L’Arena, Massimo Giletti sulle minacce di morte ai suoi ospiti: lo sfogo su Rai 1

Il conduttore del salotto domenicale si rivolge a coloro che hanno lanciato intimidazioni all'avvocato Fiumefreddo e a Carlo Tanzi

da , il

    Il conduttore de L’Arena, Massimo Giletti, ha parlato delle minacce di morte ricevute dai suoi ospiti in uno sfogo su Rai 1 in cui ha espresso tutta la sua solidarietà per l’avvocato Fiumefreddo e il capo della Protezione civile in Calabria, Carlo Tanzi. Come ribadito da Giletti durante la puntata del 5 marzo 2017, il salotto domenicale del primo canale della tv di Stato rimarrà aperto e a disposizione di tutti coloro che vorranno farsi portavoce di argomenti che, spesso, potrebbero disturbare la malavita: ‘Le minacce sono solo uno stimolo per andare avanti’.

    Duro e implacabile lo sfogo di Massimo Giletti in seguito alle minacce di morte ricevute da alcuni ospiti de L’Arena. La puntata andata in onda su Rai 1 il 5 marzo 2017 si è aperta proprio con alcune dichiarazioni del conduttore che si è detto vicino e solidale con coloro che sono stati presi di mira da alcuni esponenti della malavita siciliana e calabrese. ‘E’ la prima volta che sono in difficoltà in tutti questi anni. La rabbia che si accumula in certi momenti è alta e si chiede sempre ai conduttori di controllarla perché è giusto che sia così’ – sono queste le parole iniziali di Giletti che, prima di introdurre l’argomento della giornata – ‘Regione che vai vitalizio che trovi’ – ci ha tenuto a spendere alcune parole nei confronti di alcuni ospiti de L’Arena minacciati di morte.

    ‘Oggi faccio fatica e vi spiego perché: pochi minuti fa, prima del telegiornale, ho fatto una telefonata a una persona che è venuta in questa trasmissione a denunciare un certo tipo di collusioni che ci sono con i poteri forti in Sicilia. Questa persona mi ha detto ‘io temo adesso per la mia vita’: in seguito a queste dichiarazioni, Massimo Giletti ha voluto esprimere la propria solidarietà agli ospiti minacciati di morte dopo la partecipazione a L’Arena di Rai 1 e, in quanto conduttore della trasmissione, si è sentito in parte responsabile dell’accaduto: ‘Siccome queste cose le ha dette in questa trasmissione ed è stato attaccato per averle dette qui, io mi sento responsabile’.

    Come specificato dal conduttore di Rai 1, le minacce di morte sono state indirizzate all’avvocato Fiumefreddo e a Carlo Tanzi , rispettivamente capo di ‘Riscossione Sicilia’ – ente che si occupa del controllo della riscossione delle tasse – e capo della Protezione civile in Calabria i quali, dopo la partecipazione a L’Arena, sono stati vittime di intimidazioni mafiose: ‘Io guardo questi signori che ci stanno seguendo e sanno anche il perché: per me le minacce, che ho avuto anche io questa settimana, sono solo uno stimolo per andare avanti e dare rispetto a persone come Fiumefreddo e Tanzi, persone di cui l’Italia dovrebbe essere contenta e sulle quali poggiare il proprio futuro. Io all’avvocato Fiumefreddo e a Carlo Tanzi dirò che sono qua: finché mi lasceranno stare in questo posto sono con loro e ‘L’Arena’ è con loro’. Si conclude, così, dunque, lo sfogo di Massimo Giletti su Rai 1 dopo le minacce di morte ricevute da alcuni ospiti de L’Arena.