La Fox e Brian Grazer preparano una serie drammatica sull’FBI

Agenzie governative, esercito, e forze dell’ordine in generale sono al centro di molte serie tv americane, ma a quanto pare - almeno secondo le reti televisive - mai abbastanza

da , il

    Agenzie governative, esercito, e forze dell’ordine in generale sono al centro di molte serie tv americane, ma a quanto pare – almeno secondo le reti televisive – mai abbastanza. E’ di questi giorni infatti la notizia che la FOX (che ha già messo la CIA al centro di 24) sta preparando assieme a Brian Grazer (fondatore assieme a Ron Howard della Imagine Entertainment, produttore – tra gli altri – di “A Beautiful Mind”, “Apollo 13″ e “Il codice Da Vinci”, e produttore esecutivo di serie tv tra cui il succitato “24″ e “Arrested Development”) una serie incentrata sull’agenzia simbolo dell’intelligence: l’FBI.

    FBI che ha offerto la sua ‘collaborazione alla Fox e a Grazer, e che – pare – darà il titolo alla serie (almeno quello provvisorio); la trama della nuova serie dovrebbe essere incentrata su Michael Cavanaugh, veterano a capo del “Critical Incidents Response Group”, sezione del Federal Bureau of Investigation che si occupa di rapimenti e negoziazione degli ostaggi. Almeno nelle intenzioni di Grazer, “la serie, sceneggiata da Chap Taylor, mostrerà ai telespettatori com’è lavorare nell’FBI post 11 settembre”, ed il personaggio di Cavanaugh sarà ispirato all’ex agente dell’FBI John O’Neill, che fu tra i primi ad avvisare l’agenzia del pericolo Al-Qaeda, venne ignorato, e morì nel crollo delle WTC un giorno dopo averne assunto l’incarico come direttore della sicurezza.