Isola dei Famosi 2012: tra i concorrenti arriva Antonella Elia, Eletti ed Eroi insieme

Antonella Elia sarà la nuova naufraga dell'Isola dei Famosi 2012

da , il

    antonella elia isola dei famosi 2012 concorrenti

    La prossima puntata dell’Isola dei Famosi 2012, la sesta per l’esattezza, farà esultare tutti i fan di Antonella Elia, scelta da Nicola Savino, sicuramente con il consenso di Vladimir Luxuria, per naufragare e far divertire tutti con la sua voce stridula e le sue manie di protagonismo (le stesse che la spinsero, infastidita come non mai dalle sue provocazioni, a tirare i capelli ad Aida Yespica). La notizia è ufficiale e arriva assieme ad altre divertenti news: domani, 1 marzo, tra gli opinionisti farà la sua comparsa Luca Giurato che non mancherà, statene certi, di regalarci una delle sue tante perle di saggezza, errori grammaticali a non finire e tanto altro ancora. L’appuntamento, insomma, è imperdibile; anche perché, e i fan più accaniti del programma lo sapranno senz’altro, l’eliminazione sarà piuttosto sentita: a rischiare il posto sull’isola, infatti, sono Nina Moric, Carmen Russo e la già citata Aida, tre personaggi senz’altro forti e, ognuno a suo modo, amati. A fare una brutta fine, secondo noi, sarà la terza, tanto per dare una buona accoglienza alla Elia, ma non è detto.

    Finalmente potremo vedere gli Eletti e gli Eroi assieme, visto che, pur essendo stato annunciato durante la scorsa diretta, soltanto domani le due fazioni si uniranno in un unico grande gruppo: le due realtà continueranno ad esserci, certo, ma gran parte delle rivalità, ne siamo certi, diminuirà (i privilegi sono stati aboliti e i NIP e i VIP avranno modo di comunicare e fare amicizia, non solo attraverso i collegamenti, che finora sono riusciti quasi sempre male). La puntata sarà anche incentrata sulle liti frequenti tra Guendalina e il Divino Otelma, che proprio non la sopporta a causa del rapporto che ha instaurato con Jivago.

    La carne al fuoco, insomma, è parecchia, per l’ennesimo appuntamento televisivo di una edizione che definire ‘sorprendente’ è dire poco.