Il Detective Monk spodesta il Tenente Colombo

Detective Monk spodesta il Tenente Colombo: Rete4 manda in onda la quarta stagione della serie interpretata da Tony Shalhoub, degno erede di Peter Falk

da , il

    Tony Shalhoub è un attore e regista, di origine libanese, versatile e capace di immergersi talmente tanto nei ruoli da diventare quasi irriconoscibile.

    Tony Shalhoub dà vita ad Adrian Monk, un detective eccentrico e brillante, un investigatore pieno di tic, ma ricco di capacità investigative e umane, il giusto erede di Colombo.

    E infatti solo Monk ci è riuscito: far sparire dalla programmazione di Rete 4 il Tenente Colombo!!!…o almeno limitarla!

    Sì perchè pare che Rete 4 abbia sempre la cassettina di Colombo pronta, di domenica pomeriggio sul tardi poi, …è un classico! mentre per la messa in onda degli episodi della terza stagione di Monk ha fatto tribolare i suoi fan, me compresa, per ben un anno e mezzo(i primi 4 episodi sono stati trasmessi in Italia dal 15 settembre al 22 settembre 2005; i rimanenti dal 28 giugno al 1° agosto 2007), con questo lunghissimo periodo di sospensione inspiegabile!

    Tony Shalhoub scopre la sua passione per la recitazione alla tenera età di sei anni, quando la sorella lo convince a offrirsi volontario per un piccolo ruolo in una rappresentazione scolastica de “Il re ed io” .

    Dopo aver conseguito il master alla Yale Drama School ed essersi unito alla compagnia dell’American Repertory Theatre, Tony debutta sul grande schermo nel film drammatico “Che mi dici di Willy?” di Norman René.

    Capace di spaziare dalla commedia al grottesco al dramma, fra le sue interpretazioni più riuscite “Big Night” del 1996, “Attacco al potere” del 1998, “A civil action” dello stesso anno, “L’uomo che non c’era” dei fratelli Coen (2001) con il quale ottiene una nomination per il premio dell’American Film Institute, come migliore attore dell’anno.

    Ma Tony Shalhoub è soprattutto famoso per la straordinaria interpretazione nella serie-tv Detective Monk, grazie alla quale ha vinto per sei volte consecutive l’Emmy Award, l’oscar per la televisione statunitense e un Golden Globe.

    Grazie a un’intelligenza e a uno spirito di osservazione fuori dal comune, Monk è in grado di risolvere qualsiasi caso di omicidio. Purtroppo, da quando è morta sua moglie, Trudy, uccisa da una bomba indirizzata a lui, è affetto da una grave forma di disturbo ossessivo-compulsivo. Monk è ossessionato dall’igiene e dall’ordine. Se gli capita di stringere la mano a qualcuno, non si dà pace finchè non si è lavato. Passa buona parte della notte a pulire meticolosamente il suo appartamento e custodisce la biancheria in buste di plastica rigorosamente sigillate. Ha tante altre paure, compresa quella del latte, e quando passseggia per San Francisco assieme alla fedele infermiera-assistente Sharona-Bitty Schram, (poi quando Sharona lascia Monk per tornare dall’ex marito, dalla terza serie, Natalie Teeger-Traylor Howard diventa la nuova assistente personale di Monk) non può fare a meno di toccare con il palmo della mano tutti i parchimetri che incontra sulla sua strada. Viste le sue condizioni, la polizia lo ha sospeso dal servizio fino alla guarigione. Ma il capitano Leland Stottlemeyer-Ted Levine non può fare a meno di lui e, dopo tre anni, lo convince a lavorare come consulente esterno.

    Pur trattando la soluzione di casi di omicidi, questo telefilm convince per il suo essere a metà tra commedia e dramma, anche perché deve tutto o quasi alla straordinaria interpretazione di Shalhoub!

    La serie televisiva che racconta le gesta di questo detective, protagonista di questa serie ambientata a San Francisco, va in onda il mercoledì, in prima serata, sute Rete 4. La Quarta stagione inizierà oggi in prima serata.

    Un consiglio: non perdete gli episodi che restano, Monk vi conquisterà !!! e soprattutto divertente e inquietante sarà ritrovarsi in molte delle sue manie…o almeno per me lo è stato!