L’Aquila vive sul Gambero Rosso, a tre anni dal sisma la città riparte dall’enogastronomia

L'Aquila vive andrà in onda oggi e l'8 aprile su Gambero Rosso Channel: un reportage a tre anni dal sisma dedicato alla rinascita enogastronomica del capoluogo abruzzese

da , il

    Monica Brenna all'Aquila

    A tre anni dal sisma L’Aquila vive, il capoluogo dell’Abruzzo è protagonista di un omonimo speciale dedicato all’enogastronomia in onda oggi e domani su Gambero Rosso Channel (il 411 del pacchetto di Sky). L’Aquila vive non cura però solo l’aspetto prettamente culinario, a tre anni dal terremoto che provocò 308 morti nel reportage vedremo le testimonianze di chi ha saputo reagire e ha tentato in questi anni a tornare alla normalità e fra i tanti campi che continuano a “vivere” nel capoluogo c’è anche l’enogastronomia. Appuntamento oggi alle 14 e alle 21 domani sabato 8 aprile.

    Il reportage è stato presentato qualche giorno fa a Milano dagli assessori Franco D’Alfonso (delega al Commercio) e la mitica Stefania Pezzopane – delega al comune dell’Aquila – che molti ricorderanno vagare in mezzo alle macerie fra Barack Obama e George Clooney, il presidente del Gambero Rosso Paolo Cuccia, dalla presentatrice Monica Brenna e dalla ristoratrice del capoluogo abruzzese Marzia Buzzanca.

    A presentare L’Aquila vive la stessa Monica Brenna, dietro i fornelli di Semplicemente Monnyb, che nella città ha intervistato chi sta lottando per ricostruirla. Tolti i grembiuli della chef che insegna sul canale a cucinare senza stress, Monica è la voce di questo reportage girato all’Aquila e in altre zone colpite dal sisma. Il viaggio comincia proprio da Percorsi di gusto, il locale di Marzia Buzzanca, che ha una stella nella prestigiosa guida edita dal Gambero Rosso, per poi proseguire nei caseifici, le salumerie, i produttori di zafferano: tutti promotori della rinascita della città abruzzese attraverso la sua gastronomia. Un reportage per dimostrare che certe volte basta davvero poco per non lasciarsi andare alla disperazione, un viaggio che vuole continuare a parlare della città e dell’Abruzzo a tre anni esatti dal sisma per tutti quelli che non hanno mai smesso di credere nell’Aquila e nella sua gente, dimenticando certi orribili siparietti visti in alcune reti Mediaset. E per quelli che quella drammatica notte non ridevano…