Il Boss delle Cerimonie e lo sfarzo napoletano

Il Boss delle Cerimonie e lo sfarzo napoletano

Il Boss delle Cerimonie e lo sfarzo napoletano: recensione del programma in onda su Real Time

    Da oltre vent’anni Don Antonio organizza cerimonie nel suo castello campano. Tutti lo vogliono ma lui, conscio del suo prestigio, si concede a pochi eletti… Abbiamo due sposi che passo passo in ogni puntata saranno seguiti per raccontare il coronarsi del loro amore. Questa è solo la prima edizione ma è già un successo nazionale.

    La festa non è festa senza frutti di mare crudi ed ecco che si scatena l’inferno. Pare che quelli di Napoli centro debbano essere accontentati per forza, quindi crudo e spumante assicurati o niente matrimonio! Gli sposi dormiranno nella suite dove si fermò anche la magnifica Sophia Loren, che gioia, che sogno. Quindi, nella prima parte si definisce il ricevimento tra un litigio e l’altro. Nella seconda invece si cerca l’abito. Lo stile “tamarro” spopola, il pizzo, gli spacchi e le trasparenze non sono mai abbastanza.

    Don Antonio è sempre al castello, ora preso dalla sua autobiografia evidentemente necessaria all’umanità. Euforia in casa Tarallo per l’addio alla vita da single tanto odiata dalla giovane futura sposa… L’amore trionfa ed il suo fidanzato Paolo le fa una serenata neomelodica sotto casa tra gli abbracci di tutto il quartiere. Cioè voglio dire, un conto è se fossimo in un film degli anni 50′ quando il popolo sognava e sperava in un futuro migliore pur non essendoci da mangiare, ma oggi siamo disillusi e dobbiamo necessariamente fare i conti con la realtà quotidiana.

    Un teatrino del genere è quantomeno eccessivo.

    Ma in ogni puntata ci sono serenate quindi deve essere un’abitudine innocente e romantica diffusa al sud. Un po’ come nelle famiglie patriarcali le figlie femmine possono lasciare la casa natale solo se contraggono matrimonio. Un po’ triste, a mio modesto parere, visto che siamo nel 2014. L’importante è che sia una scelta e non un’imposizione. Nella terza puntata ad esempio i due sposi arrivano in carrozza, prenotano tutto il castello, la festa va avanti per ore, si balla e si mangia ancora e ancora fino a scoppiare, é la tradizione.
    Devo dire che il look sobrio e la classe che si respirano in questi quattro matrimoni colpiscono dritti al cuore. Se anche voi siete in procinto di convolare a nozze non perdetevi la prossima puntata potrebbe cambiarvi la vita, in un modo o nell’altro. La chicca finale è la sigla ve lo dico. Grande Antonio Polese continua così!

    401

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI