Kirsten Bell sostiene lo sciopero, ma è preoccupata per i lavoratori

Kristen Bell ha mostrato più volte il suo pieno supporto per gli sceneggiatori, ma la star di Heroes ha ammesso di essere preoccupata per il resto degli addetti ai lavori di una serie tv, lavoratori che non hanno stipendio a causa sciopero

da , il

    kirsten bell

    Kristen Bell ha mostrato più volte il suo pieno supporto per gli sceneggiatori, ma la star di Heroes ha ammesso di essere preoccupata per il resto degli addetti ai lavori di una serie tv, lavoratori che non hanno stipendio a causa sciopero.

    “Supporto gli sceneggiatori al 101%, così come supporto la DGA (sindacato registi) e la SAG (attori), ma quello che nessuno sa è quanto sia difficile continuare lo sciopero sapendo che centinaia di persone non lavorano”, ha spiegato l’attrice in un’intervista rilasciata all’IGN mentre picchettava gli Universal Studios. “Supporto lo sciopero, ma il mio cuore è rivolto a tutte quelle persone che non hanno avuto un lavoro da due mesi a questa parte…spero che le trattative si risolvano presto, e che ognuno abbia la sua parte di dessert, capite?”

    Kristen Bell, alias Elle Bishop in Heroes, e tutto lo staff degli sceneggiatori della serie, si sono uniti ai fan in questi giorni: l’attrice ventisettenne ritiene che il fatto che i fan marcino con gli sceneggiatori dovrebbe mandare “un forte segnale agli studios. Più gente vedono qua fuori, meglio è”, ha detto la Bell, spiegando che la folla si era un po’ diradata quando le due parti sono tornate al tavolo, per poi tornare in massa quando le trattative sono saltate. Oltre ai fan e al cast di Heroes, ai picchetti c’erano anche lo staff di produzione, inclusi Tim Kring e il co-produttore esecutivo Jeph Loeb: “Jeph and Tim sono stati molto ‘collaborativi’, ha concluso la Bell, e io ho detto a Tim per tirargli su il morale, dicendogli che ‘Siamo ancora qui aspettando di tornare al lavoro, sperando che tu faccia del tuo meglio’. E loro non ci hanno abbandonato: penso sia per questo che lo show ha successo, perchè lo fanno funzionare come una famiglia”.