La fiction, Rai o Mediaset, piace di più se è biografica

La fiction, Rai o Mediaset, piace di più se è biografica

Prosegue la passione per la fiction che diventa ancor più intrigante se racconta la vita di personaggi illustri realmente vissuti

da in Fabrizio Del Noce, Fiction italiane, Mediaset, Rai, Rai Fiction
Ultimo aggiornamento:

    Andrea Osvart

    Torna d’attualità un tema già ampiamente scandagliato su Televisionando, la stagione della fiction biografica. A giugno 2010 fu Fabrizio Del Noce in persona, presidente di RaiFiction a presentare i progetti futuri della Rai in fatto di fiction. E già allora gli si illuminavano gli occhi parlando dei tanti personaggi della storia, ma anche della musica leggera e del cinema di cui avrebbe voluto raccontare la vita.

    A far tornare di moda l’argomento ci ha pensato il quotidiano La Repubblica che il 3 gennaio ha pubblicato un dettagliato articolo sulla voglia di biografia che si è impossessata della fiction. Che la Rai punti moltissimo sulle fiction non è certo un mistero, fanno grandi ascolti e quindi sono il prodotto di maggior richiamo del palinsesto, ma in questo anche Mediaset non scherza ed ecco così i due colossi sfidarsi a colpi di vite vissute.

    Mediaset scende in campo con un’operazione impegnativa e delicata, portare sul piccolo schermo la vita di Gianni Agnelli, prodotto da Pietro Valsecchi che per non sbagliare sta lavorando al progetto con Ginevra Elkann, nipote dell’Avvocato. Il progetto pare porterà via almeno ancora un anno. Intanto in Rai si lavora alacremente alla vita di un numero considerevole di personaggi famosi.

    Molto soddisfatto come al solito Del Noce che spiega, “Raccontare la storia di personaggi che hanno fatto la storia del nostro paese o celebrità mondiali come Evita Peron o Grace Kelly, aiuta a coltivare la memoria e aiuta le nuove generazioni a conoscere la storia”.

    E di storia ne hanno davvero tanta da studiare i giovani, a giudicare dai tanti progetti che occupano la scrivania di Del Noce.

    Per Alessio Boni è pronto il ruolo di Walter Chiari, ma non manca un progetto sulla vita di Domenico Modugno per il quale Del Noce vedrebbe ben Riccardo Scamarcio. E’ poi nota l’idea della fiction su Luciano Pavarotti per la quale si pensa a Pierfrancesco Favino già sul set del generale della Rovere.

    Certo creare una fiction basandosi sulla biografia di un personaggio realmente esistito può creare qualche problema. In linea di massima si cerca di lavorare con i parenti o comunque con qualcuno che ha avuto modo di conoscere il personaggio.

    Per Del Noce questa è una conditio sine qua non per cui, per esempio, riguardo al progetto legato alla figura di Oriana Fallaci, i tempi sono stati più lunghi del previsto proprio per una questione di correttezza, al momento si sa di certo che la sceneggiatura la stanno scrivendo Rulli e Petraglia.

    A scorrimento veloce ricordiamo come già ribadito più volte, che Gabriella Pession sarà Evita Peron, mentre Andrea Osvart sembra perfetta per il ruolo di Grece Kelly. Mentre Luca Argentero ci terrà col fiato sospeso salendo sul ring nei panni del pugile Tiberio Mitri, infine non manca un progetto su Enzo Tortora.

    582

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Fabrizio Del NoceFiction italianeMediasetRaiRai Fiction