Korea’s Got Talent, il senzatetto Choi incanta il pubblico (video)

Nasce una stella a Korea's Got Talent: si tratta di Choi, orfano 22enne che vive nei bagni pubblici e canta Ennio Morricone

da , il

    Susan Boyle continua a fare scuola: il pubblico di Korea’s Got Talent si è commosso ascoltando la voce di Choi Sung-Bong, un 22enne senzatetto, costretto da anni a vivere nei bagni pubblici perché senza famiglia e senza un soldo. Una storia strappalacrime riscattata da una voce straordinaria, svelata nell’interpretazione di un pezzo di Ennio Morricone, Nella Fantasia, tratto dal tema del film Mission con testo Chiara Ferraù. In alto l’esibizione di Choi a Korea’s Got Talent: da non perdere.

    Choi Sung-Bong è la nuova rivelazione del ciclo ‘internazionale’ dei Got’s Talent: dopo Susan Boyle e la nonnina che balla come Jacko ecco spuntare sul palco questo ragazzo di 22 anni, rimasto orfano a soli tre anni. Scappato dall’orfanatrofio a 5 anni, Choi ha sbarcato il lunario vendendo gomme e bibite per la strada, vivendo nei bagni pubblici e in ritrovi di fortuna, ma ha cercato di frequentare le scuole superiori, per quanto ha potuto, vista la mancanza di sostentamento. Spiega di aver scoperto il suo amore per la musica da piccolo, quando gli è capitato di andare a vendere delle gomme in un night club: lì ha visto (e sentito) un cantante esibirsi ed è nato tutto.

    Si è presentato a Korea’s Got Talent con un brano decisamente impegnativo, per di più in italiano, che scandisce con precisione. E il testo, associato alla sua storia, fa davvero venire i brividi. Mai come questa volta speriamo che sia davvero nata una stella.