L’Aria che tira, Myrta Merlino vs Andrea Lo Cicero dopo la denuncia per aggressione: ‘Facciamo TV, non processi’

L’Aria che tira, Myrta Merlino vs Andrea Lo Cicero dopo la denuncia per aggressione: ‘Facciamo TV, non processi’

L'ex campione di rugby smentisce le accuse su Facebook

    L’Aria che tira, Myrta Merlino vs Andrea Lo Cicero dopo la denuncia per aggressione: ‘Facciamo TV, non processi’

    Dopo la denuncia per aggressione ai danni della giornalista de L’Aria che tira, la conduttrice Myrta Merlino replica direttamente in TV ad Andrea Lo Cicero. Lo fa nel corso della trasmissione in onda su La7, nella puntata trasmessa venerdì 24 giugno 2016. Merlino ha invitato l’ex campione di rugby e nuovo assessore allo sport al Comune di Roma a stemperare i toni. ‘Facciamo TV, non processi‘, ha detto, sostenendo davanti alle telecamere di non avere nessuna intenzione di fare polemica. Lo Cicero è accusato di aver aggredito la giornalista di La7 Eloisa Covelli.

    Secondo il racconto fornito dalla presunta vittima di aggressione, nella trasmissione di La7 L’Aria che tira, la giornalista Eloisa Covelli si sarebbe avvicinata all’abitazione di Andrea Lo Cicero a Nepi, in provincia di Viterbo, con l’obiettivo di realizzare un’intervista all’ex campione di rugby, in seguito ad alcune frasi omofobe e razziste di recente attribuitegli. Il nuovo assessore allo sport del Comune di Roma, guidato dalla neo sindaco 5 stelle Virginia Raggi, avrebbe usato queste due frasi ( ‘paraspalle roba da frocetti‘ e ‘zingari di merda‘) in una biografia e in un fuori-onda tv.

    La versione della giornalista di La7 (video)

    ‘La casa di Lo Cicero è tutta circondata da filo spinato e video-sorveglianza. C’è una stradina di campagna adiacente alla sua villa. Ho percorso con la macchina, con il mio operatore, quella stradina. Fatte poche decine di metri, mi rendo conto che era chiuso, quindi torno indietro. E mentre torno indietro, mi trovo davanti il gippone di Andrea Lo Cicero, che subito scende dalla macchina arrabbiato e viene verso di noi, dicendo ‘non potete fare le riprese’. Io stavo guidando e l’operatore aveva la telecamera in mano. Ci ha detto in quel momento che era proprietà privata, ma io non potevo saperlo. Non c’era nessun segnale, era assolutamente aperta. La sua villa era recintata, io stavo fuori dal recinto, non mi sono proprio avvicinata (al recinto). A quel punto si è avvicinato al finestrino dell’operatore che stava acconto a me e gli ha strappato l’obiettivo. E’ tutto successo in pochissimi minuti.

    La prima volta ha strappato l’obiettivo e poi l’ha buttato a terra. Poi subito ha cercato di prendere la telecamera, tirando ha rotto la cinghia’. Questa la versione fornita in TV dalla giornalista Eloisa Covelli.

    La versione di Andrea Lo Cicero

    Tutt’altra versione, però, quella che fornisce Andrea Lo Cicero: su Facebook l’ex campione di rugby nega ogni ipotesi di aggressione.

    La replica di Myrta Merlino ad Andrea Lo Cicero

    Così interviene invece la conduttrice de L’Aria che tira in merito alla presunta aggressione che vede coinvolti la giornalista di La7 Eloisa Covelli e Andrea Lo Cicero.

    ‘Purtroppo le cose non sono andate bene – ha detto Merlino -.Non stiamo parlando di nulla di drammatico, di nessuna violenza, di nessun attentato alla vita di nessuno, ma il clima è sgradevole. Qui non voglio fare nessun processo, non voglio assolutamente drammatizzare questa cosa. Credo però che sarebbe stato bello e giusto poterne discutere assieme. Abbiamo anche invitato Andrea Lo Cicero che, legittimamente, ha deciso di non essere qui questa mattina’.

    ‘Queste cose – ha spiegato – verranno accertate dai carabinieri e non certo da noi che facciamo la televisione e non le indagini’. ‘Non facciamo processi – conclude -. Non abbiamo nessuna intenzione di aprire una polemica con Andrea Lo Cicero. Pensiamo che questa cosa verrà verificata in altre sedi. Si può dire alla giornalista ‘non ho voglia di parlare’, si può dire un ‘no’ secco, ‘non mi disturbi’, ma arrivare fin lì forse è troppo’.

    750

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN La 7
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI