‘Il corpo del reato’: la serie tv su Stefano Cucchi diretta da Daniele Vicari

‘Il corpo del reato’: la serie tv su Stefano Cucchi diretta da Daniele Vicari

A produrre lo show sarà la Fangango di Domenico Procacci, che ha acquistato i diritti del libro omonimo di Carlo Bonini

    ‘Il corpo del reato’: la serie tv su Stefano Cucchi diretta da Daniele Vicari

    Il corpo del reato‘ sarà una serie tv sul caso di Stefano Cucchi, diretta da Daniele Vicari. L’annuncio arriva dal produttore Domenico Procacci, fondatore della casa cinematografica Fandango. Il progetto è già avviato, sebbene sia ancora nella prima fase di scrittura, ma Procacci rivela che sono già stati acquisiti i diritti per l’adattamento del libro di Carlo Bonini, che darà il titolo al progetto. Per raccontare una delle pagine più drammatiche della storia contemporanea d’Italia, è stato scelto Daniele Vicari, già apprezzato autore di ‘Diaz‘, del quale vengono conservati gli sceneggiatori Laura Paolucci ed Emanuele Scaringi, affiancati dallo stesso Bonini.

    La cronaca italiana torna al centro della narrazione televisiva grazie alla serie tvIl corpo del reato‘ sul caso di Stefano Cucchi, il giovane morto nel 2009 durante la custodia cautelare per possesso di droga. Le circostanze del suo decesso hanno gettato una lunga scia di dubbi sull’operato delle istituzioni, che sono state protagoniste di una vera e propria battaglia giudiziaria e civile. Il lungo percorso verso l’accertamento delle colpe si è protratto fino al gennaio 2017 e sarà proprio l’intero processo il protagonista della serie prodotta da Fandango, sulla base del libro di Carlo Bonini.

    Bonini è una delle firme più eccellenti di Repubblica, già autore acclamato di ‘Acab‘ e ‘Suburra‘, quest’ultimo insieme a Giancarlo De Cataldo.

    L’attualità italiana non ha quindi segreti per lui, grazie a lunghe e approfondite ricerche, come quelle messe in atto per la realizzazione del testo sul caso Stefano Cucchi. Interviste, referti e atti giudiziari rinforzano la storia raccontata dal corpo martoriato di Stefano, diventato uno dei martiri nazionali della lotta ai soprusi e all’abuso di potere.

    La regia è stata affidata a un altro veterano della cronaca civile, Daniele Vicari, che in ‘Diaz‘ aveva portato sul grande schermo le sanguinose vicende dell’occupazione nell’omonima scuola durante il G8 di Genova nel 2001. Quella di Stefano Cucchi è una vicenda difficilmente politicizzabile, come successo nel caso Diaz, e la sua totalmente insensata morte sarà certamente un pugno nello stomaco per tutti gli spettatori. Cucchi fu arrestato il 15 ottobre 2009 per il possesso di 21 grammi di hashish. La sua permanenza nel reparto detenuti dell’ospedale Pertini è tutt’ora fonte di ricerche e domande, ma l’unica cosa certa è che, una settimana dopo il suo arresto, Stefano era morto e il suo corpo era un orrore di lividi. Nel gennaio 2017 cinque militari sono stati rinviati a giudizio per omicidio preterintenzionale e abuso di autorità. Non si conoscono ancora la data d’uscita, il cast o dove sarà trasmessa la serie tv, quindi non ci rimane che aspettare.

    527

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Serie Tv
     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE