Il Più Grande Italiano di Tutti i Tempi è Leonardo Da Vinci

Il Più Grande Italiano di Tutti i Tempi è Leonardo Da Vinci

Il Più Grande Italiano di Tutti i Tempi si è chiuso con la vittoria di Leonardo Da Vinci su Giuseppe Verdi

    La finalissima de Il Più Grande (Italiano di Tutti i Tempi) ha consacrato Leonardo Da Vinci. Un ottimo risultato considerato che si è corso il rischio di avere come simbolo della nostra storia, cultura, arte, etc. Laura Pausini, grandissima star, per carità, ma forse un po’ troppo acerba per poter rappresentare l’italianità. E la stessa Pausini ha commentato, via sms alla giurata Mara Venier, la sua presenza nella terna della semifinale accanto a Giuseppe Verdi e Galileo Galilei con un “sono onorata, ma mi vergogno un po’“. Le ‘finte’ discussioni tra giudici, giornalisti stranieri e ospiti non sono mancate, ma è nato un nuovo personaggio tv, il tedesco Englisch, che ha messo in finale la Pausini, mentre Mughini ha preferito Enrico Fermi a Dante Alighieri. E anche ieri lo show ha ottenuto ben poco, con 1.598.000 telespettatori e il 6,76% di share.

    Il format de Il Più Grande (Italiano di Tutti i Tempi) è stato sufficientemente massacrato in queste quattro settimane di programmazione, sia dalla critica – che ne ha evidenziato l’assurdità per la scelta delle terzine in gara – sia dal pubblico che certo non l’ha premiato per gli ascolti. A ciò si è aggiunta una ‘imbarazzante’ Martina Stella, mentre personalmente abbiamo sempre difeso Francesco Facchinetti, che ha portato a casa la gestione di un parterre di giudici difficile e di un programma alquanto strampalato.

    Nella giuria dei risolutori, che nell’ultima puntata ha visto anche una Monica Setta dalla solita esagerata scollatura (che ha fatto vedere più di quanto concesso in prima serata), si è fatto senza dubbio notare il solito Vittorio Sgarbi (ormai in tv sette giorni su sette, tra Rai e Mediaset) che ha funto da capopopolo, da animatore, per quanto immerso per metà della trasmissione nel suo Nokia Communicator, per un quarto impegnato a baciare la Venier e per il resto diviso tra polemiche di vario tipo, utili a far passare un po’ di tempo, e qualche meravigliosa lezione d’arte. Sgarbi che parla a braccio di Leonardo resta un bel momento di tv.

    Ma tra i personaggi della nostra tv chiamati a far da risolutori, gli ospiti – ieri c’erano Alessandro Cecchi Paone, Maria Concetta Mattei, Barbara Palombelli (commossa al ricordo di Falcone e Borsellino), Mario Tozzi e Pippo Baudo, in veste di Commissario Straordinario che ha tolto la parola perfino a Sgarbi – e i rappresentanti della stampa estera, chi ha conquistato il bollino di ‘rivelazione tv’ dell’anno è stato senza dubbio il rappresentante tedesco della stampa estera, Englisch.

    Capito il meccanismo nel programma, che richiedeva un certo tasso di ‘esagerazione’ per far digerire la gara, e inquadrati gli avversari (vedi Sgarbi e Mughini) si è divertito a provocare con la stessa enfasi dei suoi ‘rivali’, approfittando anche del suo sguardo meno coinvolto in certe cerimonie tv tutte italiane. “Di Sanremo non gliene frega niente a nessuno al di fuori dei confini, e io ancora non riesco a spigarmi, e a spiegare ai miei connazionali, perché voi impazzite per tre settimane dietro a Sanremo!“: apriti Cielo! E’ insorto Pippo Baudo, che ha ben 13 Festival condotti nel suo palmarès, è scattata Mara Venier, che per qualche minuto ha interrotto la litania “Ho fame”, ha cercato di difendere la kermesse anche Facchinetti.

    Ma il massimo della provocazione di Englisch è stato spedire Laura Pausini, prima nella classifica del web, nella finalissima, accanto a Leonardo, Galilei, Totò, Anna Magnani, Falcone e Borsellino, Giuseppe Verdi e Luigi Pirandello, costringendo poi Mughini a scegliere tra Enrico Fermi e Dante Alighieri. E chi ha scelto Mughini? Enrico Fermi. Per la cronaca il duello finale ha visto Leonardo Da Vinci trionfare su Giuseppe Verdi con l’81% delle preferenze del pubblico. “Ha vinto la saggezza degli italiani” hanno commentato in coro tutti i presenti.

    Intanto Facchinetti ha invitato Englisch a X Factor, dove lo vedrebbe bene come giudice: noi lo vedremmo meglio come opinionista, un po’ di dissacrazione non guasterebbe.

    705