La Russa litiga senza freni a Exit e Annozero (video)

Ignazio La Russa scatena la rissa nello studio di Annozero scagliandosi contro alcuni studenti chiamati a spiegare le ragioni della propria protesta

da , il

    Notevole doppietta per Ignazio La Russa, ministro della Difesa, che in due giorni colleziona un paio di risse tv niente male: l’ultima in ordine di tempo risale a ieri sera, durante la puntata di Annozero dedicata alla fiducia al Governo Berlusconi e agli scontri che hanno devastato Roma. “Vigliacchi, fifoni“: così il ministro epiteta gli studenti che hanno protestato a Roma, condannando il programma per la mancanza di contraddittorio. Il giorno prima La Russa si era lasciato andare a Exit su La7.

    Il nervosismo di questa settimana politica rimbalza in tv: dopo lo scontro tra Italo Bocchino e Sandro Bondi a Ballarò martedì 14, si registrano ben due exploit del ministro della Difesa Ignazio La Russa, protagonista assoluto degli ultimi due giorni tv.

    Partiamo da quanto avvenuto ieri ad Annozero: Luca Cafagna, studente di Scienze Politiche dell’Università La Sapienza di Roma, cerca di spiegare le ragioni della loro protesta – non delle violenze che hanno devastato Roma – ma viene bloccato dal Ministro della Difesa. “Siete dei vigliacchi, dei fifoni” dice rivolto agli studenti e poi verso Santoro: “Questa è apologia di reato, qui non c’è contraddittorio perché in studio non c’è nessun rappresentante delle forze dell’ordine; lei sta dando spazio a dei violenti, a chi aggredito i poliziotti…“. Il tutto con il suo consueto stile ‘misurato’ e ‘pacato’. Lo studio si ribella: fischi di ogni tipo, proteste, mentre si consuma l’ennesimo atto di prepotenza politica e di scarso rispetto verso il pubblico tv, costretto a seguire l’ennesima rissa che dura, peraltro, un discreto quarto d’ora.

    Ma un precendente c’era stato già mercoledì sera, nel solitamente compassato salotto di Exit, l’approfondimento di La7 condotto da Ilaria D’Amico. Parte un servizio curato da Antonio Monteleone che ha concentrato la propria attenzione sui parlamentari che, con il loro voto, hanno garantito la fiducia a Berlusconi: Calearo, Catia Polidori, Razzi, Grassano, Maria Grazia Siquilini, e, soprattutto, Scilipoti. Si sospetta la compravendita di questi deputati, che hanno votato la fiducia all’ultimo minuto, dopo essersi dichiarati contro il Governo. In coda al servizio, il giornalista ha cercato di intervistare La Russa fuori dal Parlamento, ma il ministro ha rifiutato un commento allontanando il giornalista con un ripetuto “Avete perso!“. Se questa è politica… In basso le immagini.