Il pilot di Fringe è già online, una prima recensione (fotogallery + video)

Il pilot di Fringe è già online, una prima recensione (fotogallery + video)

    Tutti odiano il peer2peer, ma quando si tratta di farsi pubblicità, ecco che qualche “ben introdotto” non esista a servirsene: il pilot di Fringe, ultima creazione di J.J. Abrams (Lost), Roberto Orci e Alex Kurtzman, è infatti disponibile sui maggiori programmi di condivisione di file, come eMule e BitTorrent, come già successo per “Weeds“, “Terminator: The Sarah Connor Chronicles“, “Dirt” e “Dexter” (solo per nominarne alcuni).

    Secondo i dati diffusi poche settimane fa da Usa Today, la puntata, un’ora e venti di filmato visibile in ottima qualità, era stato scaricato, a pochi giorni dalla messa in rete, già 45.000 volte solo su Mininova.

    Se in pochi si interrogano sul chi sia la misteriosa ‘manina’ che ha messo online il pilot di Fringe, gli uffici stampa di Fox e Warner Bros. (sospettati di essere i responsabili) smentiscono che questa sia una mossa pubblicitaria, limitandosi ad un lapidario: “Siamo al corrente della situazione, stiamo indagando”. Oltre alla messa online del pilot, vi informiamo inoltre che la DC Comics sta preparando un prequel via fumetto di Fringe, che uscirà due settimane prima della messa in onda della serie, prevista per i primi di settembre.

    Per chi non avesse mai sentito parlare della nuova creazione di Abrams, il pilot, per cui sono stati spesi 20 milioni di dollari, è incentrato sulla misteriosa fine di un volto internazionale, i cui passeggeri sono tutti deceduti di morte dolorosa. Nella tipica tradizione abramsiana, “quello che è successo al volo 627 è solo una piccola parte di una più vasta, e scioccante, verità“.

    Cosa dobbiamo aspettarci da Fringe? Fermo restando che poco più di un’ora è poco per valutare un prodotto seriale, il nostro parere è contrastante: a parte ricordare vagamente X Files (un confronto, questo, voluto), se paragoniamo il pilot della nuova serie sci-fi all’altra creatura di Abrams, ossia Lost, non c’è confronto: laddove nella serie della ABC tutto era curato, qui ci troviamo di fronte ad alcuni buchi narrativi, ad una psicologia dei personaggi appena abbozzata (lo scienziato passa da pazzo disadattato a genio in poche ore), a delle ‘forzature’ della ‘realtà’ per esigenze narrative (quando mai i prigionieri importantissimi vengono lasciati senza sorveglianza, anche se ci troviamo in una stanza d’ospedale?). Le premesse per una grande serie ci sono comunque tutte, sperando che i difetti visti nel preair vengano ‘corretti’ a settembre.

    Quanto al cast, Fringe vede la new entry Anna Torv (bravina, ma si può fare di meglio), Mark Valley (Boston Legal), John Noble (Lord of the Rings), Joshua Jackson (Dawson’s Creek), Blair Brown (Altered States), Lance Reddick (Lost, The Wire), Kirk Acevedo (Oz) e Jasika Nicole (Law & Order: Criminal Intent): le loro recitazioni sono nel complesso buone, ma ci riserviamo di vederli in più di un episodio per esprimere un giudizio più dettagliato.

    Fringe Trailer

    742

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI