La Ruota della Fortuna e Pyramid, un primo bilancio

La Ruota della Fortuna e Pyramid, un primo bilancio
da in Auditel, Game Show, Intrattenimento, Italia 1, La ruota della fortuna, Programmi TV, Rai 2, Share, Video, Zelig, debora-salvalaggio, Enrico Brignano, pyramid
Ultimo aggiornamento:

    Enrico Brignano ed Enrico Papi

    Si entra nella seconda settimana di programmazione per i due “nuovi” game show di Rai e Mediaset, Pyramid e La Ruota della Fortuna. per ora si registrano risultati contrastanti, per due programmi molto diversi: da un lato un quiz farraginoso condotto da un impacciato Enrico Brignano, dall’altro uno spigliato Enrico Papi imprime il suo ritmo ad un format “d’antan”.

    Partiamo dallo share e dagli ascolti: i risultati risentono della diversa collocazione oraria che vede Pyramid rientrare nel pre-serale di RaiDue e La Ruota della Fortuna appartenere in pieno all’access prime time. Una differenza non da poco, soprattutto per lo share, visto che sul numero di telespettori non si riscontrano enormi differenze. Pyramid ha raccolto una media di 2.930.000 spettatori, superando La Ruota della Fortuna che arriva a 2.782.000. Sul piano dello share la situazione è completamente diversa: Pyramid è sotto il 4%, La Ruota arriva al 10,3%. Una differenza non certo trascurabile.

    Di certo Pyramid è sotto gli obiettivi di rete e se continua così non è difficile immaginare una cancellazione del programma, ma va considerato che RaiDue ha previsto per il mese di gennaio degli speciali da prime time. Ma il gioco non convince, sopratutto per via dei conduttori, a nostro avviso imbarazzanti: Debora Salvalaggio è una bella ragazza da calendario ridotta ad un ruolo davvero irritante che non le rende giustizia, sotto nessun punto di vista; Enrico Brignano sembra succube della conduzione, evidentemente non nelle sue corde.

    Basta rivederlo in un suo sketch sui dialetti, tratto da Zelig.

    Sul fronte di Italia1, dove sta andando in onda la nuova versione de La Ruota della Fortuna, la situazione è dicisamente migliore. Enrico Papi ha uno stile caciarone che può piacere o meno, ma che sicuramente non manca di ritmo. L’esperimento è, per adesso, destinato a finire, dal momento che Papi a gennaio dovrebbe tornare a condurre Prendere o Lasciare. Il periodo della sperimentazione natalizia è nel suo clou.

    667