Il Bunga Bunga di Berlusconi, il video 3D dalla Cina

Il Bunga Bunga di Berlusconi, il video 3D dalla Cina

Da Hong Kong un video in 3D per spiegare il Bunga Bunga di Silvio Berlusconi e il caso politico che ne è scaturito: un'animazione curata ed essenziale di certo poco ambigua

    Il Bunga Bunga di Silvio Berlusconi è arrivato anche in Cina: il caso, nato dalle dichiarazioni della 17enne marocchina Ruby - che hanno portato Emilio Fede e Lele Mora nel libro degli indagati della procura di Milano per favoreggiamento della prostituzione – tiene banco anche nei Tg cinesi. E per spiegare ai propri telespettatori di cosa si tratta, un’emittente di Hong Kong ha ricostruito le feste di Arcore con un’animazione digitale nella quale si fa chiaramente capire, senza scendere in dettagli, cosa si intenda per Bunga Bunga, al di là delle questioni eziologiche associate a questa pratica (semplice barzelletta o tradizione popolare?). In alto il video.

    La Cina è vicina, anzi diremmo che ormai ci ha superato: per spiegare ai telespettatori cosa stia succedendo in Italia, cosa sia il Bunga Bunga, quali le ultime polemiche che hanno investito il premier Silvio Berlusconi, una tv cinese ha realizzato una breve, ma esplicativa, animazione che riscostriusce in sintesi le feste ‘proibite’ ad Arcore. Si vede l”avatar’ di Silvio Berlusconi prima bere allegro in compagnia di alcune ragazze, poi allontanarsi con una di loro in una camera da letto: una dissolvenza a nero lascia immaginare al pubblico la continuazione. Poco dopo si vede la ragazza fermata dalla polizia e condotta in questura, dove (cuore della questione politica) sarebbero giunte le due (non una) telefonate da Palazzo Chigi per velocizzare (e assicurarsi) le pratiche di rilascio e affidamento della minorenne a una persona di fiducia del premier, la sua ex igienista dentale ora consigliere della Regione Lombardia.

    Ma, Bunga Bunga a parte, i cinesi non dimenticano i precedenti scandali che hanno colpito Berlusconi, su tutti il caso Noemi Letizia, che ha sancito la separazione da Veronica Lario. Insomma, per i cinesi il Bunga Bunga e lo scandalo Ruby sono le ennesime puntate di una sitcom pruriginosa divertente da seguire. E per noi? Quantomeno lo spunto per un Bunga Bunga firmato Elio e Le Storie Tese.

    384