Il commissario Montalbano 2017, puntata 20 marzo: cosa è successo

Su Rai 1 è andato in onda l'episodio intitolato 'La piramide di fango'. Riportiamo il riassunto

da , il

    Il Commissario Montalbano 2017 è tornato: cosa è successo nella puntata del 20 marzo? Rai 1 ha riproposto l’episodio ‘La piramide di fango‘, tratto dal romanzo omonimo firmato da Andrea Camilleri. Il racconto ha visto di nuovo Salvo Montalbano – interpretato da Luca Zingaretti – impegnato in un’indagine molto complicata, che questa volta è stato aiutato dai fedeli Fazio, Augello e Catarella, ma anche da un personaggio con il volto di Teresa Mannino, Lucia Gambardella. Approfondiamo il riassunto della puntata in replica appena andata in onda sugli schermi del primo canale.

    Cosa è successo nella puntata del 20 marzo de Il commissario Montalbano 2017? Il riassunto della trama è come sempre tutt’altro che lineare e contiene dettagli utili a comprendere la risoluzione di un altro complicato caso. Salvo Montalbano questa volta ha sventato un enorme giro di corruzione…

    Il Commissario Montalbano: il riassunto della puntata del 20 marzo 2017, ‘La piramide di fango’

    Un uomo fugge in bicicletta nella notte. Poco dopo viene ritrovato morto nei pressi di un cantiere. Montalbano e Fazio iniziano ad indagare e secondo il commissario il fuggitivo è stato raggiunto da un proiettile prima di salire sulla bicicletta. Intanto Augello comunica a Salvo che la giornalista Lucia Gambardella vorrebbe parlargli. Le indagini conducono all’abitazione di Nicotra, ormai deserta. Una donna rivela alcuni particolari. Forse anche Inge la moglie della vittima, è stata uccisa. Mentre Piscopo viene arrestato da Augello, Salvo incontra la Gambardella a casa: la giornalista indaga sulla società Albachiara e conosce Piscopo. Quest’ultimo viene liberato. Intanto si scopre l’identità della vittima: è Geraldo Nicotra, il contabile della Rosaspina. Mentre arriva anche all’identità della terza persona residente a casa Nicotra, Piscopo rischia di morire: Montalbano deve sorvegliare la vittima fuori dalla stanza d’ospedale e mette in fuga due uomini. Piscopo cambia sistemazione e viene trasferito. I vicini di casa della vittima e l’avvocato di Inge rivelano nuovi dettagli sulla donna, ad esempio l’esistenza di un amante tatuato. Intanto Livia comunica a salvo che in giornata arriverà a Vigata.

    Il riassunto della puntata del 20 marzo 2017 de Il Commissario Montalbano prosegue con Pino Pennisi, che finge di essere l’omicida. Montalbano però capisce che l’uomo sta mentendo per coprire qualcuno. Spunta il nome di Rosales e la Gambardella spiega i dettagli sull’uomo al commissario: si tratta di un imprenditore colluso con due clan della zona, Cuffaro e Sinagra. Intanto Pennisi viene assassinato in carcere. Augello collega l’immagine del tatuaggio già visto: l’amante di Inge è Rosales, e anche colui che viveva con i Nicotra. Nell’abitazione viene ritrovato un sotterraneo con un deposito di denaro: Rosales è il cassiere di un grosso giro d’affari ed è l’uomo chiave nella collusione tra politica e mafia. Gli appalti truccati passano tutti nelle sue mani. Montalbano mette alle strette l’uomo pur non avendo prove e costui e rivela l’identità dei colpevoli: si tratta dei Cuffaro. Rosales spiega anche i dettagli su dove e come trovare i soldi sporchi. Arriva Livia e la piramide di fango è stata finalmente scoperchiata: il caso è risolto. Il Commissario Montalbano torna lunedì prossimo con una nuova replica.