Jason Patric e Thomas Dekker in “My Sister’s Keeper”

Diretto da Nick Cassavetes, il film è l’adattamento dell’omonimo romanzo di Jodi Picoult,

da , il

    thomas dekker

    Jason Patric e Thomas Dekker (“Terminator – The Sarah Connor Chronicles” e “Heroes” sono stati scritturati per apparire nel nuovo film drammatico della New Line, “My Sister’s Keeper”.

    Diretto da Nick Cassavetes, il film è l’adattamento dell’omonimo romanzo di Jodi Picoult, incentrato sulla storia di Sara Fitzgerald (Cameron Diaz), un’ex avvocato che torna in aula per difendere se stessa e suo marito (Patric): a fare causa ai due è stata la figlia 13enne (Abigail Breslin, Little Miss Sunshine), che li accusa di averla concepita solo per avere del materiale genetico compatibile con la sorella maggiore (Sofia Vassilieva, vista in Medium) affetta da leucemia: dopo aver donato sangue e midollo spinale, la 13enne vuole conquistare l’emancipazione medica per decidere autonomamente se sottoporsi a un trapianto di rene oppure no. Dekker sarà il fidanzato della sorella malata di leucemia, anche lui sopravvissuto ad un cancro. Alla pellicola parteciperanno anche Alec Baldwin (l’avvocato che rappresenta la figlia tredicenne) e Joan Cusack, ma ad oggi il film è noto soprattutto per i “capricci” di Dakota ed Elle Fanning (le due sorelle avrebbero dovuto essere le protagoniste della pellicola), con la prima che si è rifiutata di rasarsi a zero per esigenze di copione: ancora peggio l’attrice, recatasi in visita assieme al regista Cassavetes in un reparto di bambini malati di cancro, avrebbe detto chiaro e tondo “mai per nessun motivo al mondo io mi raserò la testa per assomigliare a questi bambini”.