La prova del cuoco, Antonella Clerici omaggia Raffaella Carrà: il gioco dei fagioli torna in tv

La prova del cuoco, Antonella Clerici omaggia Raffaella Carrà: il gioco dei fagioli torna in tv

La prova del cuoco, Antonella Clerici omaggia Raffaella Carrà: Pronto Antonella è il nuovo gioco con i fagioli

    Antonella Clerici omaggia Raffaella Carrà e all’interno del suo La prova del cuoco, riporta il gioco dei fagioli in tv: appuntamento da domani, lunedì 10 febbraio con il quiz telefonico ‘Pronto Antonella?‘, un omaggio ai sessant’anni della Rai, ma anche un omaggio personale di Clerici a Carrà, il secondo se si considera il precedente dell’imitazione della Raffa Nazionale con uno dei suoi più grandi successi, ‘A far l’amore comincia tu‘, all’interno del programma Ti lascio una canzone (video a fine post).

    Antonella Clerici rende di nuovo omaggio a Raffaella Carrà: a quattro anni dall’imitazione in Ti lascio una canzone, la conduttrice de La Prova del cuoco riporta in tv il barattolo di fagioli, il cui numero deve essere indovinato dai telespettatori; invece di ‘Pronto Raffaella‘, il segmento si chiamerà – ovviamente – ‘Pronto Antonella‘, ma per il resto riproporrà la stessa scenografia del programma Rai del 1983 e : ad annunciare la novità, più volte durante le scorse puntate del programma Rai, è stata la stessa Clerici, anche se non è chiaro se la Carrà sarà ospite del suo programma – domani, o in futuro.

    Ricordiamo che ‘Pronto Raffaella‘ è stato il programma pioniere della fascia del mezzogiorno in tv, prima coperta dal solo monoscopio: la trasmissione – diretta da Gianni Boncompagni – era composta da momenti canori e comici, senza dimenticare momenti seri (la Carrà intervistò tra gli altri Madre Teresa di Calcutta) e il balletto: il momento clou erano i giochi telefonici, tra cui il famoso ‘Indovina il numero dei fagioli contenuti nel barattolo’.

    In onda su Rai Uno, ‘Pronto Raffaella‘ diventò ben presto un successo di pubblico – arrivò a raggiungere anche 14 milioni di spettatori ogni giorno – per la popolarità della conduttrice e anche grazie alla formula inedita del contatto con il pubblico: Carrà vi rimase per due anni – poi si cambiò titolo e conduttrice; al posto della Carrà arrivò Enrica Bonaccorti - ma il format fu copiato dalle televisioni di mezzo mondo: tra queste citiamo la Spagna, con Telecinco (la tv spagnola di Mediaset) che nel 1995 propose En casa de Raffaella con Carrà alla conduzione.

    456