Kevin Spacey, addio cinema

Kevin Spacey, addio cinema

Dopo Paul Newman, anche Kevin Spacey lascia il cinema

    “Non me ne frega più niente del cinema, per me è finita qui”: è il duro addio di Kevin Spacey al cinema. L’attore, in un intervista al Times, ha detto che la carriera ad Hollywood, le urla dei fan e il successo non sono in cima alle sue priorità.

    “E’ il momento di fermarsi e di chiedermi se davvero è questo che voglio. Che ci devo fare con questo successo? – ha spiegato.

    Non voglio passare tutta la vita a pensare se il film è andato bene, se io sono stato brillante in tv o meno”. Il premio Oscar come miglior attore (vinse la statuetta per la sua recitazione in “American Beauty”) si dedicherà solamente al teatro, dove negli ultimi anni non ha mancato di riscuotere successi: tra le sue produzioni all’Old Vic di Londra (Spacey risiede in Inghilterra, ed è il direttore artistico del teatro londinese), l’opera “Riccardo II”.
    Quello di Spacey è il secondo addio al cinema nel giro di pochi giorni: a fine maggio anche Paul Newman aveva detto ‘basta’. “Non sono più capace di recitare come vorrei” aveva dichiarato l’attore vincitore del premio Oscar per “Il colore dei soldi” di Scorsese all’emittente ABC, “si comincia a perdere la memoria, la fiducia in se stessi, la creatività. Perciò sono convinto che per quanto mi riguarda si tratta di un capitolo chiuso”

    264

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI