Julian Assange guest star del 500′ episodio dei Simpson (e in futuro avrà un talk show tutto suo)

Julian Assange guest star del 500′ episodio dei Simpson (e in futuro avrà un talk show tutto suo)

Julian Assange sarà la guest star speciale del cinquecentesimo episodio dei Simpson in onda in America il 19 febbraio

    julian assange nei simpson

    Julian Assange, fondatore di Wikileaks e nei mesi scorsi al centro di numerosi episodi di cronaca, sarà la guest star speciale del cinquecentesimo episodio dei Simpson, che andrà in onda negli Stati Uniti il prossimo 19 febbraio; una presenza televisiva, seppur sottoforma di voce, che anticipa di pochi mesi un programma vero e proprio dello stesso Assange, che dal suo sito web ha annunciato l’avvio di una sua trasmissione, un talk-show comprendente interviste a ‘importanti esponenti politici, pensatori e rivoluzionari‘.

    Dopo essere diventato una celebrità, non sempre ‘chiara’, del web, Julian Assange vuole fare il salto sul piccolo schermo televisivo: il fondatore di Wikileaks è ancora agli arresti domiciliari nel Regno Unito, in attesa di sapere se verrà estradato per i reati che gli vengono contestati (una nuova udienza si terrà domani; ricordiamo che Assange contesta la decisione della giustizia di Londra di autorizzare la sua estradizione in Svezia, dove è accusato di aver avuto rapporti non consensuali con due donne), ma dal suo sito web ha fatto sapere che sta lavorando ad un suo talk show che dovrebbe partire a metà marzo. Sconosciuto il nome dell’emittente (si parla di una tv russa) e il concept del programma, attraverso il quale Assange ‘parlerà con coloro che sono in grado di influenzare il nostro futuro. Stiamo andando verso l’utopia, o la distopia, e come possiamo programmare le nostre strade? Si tratta – scrive Assange dal suo sito – di un’interessante opportunità discutere del parere degli ospiti in uno spettacolo che esamina le loro filosofie e le loro lotte in maniera piu’ approfondita e chiara di quanto non sia stato fatto finora‘.

    Ma il fondatore di Wikileaks apparirà anche nel cinquecentesimo episodio dei Simpson in onda a febbraio, Assange sarà in particolare il nuovo vicino della famiglia gialla, che è stata cacciata da Springfield, un addio forzato avvenuto in seguito ad un meeting segreto di tutti i cittadini e deciso per tutti i guai che negli anni Homer, Marge e i loro figli hanno combinato in maniera più o meno consapevole. Le cose tra i Simpson e il ‘nuovo Flanders‘, come lo ha definito il producer Al Jean (spiegando che le similarità tra i due si fermano al fatto che sono entrambi vicini di casa di Homer), non andranno sempre bene, ad esempio quando Assange inviterà i gialli a vedere un film a casa sua, e si tratterà di un matrimonio afghano che finisce in tragedia per colpa delle bombe.

    Il cyber-attivsta interpreterà ovviamente se stesso: secondo quanto rivelato da Jean, Matt Groening, creatore dei Simpson, ha saputo che Assange era un fan e ha pensato che potesse essere interessato ad apparire dello show; ha quindi chiamato Bonnie Pietila — la donna che ha convinto Thomas Pynchon e Tony Blair a doppiare i loro ‘cloni’ nello show — che ha trovato Assange e lo ha convinto a doppiare l’episodio da una località segreta dell’Inghilterra.

    E’ una figura controversa‘, ammette Jean ad EW.com che lo ha interpellato sull’opportunità di avere Assange quale guest star, ‘ci sono state discussioni se averlo o meno nello show, ma alla fine abbiamo deciso di andare avanti: niente di quello che racconteremo avrà a che fare con i suoi guai legali, volevamo che fosse una cosa satirica e lui ha accettato‘. Assange non sarà l’unica guest star del cinquecentesimo episodio dei Simpson, ‘abbiamo un paio di altri cameo più familiari ai fan dello show – ha concluso Jean – e molto meno controversi‘.

    Julian Assange nei Simpson con Homer e Bart

    Foto: twitpic

    684