Kalispéra sdoganato da Aldo Grasso

Kalispéra sdoganato da Aldo Grasso

Kalispera, il nuovo programma di Canale 5 con Alfonso Signorni, cattura l'attenzione di Aldo Grasso che lo analizza e, in qualche modo, lo assolve come esempio di amenità televisiva

    signorini alfonso

    Kalispéra esordisce bene e raccoglie segnali positivi anche da Aldo Grasso. Dalle pagine web del corriere.it, Grasso affronta il nuovo programma di Alfonso Signorini e, pur criticandolo senza mezzi termini, gli riconosce alcune qualità. In effetti, il programma, come sostiene Grasso, ha bisogno di fare ancora molta strada per poter essere considerato tale, ma intanto ha il pregio di aver lanciato un modello più accattivante del tanto osannato Chiambretti Night, di cui ormai rimane solo l’ombra del programma graffiante degli esordi.

    Certo l’indulgenza di Aldo Grasso è soltanto apparente, nel senso che poi le critiche certo non gliele manda a dire. Nel suo articolo, infatti, Grasso, enfatizza la somiglianza tra Kalispera e Verissimo, il contenitore pomeridiano di Canale5 in cui Signorini fa coppia fissa con la Toffanin. Solo che la versione serale si può concedere qualche licenza in più.

    Ancora una volta siamo in linea con quanto scrive Grasso, soprattutto quando consiglia a Signorini di mutare il nome del programma da Kalispera a Fintissimo, più vicino allo stile del gossip imperante. Il pregio di Signorini è nel riuscire a far tornare il sorriso, impresa quasi impossibile, se si guarda assiduamente la tv.

    L’analisi di Grasso è comunque graffiante, trova il programma brillantemente finto, nessuno da Signorini si prende sul serio, neanche lui e tanto meno i suoi ospiti che gravitano in una perenne amenità.

    Condividiamo quanto scritto dal critico più autorevole della tv, la sua lunghezza lo penalizza, magari riducendo i tempi potrebbe migliorare.

    Poi invece, vorremmo glissare sulla presenza del parco ospiti, e affini, firmato Lele Mora, non solo da contenere come dice il critico, ma, volendo, anche da eliminare. Kalispera secondo noi non aggiunge e non toglie nulla alla tv, non scuote, non denuncia, non provoca. Sta lì, non nuoce a nessuno. E’ esattamente come leggere una della tante riviste di gossip dal dentista o dal parrucchiere, specchio, ancora una volta, di tempi effimeri.

    405