Il Festival di Sanremo 2008 pareggia con I Cesaroni

Il Festival di Sanremo 2008 pareggia con I Cesaroni

Il Festival di Sanremo 2008 pareggia con I Cesaroni

da in Auditel, Festival di Sanremo 2013, Fiction italiane, Piero Chiambretti, Pippo Baudo, Video, festival-sanremo-2008, Loredana Bertè
Ultimo aggiornamento:

    Testa a testa tra il 58° Festival di Sanremo e I Cesaroni, che stavano per compiere il grande sorpasso. Per il Festival si potrebbe leggere come un segno di speranza, vista la forza della fiction di Canale 5. La prima parte del festival, totalmente dedicata ai primi tre superospiti italiani, ha avuto il 25.84% di share (6.998.000 spettatori), mentre il primo episodio della fiction ha raccolto il 24.97% di share con 6.988.000 spettatori, appena 10.000 in meno. I Cesaroni sono stati battuti di un soffio.
    La seconda parte della finale dei Giovani ha avuto invece il 37.17% (ma è durata fino all’1:40 circa) con 4.206.000 telespettatori, mentre I Cesaroni hanno segnato il 28.78% con 6.565.000.

    Mediaset fa, però, notare che nella sovrapposizione tra il Festival e la fiction, dalle 21:20 alle 22:54 e poi dalle 22:59 alle 23:33, Canale 5 ha battuto RaiUno di misura, con il 26.8% con 6 milioni 781 mila telespettatori contro il 26.6% con 6 milioni 718 mila dell’ammiraglia Rai. I Cesaroni hanno confermato i loro ascolti, guadagnando anche qualcosa rispetto alla scorsa settimana, quando nel primo episodio aveva avuto 6 milioni 952 mila spettatori (26.16%), mentre nel secondo aveva fatto segnare 6 milioni 748 mila (31.39%).

    Nuovo calo del Festival, dunque, che registra in media 5.602.000 telespettatori e uno share del 31,05%. Mezzo milione di telespettatori in meno rispetto alla serata dei duetti aveva tenuto facendo registrare 8 milioni 260 mila telespettatori pari al 30.21% di share nella prima parte e 4 milioni 566 mila con il 38.34% nella seconda. La media era stata del 33.20% (6 milioni 152 mila). La mossa di contrastare I Cesaroni con i superospiti italiani ha comunque evitato la débacle soprattutto nella prima parte del programma, anche se ha finito per penalizzare l’intera struttura della puntata.

    Quella di ieri, infatti, è stata una serata fiume, terminata praticamente alle due di notte. “Stringiamo, tra un po’ è Natale”, dice Chiambretti, interpretando il pensiero di tutti. Molte critiche tra i giornalisti per l’infinita durata e per l’assoluta “assenza” dei Giovani relegati al ruolo di comparse nella sfilata di superospiti che hanno dominato la scena. Qualche lacrima per Loredana Bertè, cui è stato consegnato il premio della Critica assegnato alla sorella Mimì nel 1982, e tanti sbadigli, in attesa del verdetto della sezione Giovani.

    In basso il duetto di Loredana Bertè con Spagna, riproposto ieri sera, e la consegna del premio.

    Come ormai sappiamo, hanno vinto I Sonohra con il brano L’amore, al secondo posto La Scelta, con Il nostro tempo e al terzo Jacopo Troiani, con Ho bisogno di sentirmi dire Ti voglio bene. I due fratelli veronesi Luca e Diego Fainello, ribattezzatisi Sonohra (con l’acca posizionata un po’ a caso), vengono direttamente dai localini della loro zona e dai garage in cui provavano. Giuria demoscopica e televoto ne hanno sancito la vittoria, che invece la giuria di qualità avrebbe riservato al gruppo La Scelta, giunto alla fine secondo.
    In basso la canzone vincitrice.

    Ai Frank Head, il cui leader ieri sera si è esibito con un filo di voce, è andato il Premio della Critica. La loro Para parà ra rara, ha vinto con 30 voti sui 129 giornalisti votanti: 121 i voti validi, 7 le schede nulle, 1 scheda bianca. Hanno riportato voti anche Valerio Sanzotta (27), La Scelta (22), Giua (19), Ariel (8), Valeria Vaglio (7), Sonhora (4), Milagro (3) e Jacopo Troiani (1 voto).

    Ariel, invece, ha conquistato con 18 voti il premio Sala Stampa Radio-Tv, assegnato dalle 84 testate accreditate: voti validi 80, schede nulle 3, bianche 1. Hanno riportato voti anche La Scelta (17 voti), Frank Head (14 voti), Giua (8 voti), Sonhora (7 voti), Milagro (4 voti), Sanzotta e Troiani (3 voti), Battaglia, Rapetti e Vaglio (2 voti).

    Non si placano, intanto, le polemiche su questo Festival che ha lasciato un po’ con l’amaro in bocca, soprattutto per i risultati d’ascolto che non hanno premiato la “qualità” come dice Baudo, ma che sono stati anche causati dalle sempre eccessive lunghezze. Si continua a riflettere, come ogni anno del resto, sulla necessità di sfoltire la formula, mentre la Rai difende l’operato di Baudo e invita a non sparare su un modello che comunque finora è stato vincente. “Più lo vedo e più penso che è un bello spettacolo — sostiene il direttore di RaiUno, Fabrizio Del Noce, che quest’anno è stato il più possibile accanto a Baudo. “Il calo d’ascolti è difficilmente spiegabile – continua il direttore. – Bisognerà ridefinire gli accordi con il Comune di Sanremo e con i discografici, s’impone una riflessione di marketing“.
    In effetti il Comune preme per le cinque serate, mentre i discografici non vogliono la gara tra i Big: questi, in sostanza, i due principali ostacoli per rianimare un format che rantola da anni, senza colpe da parte dei conduttori, per quantola progressiva riduzione del ruolo di Chiambretti, dominatore della prima serata e poi relegato a terza valletta, ha un po’ spento gli unici momenti davvero brillanti che avevano fatto intraverede ben altro nella puntata d’esordio.

    Stasera tocca ai big: sentiremo di nuovo le canzoni in gara, ormai 19 dopo l’esclusione di Loredana Bertè che comunque ha completato ieri sera il pacchetto di tre esibizioni previsto dalla partecipazione al Festival.
    Il verdetto arriverà agli albori della notte, o forse domani, come suggerisce Chiambretti. La Giuria di Qualità sarà composta stasera da Fabrizio Frizzi, Giancarlo Magalli, Gianni Boncompagni, Tiziana Ferrario, Giampiero Mughini, Martina Colombari, Emilio Fede, Gloria Guida e dalla danzatrice classica Eleonora Abbagnato.
    A loro il compito di agitare un po’ le acque di una serata che, vista la finale Giovani di ieri, un po’ ci spaventa.

    1269

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AuditelFestival di Sanremo 2013Fiction italianePiero ChiambrettiPippo BaudoVideofestival-sanremo-2008Loredana Bertè