La Minaccia Hugo Chavez su Current

La Minaccia Hugo Chavez su Current

Va in onda questa sera alle 22

    Va in onda questa sera alle 22.30 su Current (Canale 130 di Sky), La Minaccia, docu-film di Silvia Luzi e dal regista Luca Bellino incentrato sull’ambigua figura del presidente venezuelano Hugo Chavez, acquistato e poi ‘bloccato’ per circa un anno dalla Rai. In alto il promo.

    Realizzato nel 2007 e prodotto dalla Suttvuess, La Minaccia ha avuto una storia non certo facile. Acquistato da RaiUno nel 2007, il docu-film è poi rimasto nei cassetti della tv di Stato: ci ha pensato Current a ‘recuperarlo’ per trasmetterlo in prima tv assoluta questa sera alle 22.30.
    Dopo oltre un anno di embargo – spiegano gli autori Silvia Luzi e Luca Bellino – l’idea che ci siamo fatti è questa: La Minaccia presenta una lettura in chiave critica del socialismo bolivariano di Hugo Chávez, una lettura che certo non coincide con gli enormi interessi economici e politici che l’Italia ha in Venezuela. L’unica emittente che ci ha dato la possibilità di raccontare quello che abbiamo visto e vissuto, paradossalmente non è il servizio pubblico, ma un network internazionale come Current. Il servizio pubblico ci ha oscurato, bloccando il documentario ed impedendoci di utilizzare il nostro lavoro per un anno intero“.
    La storia de La Minaccia la ricostruisce con dovizia di particolari Il Giornale: fu comprato su interessamento dell’allora direttore del Tg1 Gianni Riotta per realizzare uno speciale in onda il 2 dicembre 2007, giorno del referendum che gli avrebbe negato la possibilità di avere potere assoluto grazie all’intervento della popolazione che non avallò il suo desiderio. Ma mentre in Venezuela erano ancora perte le urne, il Tg1 non trasmise La Minaccia, ma un omaggio a Beppe Viola.

    Decisione apparentemente inspiegabile, visto che come aveva ben visto Riotta, il film conteneva materiale giornalisticamente interessante, con tanto di boom in apertura, una dichiarazione nella quale Chavez avvertiva che non avrebbe fatto la fine di Saddam Hussein: “Lui non aveva carri armati e bombardieri, noi abbiamo i Sukhoi, gli aerei più moderni del mondo. Ascoltatemi: quando altrove finirà il petrolio, nel Venezuela ce ne sarà ancora molto. Per questo dobbiamo difenderci“.

    Inevitabile per i due autori un parallelo con South of the border di Oliver Stone, presentato alla 66ma Mostra del Cinema di Venezia: “Oliver Stone si ferma alla versione ufficiale di Chávez, il nostro film racconta anche quella non ufficiale“. Del resto il titolo prende spunto da un dossier militare americano del 2006 nel quale Chavez viene riconosciuto come “la più grande minaccia dai tempi dell’Urss e del comunismo”: una ‘traccia’ che ha portato Luzi e Bellino a raggiungere il Venezuela per verificare lo stato dei fatti, partendo però da una certa simpatia per l’operato di Chavez, trovandosi però di fronte a una condizione ‘dittatoriale’, che ha visto negli ultimi anni la chiusura di quaranta radio private, un’educazione scolastica di stampo castrista e il tentativo, non andato a buon fine, di un mandato presidenziale con potere assoluto.

    Dopo quasi due anni di silenzio, nonostante l’uscita in dvd, sarà quindi possibile oggi per il pubblico italiano abbonato a Sky vedere sul canale 130 La Minaccia, già venduto e trasmesso in giappone, Svezia e Finlandia. Non è mai troppo tardi?

    553

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI