K2 – La montagna degli italiani, anticipazioni e trama della miniserie di Rai 1 [FOTO]

K2 – La montagna degli italiani, anticipazioni e trama della miniserie di Rai 1 [FOTO]

K2 - La montagna degli italiani, anticipazioni della miniserie di Rai in onda per due puntate da lunedì 18 marzo

    K2 – La montagna degli italiani racconta l’impresa della spedizione italiana che conquistò nel 1954 la vetta della montagna più alta del mondo. Una co-produzione italiana e austriaca che racconta le gesta del gruppo di alpinisti italiani, guidati da Ardito Desio, che riuscì ad arrivare il 31 luglio 1954 sulla cima del K2, la miniserie è stata fortemente criticata dalla moglie di Walter Bonatti, l’alpinista italiano deceduto nel 2011. K2 – La montagna degli italiani, poi, racconta solo dell’impresa “sportiva” e scientifica senza dilungarsi sulle polemiche scoppiate al ritorno dalla spedizione, il cosidetto Caso K2, che partì dalle discrepanze fra la relazione ufficiale di Ardito Desio e quella raccontata dallo stesso Bonatti nella sua biografia. Scopriamo la trama e le anticipazioni della trama della miniserie in onda il 18 e il 19 marzo in prima serata su Rai 1.

    Siamo nel 1954: Achille Compagnoni (Massimo Poggio), Lino Lacedelli (Michele Alhaique), Walter Bonatti (Marco Bocci), Mario Puchoz (Giorgio Lupano), Gino Soldà (Pino De Matti) e altri sette alpinisti tentano di scalare il K2, la seconda vetta più alta del mondo e quella che prima di allora nessuno riuscì a scalare. Li guida il geologo Ardito Desio, per scalare gli 8.611 metri serve però l’autorizzazione del primo ministro Alcide De Gasperi. Il geologo Desio si presenta al cospetto del primo ministeo democristiano per avere i finanziamenti per compiere questa storica impresa. Desio riesce a convincerlo, spingendo le molle giuste: l’orgoglio nazionale, la rivincita di un Paese con pesanti debiti di guerra e costretto ad accettare un trattato di pace che lo punisce e umilia davanti al mondo intero.

    La spedizione racconta la storia di dodici uomini, dodici alpinisti e altrettanti modi di vivere la montagna, ma con un unico grande obiettivo: conquistare il K2. Dodici alpinisti con personalità forti, storie familiari, ma pronti a lasciare la propria casa e i loro amori per entrare nella storia. La spedizione parte a fine maggio e sarà estremamente difficile, a farne le spese Mario Puchoz deceduto il 21 giugno del 1954. L’addio al compagno di avventura lascia gli altri alpinisti profondamente scossi, ma il gruppo ritrova la forza grazie ad Achille Compagnoni. La scalata alla vetta del K2 può così ripartire.

    Al gruppo di alpinisti, aiutati anche da molti hunza, ci vorranno quasi due mesi per raggiungere la cima fra moltissime difficoltà e alle 18 del 31 luglio 1954: Achille Compagnoni e Lino Lacedelli, accompagnati dall’hunza Isakhan, riescono ad arrivare in cima e piazzare il tricolore e la bandiera pachistana. Per arrivare in cima i due alpinisti hanno bisogno delle bombole di ossigeno e sarà lo stesso Walter Bonatti, insieme all’hunza Mahadi a portarle quasi in vetta. Con le ultime forze in corpo, Compagnoni e Lacedelli arrivano alla quota 8611 e piantano la bandiera. Il K2 è conquistato e quell’impresa si aggiunge alle pagine della storia del nostro Paese. Ma nel gruppo scoppia qualche polemica…

    502

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Fiction italianeRai 1Miniserie