Il commissario Montalbano 2017, puntata 17 aprile: cosa è successo

La fiction Il Commissario Montalbano è stata trasmessa su Rai 1 lunedì 17 aprile 2017 con l'episodio intitolato 'La luna di carta': il riassunto della trama della puntata chiarisce i passaggi principali delle indagini di Montalbano che, per capire chi avesse ucciso la vittima, si trova a dividersi tra più fronti, quello professionale e quello sentimentale

da , il

    Cosa è successo nella puntata de Il Commissario Montalbano 2017, trasmessa il 17 aprile su Rai 1 in prima serata? L’episodio ha visto ancora una volta il protagonista Salvo Montalbano, aiutato ai colleghi Augello, Fazio e Catarella, alle prese con un intricato caso. Anche questa volta Montalbano ha dovuto confrontarsi con più di una figura femminile, provando a capirne la psicologia e il comportamento. Scopriamo meglio cosa è accaduto nell’episodio andato in onda come ogni lunedì sera sul primo canale.

    Il riassunto della puntata del 17 aprile de Il commissario Montalbano 2017 si riferisce all’episodio ‘La luna di carta’, trasmesso su Rai 1 a partire dalle ore 21,10. Salvo Montalbano ha dovuto risolvere un altro complicato omicidio, intorno al quale molti personaggi apparivano coinvolti…

    Il Commissario Montalbano: il riassunto della puntata del 17 aprile 2017, ‘La luna di carta’

    Salvo viene raggiunto in commissariato da una donna che denuncia la scomparsa del fratello: Michela Pardo però ha le chiavi di casa dell’uomo e, insieme al commissario, si reca a casa sua. Angelo Pardo viene ritrovato morto nella propria casa, ucciso da un colpo di pistola. Il movente sembrerebbe essere passionale. Le indagini del poliziotto analizzano tutti gli aspetti della vita della vittima, intanto il medico legale smentisce che abbia avuto rapporti prima di essere assassinato. Salvo va dalla sorella per comunicarle di aver trovato la chiave di una cassetta blindata ma non tale cassetta, e lei rivela che loro facevano cassa comune. Il poliziotto le annuncia anche di aver fatto conoscenza dell’amante Elena, che gli ha spiegato che Angelo faceva il medico ma è stato radiato: la donna confessa che suo fratello aveva messo incinta una ragazzina, morta dopo un aborto clandestino.

    Dal riassunto della puntata del 17 aprile 2017 de Il Commissario Montalbano sembrerebbe, in un primo momento, che Elena Sclafani fosse una donna gelosa, che mandava lettere minatorie all’amante. La donna però, dopo un pranzo con Salvo, gli dice che quelle lettere le ha scritte su dettatura proprio di Angelo, con lo scopo di farla sembrare gelosa di lui agli occhi della protettiva sorella. Intanto, dopo la morte di Nicotra, molti politici della zona cominciano a spegnersi per lo stesso motivo: assunzione di droga tagliata male. La faccenda però è delicata e non possono trapelare dettagli, quindi Montalbano consiglia ad Augello di essere cauto.

    Teresa, la ex di Angelo, racconta quello che l’uomo le aveva fatto anni prima: era rimasta incinta e lui l’aveva addormentata e fatta abortire con l’aiuto di un collega, che lei non ha mai visto in faccia. Fazio scopre che anche Michela ha abortito e che il suo fidanzato è morto dopo aver cenato con Angelo Pardo. L’uomo, durante il processo per l’aborto, si è fatto difendere da Nicotra, suo amico di famiglia. Il referto legale fa emergere un dettaglio: nella bocca della vittima era presente un filo particolare usato quasi esclusivamente per realizzare slip da donna. Elena, per avere un alibi, dice di aver trascorso due ore con un giovane benzinaio proprio la notte in cui Pardo è stato ucciso, ma vorrebbe che suo marito non fosse informato. Michela dimostra di odiarla sempre di più. Il commissario capisce che la sorella della vittima ha messo in mostra le lettere di Elena durante la notte che ha trascorso a casa, facendo sparire la cassetta di sicurezza.

    La donna ha deciso di proteggere la memoria del fratello, il quale, per fare regali costosi a Elena, la donna che amava, aveva iniziato a spacciare droga. La cassetta è nascosta nella sua bara, contiene cocaina e la sostanza usata per tagliarla: tale sostanza ha ucciso Nicotra e gli altri politici. Michela ha provato a far ricadere la colpa su Elena, ed è stata ancora lei a fare abortire Teresa. Il fratello le voleva bene ma aveva provocato la morte del suo fidanzato. Michela, dopo che Montalbano la mette davanti ai fatti, si allontana con una scusa e si suicida, gettandosi dalle scale. Salvo chiama Mimì Augello di notte, per parlargli di una questione: l’identità degli assassini di Pardo potrà essere scoperta riaprendo la bara di Pardo e recuperando la cassetta di sicurezza. Montalbano però, il giorno seguente, scopre che il lunedì – lo stesso giorno dell’omicidio – il benzinaio che forniva un alibi a Elena, è chiuso. Così chiama la donna, che gli racconta di essersi recata da Pardo e di averlo allontanato. Dopo di lei è arrivata la sorella Michela e gli ha sparato. Anche questo caso è chiuso: Il Commissario Montalbano torna lunedì prossimo con un’altra replica.