuscirà a smorzare la maledizione del medical all’italiana? Beh, paradossalmente la calura estiva potrebbe riscaldare gli animi dei responsabili del palinsesto di fronte a risultati un po’ freddini.

    704