La differenza tra XFactor e Amici? L’uscita di Dante Pontone

La differenza tra XFactor e Amici? L’uscita di Dante Pontone
    La differenza tra XFactor e Amici? L’uscita di Dante Pontone

    Puntata particolarmente polemica quella di ieri sera per XFactor: al centro della serata lo scontro verificatosi in settimana tra Dante Pontone (25+), la caposquadra Simona Ventura e il vocal coach Michele Fischietti, rei, per il cantante, di averlo penalizzato attribuendogli brani non adatti a lui. “Purtroppo ho sempre cantato ‘sta roba qua“, dice prima di uscire eliminato da Morgan e Mara Maionchi, mentre la fidanzata se la prende con la “signora Ventura”: “Dante ne ha fatto le spese, mi auguro che adesso dia più ascolto ai cantanti“. E SuperSimo sbotta: “Ma come ti permetti! Stai zitta e ricorda che l’ho scelto tra diecimila”. In alto il video con lo scontro della settimana.

    Una vera caduta di stile per uno dei cantanti più bravi della prima edizione italiana di XFactor, evidentemente non piaciuta al pubblico che lo ha mandato al ballottaggio contro i Sei Ottavi. E nel giudizio finale, Mara, cui tocca quasi sempre l’ingrato compito di scegliere tra un membro della squadra di Morgan e uno della squadra di Simona, preferisce i Sei Ottavi, bollando Dante come “poco originale”, pertanto meno attraente per il mercato discografico.
    Da qui la bagarre: la fidanzata di Dante, Flavia, fatta salire per cortesia sul palco per “riprendersi ciò che è suo” ne approfitta per sferrare una scudisciata a Simona Ventura, colpevole per lei di averlo fatto uscire dandogli brani a lui inadatti. Immaginabile la reazione di Simona che non solo consiglia a lei e al ragazzo di tacere, ma anche di ricordarsi dell’opportunità che proprio lei gli ha dato”. “Se per te questo è l’ultimo treno (come affermato dal concorrente nell’appello finale) vedi di sfruttarlo” invece di sparare a zero sul piatto in cui mangi, il succo della risposta di Simona. Ma Dante non ha demorso e anche dietro le quinte accusa Simona di non aver mai avuto stima in lui, costringendolo a cantare ‘sta roba qua.

    In estrema sintesi umiltà, professionalità, rispetto dei ruoli sono diventate
    le parole d’ordine anche del talent show di RaiDue, dopo essere diventate le pietre della discordia ad Amici. Ma c’è una sostanziale differenza: mentre in Amici i docenti sono rimasti da soli a difendere dei concetti base per la civile convivenza (e soprattutto degli ingredienti fondamentali per l’apprendimento, in qualsiasi campo), anzi sono stati costretti a confrontarsi alla pari con gli allievi per tutelare la propria professionalità e la propria autorità, in XFactor è giunta un’unanime condanna all’atteggiamento presuntuoso di Dante, condivisa da giuria/capitani e pubblico. Nessuna difesa d’ufficio, anzi il doppio ruolo di capitani e giudici ricoperto da Simona Ventura, Morgan e Mara Maionchi, nonchè la presenza tra le file della “commissione” della stessa conduttrice “in pectore” del programma (comunque riconosciuta come punto di riferimento del programma tv) ha permesso di puntualizzare con forza i principi cardine del “corretto comportamento professionale” di fronte a concorrenti e pubblico.
    Già la scorsa settimana il rimbrotto di Simona ad Antonio, che ha poi chiesto scusa a tutti per le sue intemperanze e per la scarsa umiltà dimostrata nei confronti del vocal coach e del giudizio di Morgan, aveva messo in evidenza questa sostanziale differenza con il talent di Canale 5, consistente soprattutto nel far rispettare il lavoro e i ruoli di tutti i partecipanti al programma.
    Dati questi diversi presupposti, le uscite di Dante e della fidanzata sono apparse quanto mai irritanti e fuori posto, piuttosto che un interessante spunto per l’appronfondimento del carattere dei protagonisti e un espediente narrativo utile per lo svolgimento del programma, come dichiarato dalla De Filippi a proposito dei litigi degli Amici.

    Insomma, se su Canale 5 la contestazione irrispettosa è “sintomo” di libertà di pensiero (ed è procacciatrice di voti) su RaiDue è segno di maleducazione e irriconoscenza e viene punita dal pubblico con il ballottaggio. Ad aggravare la situazione di Dante, inoltre, la non applicabilità dell’attenuante generica della “giovane età”, richiamata spesso dalla difesa degli allievi di Amici: se a vent’anni certi atteggiamenti, pur non essendo accettabili, possono essere guardati attraverso la lente dell’immaturità e dell’incoscienza, a 32 anni non si possono più ammettere.

    Comunque Dante è fuori, insieme ai 4 Sound, cui tutti però hanno riconosciuto il grande impegno profuso nelle quattro settimane di lavoro, umile e intenso, cui si sono sottoposti per migliorare le proprie performance. Restano in gara Emanuele, Annalisa e Antonio per la squadra di Simona (25+), i Sei Ottavi e gli Aram Quartet per Morgan, mentre Mara (16-24) può ancora contare su Ilaria, Tony e Silvia, ultima entrata e vera rivelazione del programma. La sua versione di Come Tu Mi Vuoi di Mina, nonostante l’ostico paragone, ha convinto per l’eleganza e l’armonia dell’interpretazione, che rivediamo nel video in basso.

    Un po’ sottotono Tony, alle prese con Apologize, mentre Ilaria, forse preoccupata dall’ingresso di Silvia, ha preferito ripiegare sul suo cavallo di battaglia, Oceano, bellissima canzone portata a Sanremo Giovani qualche anno fa da Lisa che però non ha incontrato in patria il successo registrato nel resto d’Europa. Ilaria, sempre criticata per la freddezza delle sue interpretazioni, ha voluto in questo modo dimostrare al pubblico a casa quello che davvero sa fare, in vista di una possibile eliminazione.

    Risultato convincente e benedetto anche dal capitano Maionchi, ora pronta a riprendere con lei un percorso in grado di farene apprezzare le qualità canore. In basso le esibizioni di Tony e di Ilaria.

    Tony – Apologize

    Ilaria – Oceano

    Con questi elementi la squadra si proietta verso la vittoria finale, mentre Morgan vede settimana dopo settimana assottigliarsi il proprio parterre di artisti. Di certo sono rimasti i migliori, ovvero gli Aram Quartet e i Sei Ottavi, sui cui ha discograficamente puntato anche Mara salvandoli proprio dal ballottaggio con Dante. Vita dura, però, la loro, esibitisi ieri in una “coraggiosa”, ma non esaltante versione di Libertango di Astor Piazzolla. Ma Morgan ha promesso per la prossima settimana degli effetti speciali, che stiamo aspettando. In basso le esibizioni dei tre gruppi.

    Aram Quartet – Logical Song

    Sei Ottavi – Libertango

    4 Sound – Perdono

    Come sottolineato anche da Morgan, la squadra di Simona vive in un clima non proprio idilliaco. Tutti i cantanti, nelle ultime due settimane, hanno avuto difficoltà con le scelte del capitano e con l’atteggiamento del Vocal Coach Fischietti. Di certo, il diffuso clima di scontento non giustifica comunque certi comportamenti arroganti e minacciosi, ma evidentemente il team direttivo mostra una maggiore rigidità. Paradossalmente sembra che gestire un gruppo di adulti presenti sia più difficile. E’ comprensibile che gli over 25 possano avere una maggiore consapevolezza di sè, maturata negli anni e che possano istintivamente mostrare una minore disponibilità a seguire i consigli di professionisti praticamente coetanei, ma d’altro canto proprio l’età adulta e la dura gavetta dovrebbero far apprezzare di più, e in maniera meno incosciente, l’opportunità offerta da una prima serata in diretta nazionale. E invece tutti si oppongono, in maniera più o meno netta, all’assegnazione dei brani. Talvolta si arriva ad un compromesso, come accade nelle altre squadre, talvolta allo scontro increscioso: che vi si celi un problema generazionale o si tratta solo di capricci di chi si sente già arrivato? Mah, comunque la squadra di Simona sta perdendo smalto: a tener alta la banidera ci pensa Emanuele, capace di correggere in corso d’opera un’esecuzione di La Donna Cannone giudicata da Mara e Morgam troppo “cantata” e poco cantautoriale. Pur ammettendo di aver optato per un’interpretazione più vicina alle sue corde, Emanuele, arrivato al ballottaggio con i 4 Sound e per questo riesibitosi in chiusura con lo stesso brano, ha accettato i consigli e si è messo al servizio del pezzo, senza trincerarsi dietro ad un facile “io sono fatto così”. Il risultato è stato magnifico. In basso la prima esibizione di Emanuele.

    Per dovere di cronaca rivediamo anche la prima esibizione di Dante e quelle di Annalisa e di Antonio, ma nessuna ci ha particolarmente colpito.

    Annalisa – Minuetto

    Antonio – Oggi sono Io

    XFactor torna domenica prossima con un nuovo ingresso e un’altra eliminazione. La doppia uscita di ieri ci ha fatto pensare ad una riduzione del programma, vedremo come RaiDue deciderà di procedere.

    1959

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI