La Mori chiama Domenica In per difendere Celentano

La Mori chiama Domenica In per difendere Celentano

la telefonata di claudia mori a domenica in - l'arena, in cui è intervenuta per difendere adriano celentano dalle critiche degli ospiti per la sua lettera pubblicata dal corriere della sera

    Claudia Mori, Adriano Celentano

    La lettera di Adriano Celentano pubblicata sul Corriere della Sera ha provocato un acceso dibattito nell’ultima puntata di Domenica In e per difendere il cantante dalle critiche degli ospiti di Massimo Giletti è intervenuta in diretta al telefono la moglie Claudia Mori che ha detto: Bonolis si è fatto pubblicità con questa lettera.

    La riflessione di Adriano Celentano sul sabato sera spensierato della tv italiana mentre sulla Striscia di Gaza si combatte e si muore, pubblicata la settimana scorsa dal Corriere della Sera, è stata al centro della scorsa puntata di Domenica in – L’Arena.
    In questa lettera Celentano iniziava con i complimenti a Milly Carlucci perché il suo Ballando con le stelle è “una nostalgica boccata d’aria di pace che ci distoglie, sia pure per poche ore, dalle grida di dolore che ci arrivano dall’eterno conflitto tra la Palestina e Israele”. Salvo poi precisare che purtroppo si tratta di “brevi attimi di respiro per un’Italia nel bunker, decisa a non voler pensare (finché si balla) a chissà quali tragedie leggeremo l’indomani sulla striscia di Gaza”. Continuando infine con una sua personale riflessione su quanto sta accadendo in quella zona calda del Medio Oriente.

    E così intorno al tema “È giusto che la tv continui a far spettacolo in momenti drammatici?”, (oppure se sia più opportuno ripensare la programmazione televisiva, a volte sarebbe proprio il caso) il conduttore Massimo Giletti ha confezionato il suo spazio domenicale chiamando come ospiti, direttamente da Ballando, Milly Carlucci e Lamberto Sposini, e poi Fabrizio Frizzi, Luca Giurato, Giampiero Mughini e Vittorio Sgarbi. È stato soprattutto quest’ultimo, in collegamento da Milano, a criticare maggiormente l’intervento “epistolare” di Celentano. La critica principale riguarda il fatto che per altri temi di altrettanta importanza, come i razzi di Hamas contro Israele, il cantautore non è intervenuto.

    Ma è per l’affermazione di Sgarbi - Celentano è “un poeta e come tale dice una sua verità, dunque il resto è difficile commentarlo” – che Claudia Mori ha telefonato in diretta durante la trasmissione in difesa del marito. La Mori ha ringraziato per “il poeta”, il massimo che si può dire a una persona, ma poi ha attaccato: “La cosa che mi sorprende e che ritengo la più stupida è questa insistenza che non accade soltanto da voi, cioè che se uno è un poeta o cantante non può esprimere un pensiero su quello che accade”.

    La moglie del molleggiato ha quindi ribadito che Adriano quando scrive delle cose dice quello che pensa e che non si è schierato da una parte, ma ha solo voluto far notare che noi siamo nel bunker, cioè “privilegiati verso tutti i disastri che nel mondo accadono”.

    Infine a proposito del successivo intervento fatto da Paolo Bonolis, che si era schierato con il cantante, la Mori ha sostenuto che Bonolis ha approfittato della lettera di Adriano per fare pubblicità al suo Festival e promuovere se stesso: “Ha detto che aprirà una finestra sull’attualità, anche se non mi è sembrata una grande uscita”. A onor del vero durante il suo primo Sanremo aveva aperto uno spazio per parlare del Darfur. L’importante comunque è che se ne parli.

    656

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI