La difesa di Fiorello: per me Miss Italia… continua

Fiorello interviene sulla polemica della Boldrini: Miss Italia sì o Miss Italia no?

da , il

    Miss Italia e le polemiche: un amore lungo una vita o il tempo di una stagione tv, almeno fino a qualche anno fa. Oggi Fiorello, impegnato con il suo #EdicolaEstate – ieri è andata in onda la puntata speciale con Salvo Sottile e Paola Iezzi – difende il famoso concorso di bellezza, strapazzato anche a Montecitorio.

    Ma partiamo dalla querelle: il conduttore tv contro l’alta carica dello Stato. Tutto è iniziato ieri quando la presidente della Camera, Laura Boldrini, intervenuta in occasione del convegno sulla violenza alle donne alla Camera, rintracciava le cause della strumentalizzazione e dell’abuso del corpo della donna-oggetto anche nell’uso dei media.

    “Non è abituale, in Europa – afferma – usare donne seminude per vendere verdure, yogurt, appartamenti, macchine”.E così, la terza carica dello Stato, ha elogiato la cancellazione dello storico concorso di Salsomaggiore dalla programmazione di Rai uno:

    “Rispetto alla decisione della Rai di rinunciare a Miss Italia, ho già espresso il mio apprezzamento alla presidente Anna Maria Tarantola. Le ragazze italiane devono poter andare in televisione e sfilare anche senza un numero, hanno altri talenti. Ricordo che in tv solo il 2% delle donne esprime pareri, parla, mentre il resto è muto, a volte svestito”. La Boldrini ha infine concluso affermando che “rinunciare a Miss Italia non è segno di un clima di austerità bacchettona” e si augura che questa decisione di Viale Mazzini faccia da calamita per tutta la tv generalista e non solo.

    La risposta di Fiorello non si è fatta attendere. E stamani, di prima mattina, il conduttore di #edicolafiore in compagnia di tutto il suo entourage ha ripreso la notizia:

    Ci sono cose molto più vergognose – affermano – potremmo fare una lista di cose su cui il presidente della Camera dovrebbe intervenire, a partire da certe dichiarazioni dei politici. I tg sono pieni di cose vergognose fatte da politici” e attaccare così il concorso targato famiglia Mirigliani ”ci sembra un po’ esagerato: non ha mai fatto male a nessuno, anzi ha portato fortuna a tante ragazze, belle e parlanti, che grazie al concorso hanno trovato lavoro”.

    Ironicamente Fiorello sottolinea che in tempo di crisi Miss Italia creava tutto un indotto di posti lavori “era la festa dei parrucchieri”. “Ci dispiace che per colpa dell’ipocrisia Miss Italia possa finire” conclude Fiorello, mentre il fioraio abolirebbe il ruolo della Boldrini. Populismo o demagogia? Questa domanda rimane al momento senza risposta. E mentre il sito Spinoza.it ironizza – Laura Boldrini: “Sono felice che la Rai non trasmetta più Miss Italia. Ma il mio vero sogno è la pace nel mondo”-, voi potete rivedere il video con il commento di Fiorello e dei suoi “edicolanti” .