Jennie Garth spiega l’addio a 90210

A nove mesi dall'uscita dalla serie, Jennie Garth spiega l'addio a 90210: "Ho visto che lo show si reggeva in piedi da solo, e non ho più ritenuto opportuno continuare"

da , il

    jennie garth family 1026

    Nei mesi scorsi vi avevamo riportato la notizia che Jennie Garth non sarebbe tornata in 90210, all’epoca il portavoce dell’attrice spiegava che Kelly “non ha mai avuto un contratto, non voleva diventare una regular della serie né lo volevano i produttori, è arrivata per rilanciare 90210 e le è piaciuto il tempo che ha trascorso nello show, ma voleva anche passare più tempo con la sua famiglia“. Ma sarà proprio così?

    A nove mesi dall’addio a 90210, remake del celebre Beverly Hills (stesso codice d’avviamento postale), Jennie Garth parla a Parade della sua decisione di lasciare la serie, in cui aveva ripreso il suo ruolo di Kelly Taylor (in versione riveduta e corretta: santa). “Ho fatto le mie apparizione e poi ho visto che 90210 si reggeva in piedi da solo, quindi sono stata contenta di andarmene, è stato divertente, il cast ha molta energia. C’era – ha aggiunto l’attrice – una persona che conoscevo nella prima stagione dello show, e quindi avevo una ragione per essere lì, ma quando lui se n’è andato mi sono sentita un po’ di troppo“.

    Insomma, a scombinare i piani di Kelly (e pure quelli dei suoi fan) sarebbe stato l’arrivo di Rebecca Sinclair, che volevano concentrarsi più sui giovani e meno sugli ‘anziani’, soprattutto quelli che – come Rob Estes, anche lui andato via, e la Garth – avevano preso parte a Beverly Hills 90210 e Melrose Please, per dare una nuova identità allo show.

    Oltre all’addio da 90210, l’attrice ha parlato del successo di Beverley Hills, 90210, “adesso sembra uno show come tanti, confrontatelo a Gossip Girl e ad altri show come quello: ma quando noi eravamo in onda non c’era TMZ (il popolare portale di gossip e news, ndr), non c’erano paparazzi, avevamo cellulari giganti e non c’era internet…erano tempi differenti“. E per quanto ci riguarda, non necessariamente peggiori di questi.