Jerry Bruckheimer ci prova con “The Lost Girls”, una serie al femminile per ABC

Jerry Bruckheimer ci prova con "The Lost Girls", una serie al femminile per ABC tratta dal blog e libro omonimo che racconta le avventure in giro per il mondo di tre newyorkesi le quali, dopo aver mollato il lavoro, si presero un anno sabbatico girando più di 12 paesi in 4 continenti

da , il

    Jerry Bruckheimer ci prova con “The Lost Girls”, una serie al femminile per ABC

    La ABC non si lascia sfuggire un libro che sia uno: Jerry Bruckheimer e Warner Bros. TV hanno infatti ricevuto l’ordine per un pilota basato sul libro “The Lost Girls: Three Friends. Four Continents. One Unconventional Detour Around the World“, scritto da Jennifer Baggett, Holly Corbett ed Amanda Pressner, autrici del blog LostGirlsWorld, che potrebbero essere consulenti della serie.

    Dopo la serie sulla Pan Am, ABC continua ad esplorare il tema del viaggio con una serie un po’ più moderna, anche questa una storia vera: nel 2006 tre ventottenni di Manhattan (Jennifer Baggett, Holly Corbett e Amanda Pressner, tutte e tre impiegate nel settore media) lasciarono la città (ed il loro lavoro) per dedicarsi ad un anno sabbatico in giro per il mondo che fosse loro di avventura e ispirazione. Quattro i continenti visitati, più di 12 paesi, tenendo sempre aggiornato il sito LostGirlsWorld.com (ancora oggi attivo, con suggerimenti e altro per far sì che tutti possano ripetere la loro avventura), poi diventato un libro per HarperCollins. Al progetto lavorerà Ildy Modrovich (Californication), anche produttore assieme a Jonathan Littman e Bruckheimer, con cui lo sceneggiatore aveva lavorato in “CSI: Miami” e “Eleventh Hour”.

    Se, dicevamo, la ABC non si lascia sfuggire un libro che sia uno (Il principe delle maree, Good Christian Bitches, My Formerly Hot Life), questo show tutto al femminile e non procedurale (che riprende il film Mangia, Prega, Ama) è una grande svolta per la Bruckheimer TV, conosciuta soprattutto per i procedurali; e chissà che in questo campo, il producer non abbia ancora più fortuna…